Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al mese giugno, 2012

gio, giu 28, 2012  Roberta Buscherini
Spending Review: in ballo le misure per dipendenti pubblici
Vota Questo Articolo

Foto: newspedia

Fra una settimana, il Governo approverà definitivamente il decreto che dovrebbe, talaltro, allontanare l’incremento dell’Iva. In questo decreto sono previsti risparmi della spesa pubblica che colpiranno diversi ministeri. Ci sono però alcuni dubbi ancora sui dipendenti pubblici. Infatti, si parla di riduzione delle piante organiche, di mobilità per ultrasessantenni o il taglio del buono pasto. Ma di chiaro, non c’è niente.

 

 

In ballo ci sono misure come:

-       Mobilità per gli statali, già possibile da tempo ma mai applicato

-       Riduzione del buono pasto alla soglia dei 5,29 euro

-       Taglio delle tredicesime

 

 

Uno dei settori di dipendenti pubblici maggiormente colpiti dai tagli previsti dal Governo, sono gli appartenenti al Ministero di Sanità, in quanto il governo vorrebbe risparmiare almeno un miliardo di euro tra interventi sui farmaci e razionalizzazione di acquisti da parte delle Asl.

Nel caso delle province, la loro esistenza ha rischiato. Finalmente non saranno eliminate ma il governo è deciso a realizzare una riduzione drastica, infatti il numero degli enti da sopprimere è da circa 40.

Contemporaneamente andrebbe avanti l’unione dei piccoli Comuni con meno di 1.000 abitanti, a partire dalla condivisione dei principali servizi.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, giu 27, 2012  Roberta Buscherini
Caso Aldrovandi: condannati che insultano la madre della vittima…che tristezza!
Vota Questo Articolo

Federico Aldrovandi (Giornaletismo)

Io credo nella giustizia, ho fiducia nella giustizia ed è proprio per quello che sono diventato Poliziotto. Penso che nella società ci sono delle regole che bisogna rispettare, indipendentemente da chi sei e da che lavoro fai. Parlo del caso Aldrovandi e considero che una volta pubblicata la sentenza della Cassazione che condanna a 4 poliziotti a tre anni e sei mesi di reclusione, non sono più i miei colleghi ma sono assassini. Io la vedo così.

 

Mi dispiace scoprire che dopo, una volta emessa la sentenza, i genitori del ragazzo devono ancora ricevere degli insulti. Hanno perso un figlio, possiamo lasciarli stare?

 

Il gruppo Prima Difesa su Facebook, ha accolto diversi insulti contro la madre di Federico Aldrovandi, Patrizia Moretti del tipo “La “madre se avesse saputo fare la madre, non avrebbe allevato un “cucciolo di maiale”, ma un uomo!”; “Avete sentito la mamma di Aldrovandi…fermate questo scempio per dio… vuole che i 4 poliziotti vadano in carcere…io sono una bestiaaaaa”; “Che faccia da culo che aveva sul tg una falsa e ipocrita…”. Il gruppo è stato chiuso ma questi erano i commenti che si vedevano nella bacheca contro la madre di Federico.

 

Uno dei responsabili di talI complimenti è stato Paolo Forlani, uno degli agenti indagati per l’omicidio del 18enne. Giudicate voi?

 

Mi sembra di aver capito che questo individuo ritiene che i genitori della vittima siano colpevoli ma, vorrei ricordargli che c’è una sentenza nella quale si legge che ad uccidere Federico sono stati colpi ricevuti in tutto il colpo.

 

Quest’ultime parole le ha digitate uno degli agenti indagati, tale Paolo Forlani, che getta la sua rabbia e il suo stress contro la mamma a cui è stato ucciso il figlio in un normale controllo di polizia. “La manovra di arresto, contenimento e immobilizzazione attuata con estrema violenza e con modalità scorrette e lesive, quasi volessero ‘punire’ Aldrovandi”, non dimentichiamo che si trattava di un normale controllo. Il ragazzo non aveva fatto niente. Era a terra, non poteva respirare e continuava a ricevere colpi.

 

Nei diversi giudizi sono state portate le telefonate tra i poliziotti indagati e la caserma e tutto si è scoperto.

 

Poi insultate alla madre? Non siete stati in grado di dimostrare in questi anni la vostra innocenza e ora insultate alla madre? Ma che razza di poliziotti siete? 4 contro 1 e armati….bravi, davvero bravi. I miei complimenti!!!!

 

Io non vi considero colleghi: gli incidenti succedono ma non in questo modo.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, giu 27, 2012  Roberta Buscherini
Aeronautica Militare: eroi 24 ore su 24
Vota Questo Articolo

Gli eroi esistono e sono vicino a noi, quest’idea mi piace e non vorrei scordarmi mai di ringraziare le persone il cui lavoro è basato nel soccorso agli altri. Ecco un esempio:

 

Foto: Aeronautica Militare

Appartenenti all’Aeronautica Militare di Cervia hanno salvato la vita a 6 persone questa notte con un elicottero HH (Hospital Helicopter) dell’83° Centro SAR del 15° Stormo dell’Aeronautica.

 

La vicenda è accaduta poco prima di mezza notte, secondo fonti dell’Aeronautica Militare, quando la sala operativa della Forza Armata ha dovuto attivare il servizio di ricerca e soccorso dell’Aeronautica Militare per soccorrere un’ imbarcazione a vela di circa 16 metri che si era incagliata nelle vicinanze dell’imboccatura del porto di Chioggia ed il recupero delle 6 persone a bordo.

 

I militari hanno identificato il luogo è poi hanno verificato le condizioni del personale da soccorrere tramite un aero soccorritore. Si è deciso, dunque, di operare il soccorso a mezzo verricello, istruendo il personale in difficoltà a scendere in acqua, in maniera da evitare che l’elicottero potesse essere in posizione di rischio rispetto al movimento dell’albero dell’imbarcazione di circa 20 metri, che si muoveva in maniera consistente a causa del mare grosso, riportato nella misura di forza 3, forza 4.

 

Le operazioni di soccorso, condotte in coordinamento con le unità navali della Capitaneria di Porto, venivano portate a termine in maniera positiva dopo circa 40 minuti e le 6 persone recuperate sono state condotte presso l’aeroporto di Venezia Tessera, dove un’ambulanza era stata predisposta ad attenderli.

 

Soccorsi dell’Aeronautica Militare

Il 15° Stormo dell’Aeronautica Militare garantisce 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, concorrendo, inoltre, ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato circa 7.000 persone in pericolo di vita.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, giu 27, 2012  Roberta Buscherini
Carabinieri: Braj torna a casa
Vota Questo Articolo

La salma di Manuele Braj, morto lunedì scorso in un attentato in Afghanistan, arriverà stamattina a Roma, dove stasera alle 19.00 sono previste le esequie solenni, presso la basilica di Santa Maria degli Angeli.

 

Nell’esplosione che ha ucciso Braj, accaduta a 60 kilometri a sud di Herat, sono rimasti feriti altri tre militari italiani: il maresciallo capo Dario Cristinelli, nato a Lovere, Bergamo, il 13 settembre 1974, proveniente dalla seconda brigata mobile carabinieri di Livorno, capo nucleo addestramento e presente in garitta per impartire disposizioni di dettaglio; l’appuntato Enrico Filippo Napolitano, nato a Torino il 5 marzo 1979, proveniente dal settimo reggimento carabinieri Trentino-Alto Adige, istruttore; e il carabiniere scelto Emiliano Asta, nato ad Alcamo, Trapani, il 30 dicembre 1982, proveniente dal settimo reggimento carabinieri Trentino-Alto Adige, istruttore.

 

Secondo ha pubblicato Grnet, è stato il sottosegretario alla Difesa, Filippo Milone, ha spiegare le condizioni fisiche dei tre feriti che non sono in pericolo di vita. Cristinelli presenta diverse fratture al braccio sinistro che gli è stato operato durante la notte per cercare di ripristinare la vascolarizzazione. Mentre il carabiniere scelto Asta ha subìto fratture a tibia e perone sinistri, al perone destro e all’astragalo destro, e stamattina è stato operato “per la rimozione di alcune schegge”. Subito dopo la deflagrazione, i connazionali sono stati prontamente trasportati presso l’ospedale militare statunitense Role 2 di Shindand e, nella stessa serata, all’ospedale militare anglo-statunitense Role 3 di Camp Bastion, provincia di Helmand, per le ulteriori cure e interventi del caso, ha detto ancora il sottosegretario, annunciando che per il maresciallo capo Cristinelli e il carabiniere scelto Asta si sta valutando il trasferimento nella struttura ospedaliera di Ramstein.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, giu 26, 2012  Roberta Buscherini
Onore al carabiniere caduto il 25/6/2012: Manuele Braj
Vota Questo Articolo

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest