Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno aprile 21st, 2014

lun, apr 21, 2014  Patrizia Caroli
Personale Ata Sbloccate Assunzioni: Ecco cosa propone il 2014
4.3 (85%) 4 Vota Questo Articolo

È infine giunto, atteso come un grande sospiro, lo sblocco generale delle assunzioni relative al personale Ata. Dopo il beneaugurante presagio fornito dal MIUR nello scorso gennaio, si può finalmente parlare di personale Ata sbloccate assunzioni.

a

Fonte: corriere.it

Fonte: corriere.it

a

Personale Ata sbloccate assunzioni: 3700 in tutta Italia

a

Il passaggio più complicato è stato valicato dopo che il MEF ha impartito il “via libera” al decreto già da diverso tempo pronto per la firma: si sta ora lavorando alacremente per le modalità attuative del medesimo. Pertanto per coloro che fanno parte del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario della scuola giunge il sospirato sblocco delle assunzioni. Si tratta di oltre 3700 assunzioni in tutta l’Italia: le assunzioni, inerenti a tutti i profili dell’area relativa al personale Ata, avverranno con decorrenza giuridica dal primo settembre 2014. Gli interessati dovranno quindi partecipare alle operazioni di mobilità per ottenere l’assegnazione della sede di titolarità. Con questo provvedimento si vanno finalmente a completare le assunzioni dell’anno in corso in aggiunta a quelle regolarmente effettuate nello scorso mese di agosto: si giunge pertanto a compiere un altro fondamentale passo in direzione della stabilità del lavoro, uno degli obiettivi più rilevanti che si pongono le maggiori sigle sindacali del settore. La questione del personale Ata sbloccate assunzioni si configura pertanto come un passaggio decisivo all’interno del percorso di consegumento dei suddetti obiettivi di miglioramento della scuola italiana.

a

L’importanza del personale Ata nella scuola italiana

a

Ed a proposito sempre di personale Ata sbloccate assunzioni, non va dimenticato che la situazione dei dipendenti statali afferenti al personale Ata ha attraversato momenti di difficoltà negli ultimi tempi: e proprio con riferimento a ciò la Uil Scuola aveva gettato sul tavolo un interessante piano per la redistribuzione per organici stabili pluriennali e di rete, ribadendo l’inadeguatezza del sistema di ripartizione dei posti per scuola. La visione generale della Uil prevedeva il tentativo di  procedere verso una profonda modifica del sistema di distribuzione dell’organico tenendo conto dei reali bisogni delle scuole e dei nuovi carichi di lavoro, nel rispetto dei vincoli di bilancio sulla entità complessiva della spesa. Insomma l’obiettivo sotteso a tutto il discorso consiste nell’edificare un rinnovato modello di ripartizione dei posti che possa garantire stabilità e certezze al personale e ponga le condizioni per sviluppare e migliorare le condizioni di esercizio e la qualità del lavoro del personale Ata all’interno della scuola pubblica. Il personale Ata assume, senza alcun dubbio una fondamentale importanza nel corretto estrinsecarsi delle funzioni e dello svolgimento delle attività della scuola: l’attuale sblocco delle assunzioni segna un momento di non secondario rilievo in una stagione scolastica (e non solo) costellata da tagli e revisioni di spesa.

a

Personale Ata sbloccate assunzioni: molteplici funzioni

a

La figura incarnata dal personale Ata assolve nella scuola italiana a molteplici funzioni: amministrative, contabili, gestionali, strumentali, operative e di sorveglianza connesse all’attività delle istituzioni scolastiche. Il tutto in forte sinergia con il personale docente e con la supervisione del dirigente scolastico. Gli Ata sono suddivisi in quattro categorie, definite come profili d’area: dal collaboratore scolastico al coordinatore amministrativo, fino al direttore dei servizi. Una scansione ben definita di ruoli: in questo senso la questione inerente al personale Ata sbloccate assunzioni concede una boccata d’ossigeno al settore.

a

Fonti: cislscuola.it, ansa.it, wikipedia

a

Patrizia Caroli

a

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest