Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno maggio 12th, 2012

sab, mag 12, 2012  Roberta Buscherini
Tagli sui dipendenti pubblici, aggiornamenti!
Vota Questo Articolo

Entro il 31 maggio i ministeri romani  dovranno presentare una relazione sui tagli di spesa secondo i criteri di massima previsti dalla spending review.
Con il termine spendig review si intende il  meccanismo di revisione di ogni voce di spesa pubblica appena varato dal governo e precisato con un’apposita direttiva dal premier Monti.
Per i ministeri,  si tratta quindi, di una prova complessa da svolgere e in tempi davvero brevi.

L’obiettivo di tale manovra è quello di  “ridurre la spesa pubblica di 80 miliardi riducendo sprechi, inefficienze e corruzione”; obiettivo assai affascinante che, però, si tradurrà inevitabilmente anche in migliaia di trasferimenti per i dipendenti pubblici,  chiusure e accorpamenti di centinaia di uffici e di scuole e riduzioni di carriere.

Dovranno cambiare, secondo il governo, alcune abitudini radicate che negli ultimi 20 anni hanno fatto crescere i costi del sistema pubblico di 70 miliardi in più rispetto a quelli privati.
A tal proposito  Palazzo Chigi dichiara nella recente direttiva che “Ciascun ministero, con la collaborazione della struttura interministeriale istituita con decreto del presidente del Consiglio dei ministri proporrà un progetto contenente sia gli interventi di revisione e riduzione della spesa atti a generare i risparmi di spesa previsti, sia misure di razionalizzazione organizzativa e di risparmi per gli esercizi futuri”.

Si profila quindi una riforma profonda, ameno sulla carta, che riporta vere e proprie bombe per la routine ministeriale italiana: la più importante riguarda forse, però, le carenze diffuse riscontrate nell’organizzazione del lavoro, nelle politiche retributive e nell’acquisto dei beni.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest