Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno aprile 9th, 2014

mer, apr 9, 2014  Ranalli
Renzi E La Spending Review…Come Stanno Le Cose
1.5 (30%) 16 Vota Questo Articolo

Cottarelli,  Il Commissario Straordinario alla spending  review , sembra abbia completato il suo lavoro. Le slide che lo steso ha mostrato al Parlamento parlano della possibilità di una riduzione della spesa pubblica nel prossimo triennio molto consistente con tagli a detta delle rappresentanze sindacali e parte della confindustria assolutamente lineari. Cerchiamo di

ilmessaggero.it

ilmessaggero.it

capire nel dettaglio come propone il Commissario Straordinario fermo restando e questo è bene sottolinearlo che sono proposte tecniche e che il governo del paese si dovrà prendere l’onere e la responsabilità di assumerle se vorrà. Il Premier Renzi è stato molto chiaro su questo….sarà il Governo a prendere la decisione definitiva. Certamente il Commissario è andato molto giù ed a parer mio ci sono cose in quelle slide assolutamente condivisibili altre assolutamente non condivisibili.

k

La cura dimagrante del pubblico impiego può essere un operazione accettabile solo in presenza di uscite certe. Il governo nel recepire queste indicazioni dovrà assolutamente dare al personale eventualmente dichiarato in esubero nella propria amministrazione che può lasciare il servizio usufruendo della normativa sulle pensioni precedenti la fantomatica riforma Fornero, ovvero lasciare il servizio con le quote. Questo è l’unico modo per consentire ai lavoratori di lasciare il servizio non subendo contrazioni dolorose sul proprio assegno di quiescenza. L’esubero annunciato di 85mila unità è davvero tanta cosa speriamo che il governo abbia la lungimiranza necessaria per non far pesare situazioni incresciose sulle famiglie e la strada da percorrere e quella su indicata. C’è da dire ad onor del vero che l’eventuale personale in esubero, detratti i collocamenti a riposo, avranno la possibilità anche se obbligatoria di transitare presso altre amministrazioni pubbliche, in part time e solo alla fine di questo infinito processo scatterebbe la mobilità per anni due.

k

Ovviamente tra le cose non condivisibili c’è quella di colpire le categorie deboli. Vabbene l’ulteriore verifica delle falsi invalidità, ma è assolutamente orribile l’idea di legare la percezione di un indennità quale è l’indennità di accompagno al reddito personale e familiare seppur trattasi di un eventualità prevista per le nuove erogazioni. Questa operazione è davvero penosa e irresponsabile: sono certo che il Governo Renzi non percorrerà questo sentiero. Non appare nemmeno corretto intervenire sulle pensioni di reversibilità e su quelle militari.

K

Appare invece assolutamente giusto intervenire sulle pensioni d’oro e su quelle d’argento, così come appare assolutamente giusto ridurre del 25% le retribuzioni dei manager pubblici. Ridurre del 25% queste retribuzioni si fa certamente un pò di giustizia e non si toglie nulla a costoro poiché vivranno sempre e comunque più che bene senza il rischio di non arrivare alla fine del mese. Sono d’accordo con Renzi: ci vuole equità sociale e questo è un primo passo sicuramente accolto con favore dalla maggioranza degli italiani.  Quindi meno pensioni d’oro, meno pensioni d’argento, riduzione consistente degli stipendi dei manager pubblici = più equità sociale.

k

Questi  provvedimenti sono sicuramente un primo passo verso tutte quelle riforme preannunciate. L’unica attenzione in questo particolare momento della storia del nostro paese deve essere rivolta ai meno tutelati, ai deboli. Questa deve essere la priorità di questo Governo .

K

Giancarlo Ranalli

K

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest