Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community
 

Archivi al giorno luglio 7th, 2015

mar, lug 7, 2015  Valentina
Carabinieri. Ecco il Primo Con Gli Occhi a Mandorla
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

Fonte: intelligonews.it

Fonte: intelligonews.it

Il destino è beffardo e la storia ci fa gioco di noi da sempre, senza distinguere continenti, etnie o religioni. Comanda lei e sistematicamente si ripete, nella speranza di insegnarci ogni volta qualcosa in più.

 

È con questo spirito che in un momento dove le polemiche per l’immigrazione sono cocenti e dove l’invasione della Cina sui mercati europei  è sempre più dilagante, la storia ci dà l’ennesima lezione: nulla si può contro la globalizzazione.

 

E vedere il primo carabiniere con gli occhi a mandorla giurare fedeltà alla repubblica italiana all’interno della caserma Cernaia di Torino, indossando una divisa patriottica ne è la prova in assoluto più tangibile.

 

 

Carabinieri. Passi Avanti Anche Con La Tecnologia

 

 

 

Se da un lato la Benemerita si adegua ai tempi che cambiano e apre le porte a uomini e donne italiani sono di passaporto acquisito, dall’altro lato si continua a lottare per rimanere al passo coi i tempi sfruttando quanto più possibile le possibilità tecnologiche.

È con questo spirito che nasce, grazie alla Fabbrica d’Armi Beretta nell’ambito di un progetto di ricerca con l’Università di Brescia e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico, il progetto i-protect.

 

Si tratta di uno strumento nato con lo scopo di diminuire i tempi di reazione della Centrale Operativa, in termini di intervento, supporto e soccorso, aumentando così il livello di sicurezza dei cittadini ma anche delle Forze dell’Ordine.

In pratica attraverso questo strumento è possibile fornire alla centrale informazioni in tempo reale garantendo quindi un’interazione maggiore tra personale sul campo e centrale operativa, in modo da affrontare più velocemente tutte quelle emergenze che richiedono l’invio immediato di uomini e mezzi.

 

Questo strumento è di fatto una pistola “Beretta PX4 Storm-i” in calibro 9x19mm, con una fondina specifica a doppia sicurezza munita di attuatori magnetici e da uno smartphone dotato dell’applicativo “ODINO 5″ – Operational Device for Information, Networking and Observation – che permette l’integrazione dell’arma nel sistema di comando e controllo centrale.

 

Come funziona? Questa pistola è dotata di un moderno processore Bluetooth Low Energy, grazie al quale i dati raccolti vengono comunicati allo smartphone, che a sua volta, li invia nella Centrale Operativa di competenza in tempo reale.

 

A sperimentare per primi questo progetto saranno i carabinieri che hanno avuto una formazione mirata su questo progetto, all’interno della Scuola di Perfezionamento al Tiro dell’Arma dei Carabinieri. Il progetto chiaramente vorrebbe vedere esteso questo sistema all’intero corpo, ma siamo ancora nella fase sperimentale; se i risultati saranno soddisfacente, la dotazione a tutti i carabinieri potrebbe concretizzarsi.

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest