Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno marzo 2nd, 2012

ven, mar 2, 2012  Roberta Buscherini
Dramma nelle carceri italiane
Vota Questo Articolo

La situazione delle carceri italiane e della polizia penitenziaria è grave. Non è uno scherzo né la medesima protesta dei poliziotti che non hanno niente da fare e per ciò si lamentano e basta, senza motivi, senza fondamenti. Siamo stanchi di dire sempre le stesse cose, sembra che qui non ascolti più nessuno.

 

Volete numeri?
- 67.000 detenuti in Italia
- 45.681 posti nelle carceri
- 148 % di sovraffollamento
- 56 % di detenuti con condanna definitiva

 
Ecco i numeri, i livelli di sovraffollamento delle carceri italiane è il più grave di Europa, secondo i dati del Progetto Space (Statistiques Penales Annuelles) creato dal Consiglio d’Europa, e pubblicati sul Corriere della Sera.
Guardate questo video, è un modo molto chiaro e conciso di spiegare la situazione nelle carceri italiane, ormai non si può più nascondere il dramma.

 

 

 

VALUTAZIONI

Al riguardo, il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria,  Giovanni Tamburino, affermava alla Rai che si tratta di ”un fenomeno ancora grave e che va risolto urgentemente”, sia perché’ si creano situazioni ”insostenibili”, sia perché’ ”l’Italia si trova sotto la verifica e il controllo dell’Ue e della Corte di Strasburgo”.
Il sovraffollamento delle carceri per il capo del Dipartimento porta a ”situazioni inaccettabili” e che rendono la detenzione ”ai limiti dell’invivibilità”. Ma la risoluzione del sovraffollamento degli istituti di pena non è il solo grande problema: ”Anche la questione del personale è molto grave -ha aggiunto il magistrato- rispetto a un organico necessario stimato in 41.390 persone, ne abbiamo in servizio circa 34 mila: quindi 7mila unità in meno”.

 

Articoli correlati:

- Polizia Penitenziaria: 100 morti in 12 anni

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest