Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno settembre 3rd, 2014

mer, set 3, 2014  Patrizia Caroli
Infermieri: ancora disagi nelle strutture ospedaliere pubbliche
Vota Questo Articolo

Numerose sono le notizie relative alle problematiche e i disagi occorsi alla categoria degli infermieri in queste settimane: sono notizie che ormai troppo spesso vengono segnalate lungo tutta l’estensione del paese, che sia il sintomo dell’aggravarsi delle condizioni (già non troppo felici) della sanità pubblica italiana?

 

Infermieri: ancora disagi nelle strutture ospedaliere pubbliche

Infermieri: il problema assunzioni a Savona

 

A Savona le rappresentanze sindacali unitarie hanno fatto sentire la loro voce al fine di migliorare le non ottimali condizioni di lavoro del personale sanitario (infermieri in primis) e, come conseguenza necessaria, lottare per proteggere e salvaguardare i livelli di assistenza alla cittadinanza. Il tutto è avvenuto durante alcune riunioni relative alle strutture della Asl2 del capoluogo di provincia ligure.
Gli obiettivi delle rappresentanze sindacali si allineano in semplici quanto fondamentali obiettivi: l’assunzione del personale, la congrua definizione di idonee regole organizzative del lavoro nelle degenze e nelle strutture sanitarie che permettano al personale un’adeguata assistenza nei confronti dei pazienti ospiti delle strutture sanitarie, evitando il più possibile eccessivi carichi psicofisici (capaci di creare un elevato stress lavoro-correlato per i dipendenti che lavorano come infermieri).

 

L’assurda situazione degli infermieri di Aversa

 

Altro luogo d’Italia, altra mole di problemi che si assesta sulla schiena della categoria degli infermieri: in questo caso ci si trova nella Regione Campania, ad Aversa, in provincia di Caserta: all’ospedale Moscati esiste da qualche tempo una situazione di carenza strutturale, quasi cronica, di personale: ovviamente stiamo parlando di infermieri. I contratti scadono, i permessi per legge 104 abbondano e come conseguenza accade che i turni non possano essere assegnati con serenità, configurandosi pertanto spesso veri e propri buchi nei turni di assistenza. Ci si trova pertanto nella assurda situazione per cui molti infermieri non possono staccare dal servizio alla fine dei propri turni poiché il cambio non giunge. Ma ecco le vive parole dei diretti interessati, gli infermieri dell’ospedale campano: “Non riusciamo a capire fino a quando si riuscirà ad andare avanti in questa situazione. La situazione personale di ognuno di noi è più grave di quanto possa sembrare: nessuno infatti tiene conto del fatto che molti di noi hanno una vita all’esterno, con compiti familiari quali accudire dei minori che se siamo assenti debbono trovare una sistemazione diversa e non sempre è facile. Più che dire basta, noi diciamo: aiuto”.

 

Una vicenda diversa

 

Uscendo da questa processione di notizie non esattamente rassicuranti preme segnalare che ad Ascoli Piceno è ai nastri di partenza un piano volto all’inserimento di 39 infermieri (di cui 9 soltanto a tempo determinato) che vanno ad aggiungersi alle 38 assunzioni del personale di assistenza (16 a tempo determinato) già attuate dall’inizio dell’anno. Tramite queste assunzioni viene esaurita la graduatoria concorsuale per infermieri in zona: parole di soddisfazione giungono in questo caso dal dottor Massimo Del Moro, Direttore di Area Vasta  il quale ha sottolineato come queste figure potranno dare respiro e continuità alla buona gestione delle unità Ospedaliere e Territoriali, senza dimenticare il fatto in tal modo sono stati creati 77 posti nuovi posti di lavoro nel settore sanitario. Finalmente una buona notizia in mezzo ad una collezione di situazioni difficili e cattivi presagi.

 

Fonti: il quotidiano.it, ivg.it, pupia.tv

 

Patrizia Caroli

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest