Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno agosto 19th, 2014

mar, ago 19, 2014  Roberta Buscherini
Spending review Carabinieri 2014: ecco soppressioni e accorpamenti
3.8 (76%) 5 Vota Questo Articolo

La questione della revisione della spesa che sta attraversando praticamente ogni settore della galassia Italia in questo 2014 non risparmia certamente l’Arma dei Carabinieri. Quella che si configura come una delle quattro forze armate italiane, con collocazione autonoma nell’ambito del Ministero della Difesa, sta subendo, nella odierna temperie, alcuni decisi tagli che stanno diffondendo i loro effetti in diverse aree tematiche afferenti al sistema Sicurezza nel paese.

 

Fonte: oknotizia.com

Fonte: oknotizia.com

Blocco stipendi ed accorpamenti uffici

 

In tal senso il Cocer si occupato, in una nota diffusa negli scorsi giorni, di effettuare una sorta di bilancio dei tagli già operati muovendo lo sguardo verso quelle che potrebbero essere le “revisioni” che potrebbero caratterizzare questo 2014. Il discorso generale inserisce le sue basi sull’impatto che si assesta su una comunità nel momento in cui un presidio dell’Arma dei Carabinieri viene chiuso:  insomma, il personale di questa importante forza armata in questi tempi vive una forte demotivazione, sensazione causata sia dal blocco complessivo degli stipendi, sia dall’arresto del turn-over sulle assunzioni. Senza dimenticare le numerose azioni di chiusura o accorpamento di molti Uffici e Comandi in ogni parte del paese.

 

Carabinieri: la percezione diffusa

 

La nota emessa dal Cocer effettua una analisi anche di tipo emotivo sulla percezione diffusa dell’importanza dei Carabinieri in Italia: “Gli Italiani anche quest’anno si sono espressi in varie indagini demoscopiche. Il loro gradimento massimo va ai Carabinieri e a tutte le forze di Polizia, nonostante da 7 anni i bilanci delle Forze di Polizia si siano drasticamente assottigliati. Ne è palese dimostrazione la resistenza ostinata di ogni singola comunità che vede soppresso o ridimensionato il presidio dei Carabinieri che protegge quel territorio”. Sono infatti numerosi gli accorpamenti e le soppressioni di stazioni anche importanti nei vari angoli del paese: già 31 sono infatti le stazioni di Carabinieri accorpate.

 

Tagli Carabinieri 2014: dolorose soppressioni

 

Nel frattempo i tagli previsti per il comparto difesa nel suo complesso non sembrerebbero per questo 2014 colpire in maniera ulteriore colpire il personale: infatti i risparmi previsti dal Ministro Pinotti andranno ad essere creati tagliando sui programmi di investimento militare e non toccando quindi in alcun modo le risorse destinate ai dipendenti (e pertanto non verranno colpiti neanche i membri dell’Arma dei Carabinieri). Il taglio di spese sul fronte della Difesa si sostanzia in 400 milioni di euro ed entro i margini della riduzione è incluso lo spostamento del programma di spesa per gli F35, che garantirà 135 milioni di euro: quindi non si ravvisano, analizzando i dati provenienti dal Ministero, elementi negativi per la categoria qui interessata.
Tornando ad analizzare in maniera più ravvicinata la situazione dei tagli Carabinieri 2014, si nota che sono oltre 32 le Stazioni “sotto investigazione” per approfondimenti sull’opportunità di accorpare o addirittura sopprimere. Mentre sono i presidi soppressi presso scali ferroviari e aeroportuali, ed altri 2 quelli per cui è stata inoltrata richiesta per l’assenso Ministeriale al fine di procedere alla soppressione.
Riorganizzazione è la parola chiave che caratterizza la attuale situazione di “spending review”: un riordino complessivo e razionale del comparto Sicurezza da effettuare con grande attenzione senza pregiudicare le condizioni di un settore che possiede grandissima importanza dentro l’ordinamento del paese.

 

 

Fonte: grnet.it

 

Roberta Buscherini

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest