Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno febbraio 6th, 2012

lun, feb 6, 2012  Roberta Buscherini
Gli insegnanti esigono un miglioramento del servizio scolastico
Vota Questo Articolo

Lo scorso mese si è tenuto l’incontro tra il coordinatore nazionale della Gilda degli insegnanti, Rino Di Meglio, e  il ministro dell’istruzione, Francesco Profumo.

All’appuntamento si è discusso, tra gli altri temi, della riforma pensionistica e degli scatti d’anzianità; il sindacato degli insegnanti ha inoltre avanzato due proposte per  mediare l´attuale condizione del corpo docente.
Il Gilda ha infatti proposto da un lato di diminuire l´orario d´insegnamento negli ultimi anni di servizio, impiegando i docenti in attività di tutoraggio e dall´altro di concedere part time e pensione, in modo da liberare posti per le nuove leve.

Nel corso del colloquio, infine, il sindacato ha espresso le sue perplessità sulla gestione della valutazione degli insegnanti, secondo Di Meglio, non volta ad un miglioramento della scuola.

Nel complesso l’incontro si è svolto positivamente per il numero uno del sindacato, che ha commentato: “Ci auguriamo che al confronto aperto di quest´oggi seguano anche tavoli tecnici e che, quindi, possano riprendere in modo serio le relazioni sindacali”.

Purtroppo, non è più dello stesso parere dopo il decreto semplificazione licenziato in questi giorni dal Consiglio dei ministri: “Non riusciamo a intravedere né un reale rafforzamento delle istituzioni scolastiche né la minima traccia di un investimento“, commenta Di Meglio.
E ancora: “Non solo non c´è nessun contenuto, ma si rimanda anche a norme che a oggi sono inesistenti”.

Da queste parole trapela la delusione del sindacato e il forte gap tra le loro attese e le decisioni prese. Rimane, però, ancora viva la speranza di un miglioramento sostanziale di tutto il servizio scolastico.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, feb 6, 2012  Roberta Buscherini
Polizia Penitenziaria: detenuti rossi, gialli e blu
Vota Questo Articolo

Il 25 Novembre 2011 il Ministero di Giustizia ha introdotto la circolare num. 3595/6044 dal titolo “ Modalità di esecuzione della pena. Un nuovo modello di trattamento che comprenda sicurezza, accoglienza e rieducazione”.

Lo scopo di questa circolare è quello di regolamentare anche le modalità di custodia cautelare dei cosiddetti “detenuti comuni” ovvero coloro che rientrano nel circuito della media sicurezza. Questo circuito infatti era l’unico a non essere ancora correttamente disciplinato e rispondeva alle norme generiche previste all’interno degli istituti penitenziari.

Questa circolare ha cambiato il concetto di perimetro di detenzione, spostandolo dalla cella alla sezione e aumentando quindi la libertà di movimento del detenuto, che deve comunque sottostare a regole di comportamento precise.
Per poter usufruire di questo nuovo regime però è necessario valutare la pericolosità del detenuto o dell’imputato, classificandolo secondo un codice che ne indica il grado di affidabilità e che può essere bianco, giallo, verde o rosso. La classificazione per colore dipende anche dal tipo di reato e dalla condotta.

La polizia penitenziaria, direttamente interessata da questo cambiato piuttosto radicale, viene coinvolta in modo attivo, ricevendo, in base alla circolare, nella persona del comandante di reparto, il potere di ammettere un detenuto al reparto aperto, lasciando comunque la decisione definitiva all’equipe  guidata dal direttore dell’istituto penitenziario.
Sebbene questa circolare sia stata istituita anche nell’ottica di rieducazione dei detenuti, la polizia penitenziaria legge in questo provvedimento una sostanziale voglia di risparmio. Inoltre la polizia penitenziaria non nasconde la preoccupazione per l’ennesimo provvedimento che mette ulteriormente a rischio la loro incolumità, donando maggiore libertà ai detenuti.

Pur non essendo di principio contrari a questa circolare gli operatori di polizia penitenziaria sono preoccupati per la velocità di cambiamento prevista in questo provvedimento che non prevede politiche intermedie, ma un cambiamento radicale da un regime assolutamente rigido con regole precise a un contesto ben più dinamico che rende certamente più difficile e complessa la gestione dei detenuti.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest