Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno marzo 27th, 2013

mer, mar 27, 2013  Patrizia Caroli
Scuola Digitale: Italia Verso la Scuola Online
2 (40%) 1 Vota Questo Articolo

Scuola Digitale: Il governo firma un decreto che prevede, dall’anno scolastico 2014 / 2015 solo libri digitali o misti e un tablet per ogni studente. Conclusione, meno libri, meno spese per le famiglie e zaini più leggeri per i bambini.

 

L’Italia fa un passo importante in avanti verso la scuola online, infatti ancora un anno di tempo e poi, nella scuola pubblica italiana entrerà soltanto materiale digitale o misto. Questo implicherà, secondo il MIUR, una riduzione della spesa per le famiglie di circa il 30 %, oltre un passo in avanti verso la scuola online. 

 

La normativa verrà applicata in modo progressivo. Inizialmente colpirà le classi di prima e quarta della scuola primaria, la classe prima della scuola secondaria di I grado, la prima e la terza classe della secondaria di II grado.

 

 

scuola digitaleScuola Digitale: meno spese per le famiglie

 

Il nuovo decreto firmato dal MIUR prevede importanti miglioramenti riguardo le tasche delle famiglie italiane: si parla di costi sostenuti.

 

Infatti, i prezzi di copertina dei libri definiti per il prossimo anno scolastico, 2013 / 2014, restano inamovibili anche per l’a.s 2014 /  2015. In questo modo, la riduzione dei tetti di spesa per le famiglie è del 20 %.  Ma, nel caso di famiglie con bambini a cui corrispondono soltanto libri digitali la riduzione arriva fino al 30%.

 

Le scuole potranno utilizzare i risparmi ottenuti, grazie alla scuola digitale, per dotare gli studenti dei supporti tecnologici necessari per leggere i libri digitali, ovvero tablet, personal computer, ecc….

 

Scuola Digitale: Formazione per i docenti

 

I docenti, in questo percorso verso la scuola digitale, avranno a disposizione una piattaforma formativa con informazione on line riguardo i libri di testo in versione mista e digitale, per poter usarli al meglio. Inoltre, è prevista l’attivazione di azioni di monitoraggio e di documentazione, da parte dall’INDIRE, sull’andamento dell’adozione di libri digitali e sulle proposte d’integrazione nella scuola digitale.

 

Questi passi in avanti verso la scuola digitale rispondono ad uno degli obiettivi fissati dall’Agenda Digitale Italiana. Si ricorda che la maggior parte degli studenti sta già usando a casa questi strumenti che ora utilizzerà nella scuola digitale.

 

Patrizia Caroli

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, mar 27, 2013  Ranalli
Competenze docenti oggi: Leggere Per Credere
2.5 (50%) 2 Vota Questo Articolo

Competenze docenti: Il docente oggi, così come si legge nella nota contrattuale deve realizzare un processo d’insegnamento che deve avere come scopo finale la promozione  dello sviluppo umano e culturale oltre che civile e professionale degli alunni.

 

 

Le competenze docenti sono riconducibili a quattro aree che sono le seguenti:

 

-competenze docenti disciplinari

-competenze relative all’epistemologie e alle didattiche disciplinari

-competenze psicopedagogiche

-competenze organizzative.

 

 

Le prime competenze docenti sono ovviamente riferite alle conoscenze specifiche del docente.

 

Le seconde da utilizzare per fini educativi. Le terze per entrare in rapporto con gli allievi per riconoscere le problematiche legate all’età, i conflitti che possono nascere nell’ambito della classe.

Le ultime competenze docenti hanno l’obiettivo di costruire il percorso con colleghi, alunni e l’extra scuola.

 

Competenze Docenti: Professione

 

La professione docente si sviluppa in primis in classe, nella scuola e sul territorio. Quindi al sapere insegnare si abbina il saper vivere con gli altri, cosa non facile e non comune. Oggi le competenze dei docenti sono direttamente collegate e sviluppate nell’ambito della scuola dell’autonomia tanto è vero che ad essi viene richiesta anche la responsabilità nella costruzione e nella gestione dell’offerta formativa. Tutte le attività funzionali all’insegnamento, o compentenze docenti, quali attività collegiali, di programmazione, di ricerca, di valutazione, di documentazione, aggiornamento e formazione, sono tutte collegate e determinano quella professionalità docente così come viene intesa oggi.

 

 

Competenze docenti: orari e retribuzioni

 

 

competenze docentiIl docente oggi a seconda della cattedra ha un orario di insegnamento vario:

il docente della scuola dell’infanzia svolge il proprio servizio su 25 ore settimanali.

Il docente della scuola primaria svolge il proprio servizio su 24 ore settimanali ( 22 di insegnamento più due di programmazione).

 

Il docente della scuola secondaria di primo e secondo grado svolge il proprio orario di servizio su 18 ore settimanali. L’orario settimanale di servizio deve essere sviluppato su non meno di cinque giorni settimanali. Le retribuzioni iniziali e quelle successive a seguito di riconoscimenti di anni ai fini della carriera, si diversificano anche in maniera sostanziosa anche a livello di retribuzione iniziale tabellare.

 

Infatti la retribuzione iniziale tra un docente di scuola prima o dell’infanzia e un docente di scuola secondaria sia esso di primo o secondo grado ha una forbice di circa 1500 euro lordi.

 

Questa forbice diventa sempre più ampia fino a raggiungere i circa 5000 euro lordi al termine della carriera lavorativa.

 

In altri termini tra un docente di scuola primaria e dell’infanzia e un docente di scuola secondaria di secondo grado che si trovano entrambi alla posizione stipendiale di 35 tra le retribuzioni vi è una forbice di circa 5000 euro lordi che determinano ovviamente un diverso trattamento di qui scienza e di trattamento di fine servizio.

 

Tra le competenze docenti o meglio tra le attività funzionali all’insegnamento rientrano anche gli adempimenti individuali e tutte le attività di carattere collegiale che comprendono: la correzione degli elaborati e i rapporti con le famiglie, programmazione progettazione ricerca aggiornamento e formazione compresa la preparazione dei lavori degli organi collegiali, la partecipazione alle riunioni e l’attuazione delle delibere eventualmente adottate.

 

Giancarlo Ranalli

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest