Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno settembre 29th, 2012

sab, set 29, 2012  Roberta Buscherini
Medici: “per migliorare la qualità del servizio è necessario aumentare il personale”
Vota Questo Articolo

Assistenza medica sul territorio per 24 ore al giorno e dal 2014 anche durante le festività. È quanto prevede il decreto legislativo del Ministro Balduzzi. Impossibile. È la risposta di un sondaggio indetto da Health Monitor CompuGroup Medical e dal quotidiano Il sole24 ore, che ha riguardato 2010 medici di base. In realtà però le strutture di assistenza medica aperte 24 ore su 24 esistono già e sono anche molto ben radicate nel territorio; dunque non serve nulla di nuovo, nessuna rivoluzione né cambiamento all’orizzonte, solo un potenziamento di una realtà già esistente e per alcuni un po’ scomoda.

 

 

Medici: Eterna Assistenza

“L’assistenza di 24 ore, 7 giorni su 7, è solo un grande slogan pubblicitario propagandato dai media e che sta creando notevole confusione sia nei medici sia nei pazienti” afferma a Panorama.it  Pina Onotri, rappresentante nazionale Smi per la continuità assistenziale . La Onofri si lascia andare a una riflessione più approfondita sulla capillarità di un servizio assistenziale già esistente e del quale, a suo parere, le istituzioni vogliono forzatamente ignorare l’esistenza e l’efficienza: “questo tipo di copertura in Italia esiste già: di giorno i medici di famiglia, di notte la continuità assistenziale, la ex guardia medica, per le prestazioni non differibili. Oltre al 118 per le emergenze. Per i medici di famiglia, già oggi, sono previsti nell’Accordo collettivo nazionale della medicina generale forme di aggregazione tra professionisti quali la possibilità di essere collegati in rete per scambiarsi i dati clinici sui pazienti o esercitare medicina di gruppo, svolgendo la professione nello stesso studio ”.

 

 

Secondo l’85% degli intervistati nell’ambito del sondaggio non è tuttavia un obbiettivo realistico quello di garantire una copertura medica assistenziale 24 ore su 24; non solo ma dall’indagine emergono degli  spunti di riflessione importanti su come poter migliorare la sanità territoriale che non vanno ignorati, in quanto la fonte arriva proprio dal campo di applicazione del decreto.

 

 

Alla luce dei dati raccolti con questo sondaggio infatti secondo i medici di base il primo passo da fare per migliorare l’assistenza sanitaria sul territorio è l’aumento del personale infermieristico e dei collaboratori e il potenziamento della diagnostica negli ambulatori. Gli intervistati poi chiedono di rivedere il sistema di formazione e di riaprire immediatamente in questa direzione i tavoli di contrattazione.

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest