Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno gennaio 21st, 2016

gio, gen 21, 2016  Valentina
Concorso a Cattedra 2016. Le Ultime Novità
Vota Questo Articolo

Fonte: leggioggi.it

Fonte: leggioggi.it

I bandi previsti per il concorso a cattedra di questo neonato 2016 non sono ancora usciti, anche se la loro pubblicazione è attesa dai primi giorni dello scorso dicembre come previsto dalla Legge 107.

 

Di fatto il MIUR continua a divulgare a singhiozzo notizie riguardando i più disparati aspetti del concorso; dalle prove ai corsi di formazione.

Una informazione derivata da fonte sicura è la disponibilità di tre bandi: infanzia/primaria, secondaria primo e secondo grado e sostegno. Ad annunciarlo è stato il sottosegretario del MIUR, Davide Faraone.
E allora concentriamoci su uno degli aspetti di questo tanto atteso concorso e proviamo a fare ordine.

 

Concorso a Cattedra 2016. Info per posti da dirigente scolastico

 

 

 

Iniziamo con il precisare che i posti messi a disposizione dal MIUR per gli aspiranti dirigenti scolastici sono circa mille e che coloro che vorranno presentare la propria candidatura, dovranno selezionare una regione per poter partecipare.

 

Ma chi potrà candidarsi a questo concorso per dirigente scolastico? Prima di tutto occorre precisare che l’immissione in ruolo è requisito primario per l’accesso al concorso. Questo significa che i docenti precari abilitati non potranno partecipare.

Potranno invece accedere al concorso a cattedra tutti i docenti e gli educatori che abbiano conseguito una laurea magistrale oppure del vecchio ordinamento, assunti con contratto a tempo indeterminato e con un servizio minimo prestato di 5 anni.
Già in questo ultimo passaggio è presente una novità: il calcolo dei 5 anni di servizio potrà includere anche il periodo di precariato, ampliando così il raggio di personale che potrà approcciare a questo concorso.

 

Secondo quanto dichiarato da MIUR, le prove del concorso a cattedra per dirigente scolastico si apriranno con un test di pre selezione che riguarderà argomenti come didattica, organizzazione e sicurezza scolastica. Coloro che supereranno questa prova, avranno accesso al vero e proprio concorso, composto da una prima prova scritta e, qualora si raggiunga in questa la sufficienza, da una prova orale.

 

 

Concorso a cattedra 2016. Cosa accade dopo

 

 

Ma cosa succede una volta superato il concorso per dirigente scolastico? Qui si apre la seconda grande novità.

Il corso di formazione previsto per i vincitori sarà finanziato direttamente dal ministero dell’economia e delle finanze, seppure con un piccolo contributo da parte dei partecipanti.

Di fatto però l’organizzazione del corso di formazione non è più delegata alla Scuola Nazionale Dell’amministrazione. Del corso di formazione post concorso non si sa ancora molto.

 

Di certo c’è che il MIUR non prevede alcuna interferenza con l’attività didattica e promette un full immersione che, se necessario comprenda i periodi nei quali le lezioni sono sospese, come l’estate o le vacanze natalizie.

 

 

 

 

Fonte: blastingnews / irpinianews

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest