Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno giugno 4th, 2013

mar, giu 4, 2013  Valentina
Stipendi Polizia Penitenziaria. C’è Chi Scende e C’è Chi Sale…
4.4 (88.89%) 9 Vota Questo Articolo

Stipendi polizia penitenziaria. Non si finisce mai di stupirsi. Crisi, tagli, recessione, disoccupazione sono parole che accompagnano il nostro quotidiano da anni ormai senza sosta, infondendo insicurezza, frustrazione e rabbia nei cittadini comuni e nei lavoratori. Quei fortunati che ancora un impiego ce l’hanno e del quale però non possono dirsi soddisfatti: se tutto aumento, le bollette, il cibo, i vestiti, le tasse e le retribuzioni rimangono invariate o nei casi peggiori vengono tassate maggiormente, diminuendo di fatto l’entrata, come si può essere soddisfatti?

O siamo al punto di doversi obbligatoriamente sentirsi fortunati, riguardo gli stipendi polizia penitenziaria, semplicemente perché un lavoro si ha? Se fosse così la nostra società avrebbe fatto mille passi indietro.

 

stipendi polizia penitenziaria

 

Stipendi Polizia Penitenziaria: Inutile Dire Che A Salire Non Sono I Poliziotti Semplici

 

Eppure la realtà che ci viene sbattuta in faccia tutti i giorni, riguardo gli stipendi polizia penitenziaria, non è molto diversa da questa. Pensiamo solo che un recente provvedimento del Ministro della Funzione pubblica lo stipendio del capo della polizia penitenziaria Giovanni Tamburino ha visto un incremento del 3.1% e con effetto retroattivo per il 2012!

 

Come mai? La corte costituzionale ha dichiarato che la tassazione del 5% degli stipendi dei top manager pubblici va considerata illegittima e come tale tolta. Di conseguenza per riequilibrare la tassazione errata è stata introdotta una percentuale di aumento del salario pari al 3.1% a cui a ruota seguono gli aumenti degli alti dirigenti della pubblica amministrazione.

In termini monetari questa decisione fa lievitare la retribuzione del capo Dap  di qualcosa come 10.000 euro annui.

 

Qualcuno penserà che in fondo non c’è nulla di così straordinario, è stata solo ristabilita la legalità seppure sempre ai più ricchi. Pensereste lo stesso se aggiungessi che invece gli stipendi dei poliziotti semplici sono bloccati fino al 2015 e che questo blocco coinvolge anche le indennità, gli assegni di funzione e gli aumenti per le progressioni di carriera? Probabilmente no.

 

 Stipendi Polizia Penitenziaria: differenze giuste???

 

stipendi polizia penitenziaria A differenza della retribuzione del dirigente Dap che si aggira intorno ai 300.000 euro annui, lo stipendio di un agente semplice che ogni giorno combatte in carcere per preservare la propria vita e anche quella sue detenuti non supera mai i 1800 euro mensili e si ferma mediamente ai 1200.

E mentre il Ministro Cancellieri dichiara di lavorare a “360 gradi per raccontare che l’Italia è un paese altamente civile e le sue carceri ne sono degne” ci siamo dimenticati che la vergogna per la vita dei detenuti nei nostri istituti penitenziari, non esime le istituzioni dal vergognarsi per le condizioni di lavoro imposte agli agenti di polizia penitenziaria che oltre a non avere un adeguato luogo nel quale svolgere serenamente e con professionalità le proprie funzioni, non hanno neanche un adeguato riconoscimento economico in virtù dei rischi che corrono.

Se si studiano progetti e si portano avanti percorsi sperimentali per ridimensionare a una condizione civile la vita dei detenuti e ci si dimentica degli agenti di polizia penitenziaria e degli stipendi polizia penitenziaria, la nostra vergogna di certo non sarà finita.

 

 

Fonte: poliziapenitenziaria /  forzepolizia

 

 

Valentina Stipa

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest