Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno marzo 7th, 2012

mer, mar 7, 2012  Roberta Buscherini
Stop a diecimila assunzioni nella scuola
Vota Questo Articolo

Il Governo ha detto NO all’assunzione di 10mila insegnanti per il sostegno ai disabili e il tempo pieno. Un emendamento proposto dalle commissioni dell’industria e quella degli Affari.
La Commissione Bilancio della Camera ha bloccato l’emendamento al decreto semplificazioni approvato dalla Commissione Industria, che prevedeva l’assunzione di 10.000 insegnanti di sostegno. Vista la contrarietà del governo alla norma è stato deciso di rinviarla alla Commissione Industria per un nuovo esame. Tra essi uno del Pd che ha spaccato le commissioni, e che prevede lo stop ad alcuni tagli nella scuola introdotti a suo tempo dalla riforma Gelmini, e la concomitante assunzione di 10.000 insegnanti di sostegno, che garantiranno il tempo pieno nelle scuole.
Nulla da fare, almeno per il momento. Il nodo rimane da sciogliere e solo oggi le commissioni competenti, a poche ore dall’arrivo in aula del decreto che potrebbe slittare dalla mattina al pomeriggio, affrontano il dossier alla ricerca di nuove fonti di copertura, inizialmente prevista soprattutto con rincari di birra, alcolici e giochi. Le commissioni competenti in giornata avevano licenziato il testo, con molte modifiche, in vista dell’arrivo nell’aula di Montecitorio, dove già oggi potrebbe arrivare la richiesta della fiducia da parte del Governo.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, mar 7, 2012  Roberta Buscherini
Semplificazioni, ecco gli emendamenti su scuola e lavoro
Vota Questo Articolo

Approvato il “Decreto Semplificazioni” con provvedimenti in materia di burocrazia e lavoro. Il Consiglio dei Ministri ha detto si ad un documento definitivo che ostacolerà la vita dei dipendenti statali e dei cittadini in generale.

 

Governo.it

Ecco i dettagli dei principali provvedimenti:

 

Rincari sull’alcol: la birra e gli altri prodotti alcolici diventeranno più cari per poter pagare la stabilizzazione del personale docente. A prevederlo un emendamento votato in commissione alla Camera, che prevede altresì l’incremento dell’organico dell’autonomia scolastica di altri 10 mila posti dal 2012/2013.

 

Sicurezza sul lavoro: considerata l’importanza della materia, è stato previsto che le semplificazioni non avranno applicazione nelle materie della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Il rischio, secondo i proponenti dell’emendamento approvato, sarebbero stati relativi alla diminuzion dei controlli e della loro efficacia, in un momento in cui purtroppo gli incidenti mortali e invalidianti non mancano di certo.

 

Documenti: il cambio di residenza e altre variazioni personali avverranno in tempo reale e potranno richiedersi anche online, eliminando le code agli sportelli. Coloro che hanno disabilità potranno ottenere le agevolazioni con il solo verbale della commissione medica integrata. Le carte di identità scadranno nel giorno e del mese di nascita, permettendo una facile memorizzazione del termine. Il bollino blu per il controllo dei fumi delle auto avrà una scadenza pari a ogni revisione. Per il rilascio e il rinnovo della patente, sarà sufficiente il certicicato medico.

 

Dipendenti Pubblici: le pubbliche amministrazioni dovranno divenire più virtuose, pareggiando oneri amministrativi. Ogni anno dovrà avvenire una valutazione annua complessiva, comparto per comparto. Coloro che non rispetteranno i tempi di conclusione, rischiano sanzioni pecuniarie disciplinari e pecuniarie inflitte ai singoli funzionari (mentre i cittadini potranno rivolgersi ad altri dirigenti in caso di sforamento dei tempi di risposta).

 

Pubblica Istruzione: iscrizioni all’università possibili solo online, attraverso un unico portale nazionale bilingue. La verbalizzazione degli esami sarà informatizzata. I singoli istituti scolastici saranno resi maggiormente autonomi, attraverso la definizione di organici di autonomia per ciascun istituto e organici di rete estesi anche alle scuole provinciali. Prendere un voto basso alla laurea non pregiudicherà la partecipazione ad alcun concorso. Niente più di limiti di reddito per coloro che aspirano a un incarico di decenza.

 

Disabili: eliminate inutili duplicazioni di documenti e di adempimenti sanitari. Complessivamente, il decreto cancella le complicazioni burocratiche per coloro che sono affetti da disabilità, come ad esempio avviene nel caso del rilascio del contrassegno per parcheggio e accesso al centro storico.

 

Assistenza: le spese per l’assistanza sociale saranno monitorate dall’Inps che accoglierà i dati sulle condizioni economiche dei cittadini che si avvalgono delle agevolazioni, incrociando dati reddituali e fiscali e dichiarazioni sostitutive uniche. Si preannunciano verifiche più rigide al fine di scovare i furbi di turno.

 

Imprese: le imprese parteciperanno a una fase sperimentale di semplificazione sulla base di convenzioni attivate con gli uffici pubblici. Entro fine 2012 saranno pertanto individuate le pratiche da tenere in essere, e le introduzioni delle autocertificazioni ambientali. Sarà maggiormente semplice assumere stagionali o partecipare agli appalti, mentre i controlli sulle imprese saranno più snelli.

 

E-Government: il governo vuole realizzare infrastrutture tecnologiche e immaterialiche possano sostenere la domanda di servizi digitali e rilanciare il sopito e-government, il cloud computing e la digitalizzazione di scuole e università. Più facile l’accesso a fondi per la ricerca nazionali e internazionali. I dati saranno inoltre accessibili in rete, con modalità cloud.

 

Social card: la social card sta per tornare sotto una nuova veste in qualità di “strumento di contrasto alla povertà assoluta”. Il progetto di sperimentazione della social card di nuova generazione interesserà i cittadini di Comuni con più di 250 mila abitanti.

 

Bonus lavoro al sud: il credito di imposta per assumere a tempo indeterminato lavoratori nel Mezzogiorno sarà esteso fino al 2013. L’assunzione dovrà essere operata non più nei 12 mesi successivi al maggio 2011, bensì nei 24 mesi successivi.

 

Cancellazione leggi: il Decreto Semplificazioni cancella 330 leggi “inutili”, che segue il provvedimento taglia-leggi di Calderoli.

 

Pane di domenica: l’articolo 43 del Pacchetto Semplificazioni prevede la soppressione del vincolo in materia di chiusura domenicale e festiva per le imprese di panificazione di natura produttiva. Sarà inoltre più facile vendere alimentari e bevande in occasione di fiere di paese, sagre o altre manifestazioni o eventi straordinari.

 

Niente condono sui manifesti abusivi: sparisce la possibilità di ottenere la sanatoria per l’affissione di manifesti politici abusivi.

 

Mini debiti: il contribuente che ha un contenzioso per una cifra inferiore ai 30 euro non rischierà più di andare incontro a lunghe e onerose procedure per il recupero del credito fiscale. Un limite che era invariato da ben 13 anni, incollato sulle precedenti 32 mila lire. Pertanto, se il debito non supererà la nuova soglia, l’Agenzia delle Entrate non procederà più all’accertamento, all’iscrizione a ruolo e alla riscossione dei crediti relativi ai tributi erariali, regionali e locali.

 

Rete Salva Imprese: si tratta sull’inserimento di una norma che possa consentire alle imprese che hanno avuto problemi con il fisco, ma che comunque hanno pagato e stanno pagando le tasse, di rientrare nel giro d’appalti e dei contratti pubblici. Oggi invece chi ha un debito fiscale accertato è pressochè tagliato fuori dalle gare.

 

Nuova Irap: sarà reso più flessibile l’accesso delle imprese ai regimi opzionali, come il consolidato fiscale o la c.d. Iva di gruppo. Il fisco potrebbe pertanto essere più tollerante con i ritardatari, e meno esigente nei confronti degli altri contribuenti. Per aderire ad alcuni regimi speciali basterà una semplice comunicazione in dichiarazione dei redditi.

 

Partecipazione ai concorsi pubblici: il valore legale del titolo di studio non verrà abolito, ma a parte alcuni casi (come la laurea in medicina), il titolo perderà peso nelle selezioni per la pubblica amministrazione, senza punti bonus a seconda del tipo di laurea o del voto.

 

Niente fondi alle università telematiche: le università telematiche, che rilasciano a distanza lauree e dottorati, non potranno più attingere ai contributi previsti dalla legge sulle Università non statali legalmente riconosciute. Per quanto invece riguarda i ricercatori di tutte le Univeristà, questi non potranno più ottenere compiti di tutorato e di didattica integrativa: in altri termini, dovranno solo fare ricerca, anzichè essere utilizzati per alleggerire il carico dei professori.

 

Liberalizzazione del mercato dei box: chi ha un box di pertinenza di un’abitazione o di un immobile può venderlo indipendentemente dall’immobile, purchè il box diventi servente di altro immobile.

 

Università: nasce il Portale Unico delle Università, bilingue (in italiano e in inglese), all’interno del quale sarà possibile iscriversi e prenotare gli esami di profitto e di laurea, gestire il libretto elettronico (in sostituzione di quello cartaceo), consultare i voti, ottenere tutte le informazioni sul proprio corso di studi. Sarà inoltre potenziato il sistema di valutazione nazionale degli atenei, e semplificate le procedure in materia di ricerca universitaria, compresa l’attribuzione di borse di studio internazionali. Rimane invece il valore legale della laurea.

 

Revisione auto: al momento della revisione del veicolo (ogni tre anni se l’auto è nuova, o ogni due in caso contrario) verrà rilasciato il bollino blu. Le procedure saranno più semplici: per il rinnovo della patente di guida per ultraottantenni, ad esempio, la visita sarà effettuata da un medico monocratico alternativo alla commissione.

 

(Roberto Rossi, VostriSoldi)

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, mar 7, 2012  Roberta Buscherini
Polizia di Stato: Concorso pubblico per 80 posti da Commissario
Vota Questo Articolo

E’ indetto un concorso pubblico, per esami, per il conferimento di ottanta posti di commissario del ruolo dei commissari della Polizia di Stato.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere compilata utilizzando la procedura informatica della domanda online, eseguendo le istruzioni ivi specificate, entro e non oltre il termine di 30 giorni, a decorrere dal giorno successivo alla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4^ Serie speciale “Concorsi ed esami”, dalle ore 00.01 del 07/12/2011 alle ore 23.59 del 05/01/2012.

Al termine della procedura di acquisizione informatica della domanda di partecipazione al concorso, il candidato dovrà provvedere a stampare, attraverso l’apposita funzione, la ricevuta di avvenuta iscrizione. Tale documento dovrà essere obbligatoriamente presentato dai candidati, per la successiva sottoscrizione, il giorno della prova scritta d’esame, pena la non ammissione alla stessa.

- 06 marzo 2012 – Pubblicato nella colonna dei documenti l’elenco in ordine alfabetico dei candidati ammessi alla prova preselettiva

- 06 marzo 2012 – Pubblicato nella colonna dei documenti il diaria delle prove scritte che avverranno in data 20 e 21 giugno 2012 ore 08:00

- 02 marzo 2012 – Pubblicato nella colonna dei documenti l’Avviso chiarimenti

E’ stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale del 2 marzo 2012, l’avviso con cui vengono fornite ai candidati intereressati alcune precisazioni riguardo la prova preliminare.

Si comunica che il controllo dei documenti di identità dei candidati sarà a cura del personale di Polizia Scientifica della Polizia di Stato.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest