Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno luglio 1st, 2016

ven, lug 1, 2016  Valentina
Carabinieri. Aperte le porte del Paradiso…Il Terzo
1 (20%) 1 Vota Questo Articolo

Fonte: stelladitalianews.com

Fonte: stelladitalianews.com

E si chiama proprio così “il Terzo paradiso” l’opera del maestro Michelangelo Pistoletto, realizzata all’interno del giardino della Caserma Salvo D’Acquisto alla presenza anche del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette.

 

Come si unisca la divisa a questa opera lo spiega lo stesso autore: “indica il passaggio verso una nuova era di equilibrio e armonia dell’intera società. (…) esprime a fondo il connubio tra arte e società a cui dedico la mia intera attività. Il sodalizio tra creazione artistica e la vita dell’Arma dei Carabinieri, totalmente consacrata al bene della società umana, viene suggellato dal simbolo del Terzo Paradiso, e diviene auspicio di progresso e di pace per il futuro della civiltà (…) è la riconfigurazione del segno matematico dell’infinito. Questo emblema si propone come impegno di equità, reciprocità e rispetto nella prospettiva del futuro”.

 

I materiali utilizzati per la realizzazione dell’opera sono siepe di sbosco e frammenti di monumenti romani, atti a rappresentare la natura e la storia dell’uomo.

Al centro è inserita una scultura in acciaio che rappresenta la Fiamma, simbolo unico dell’arma, nata dalle mani dell’artista Fiamma Zagara.

 

 

 

Carabinieri. Dal paradiso all’inferno

 

 

Se da un alto si parla di paradiso e arte, dall’altro non ci si dimentica che viviamo in una sociegtà malata, costantemente in pericolo e nella quale nulla è più possibile dare per scontato. Con questa premessa è ovvio che la preparazione delle nostre forze armate, carabinieri inclusi, in caso di attacchi batteriologici e chimici è una bella notizia.

 

Questa preparazione è stata testata durante l’esercitazione pratica che si è svolta pochi giorni fa e che ha visto mettere in campo una serie di attività valutative finalizzate alla certificazione della capacità dei Comandi intercettare, rivelare e affrontare un caso di allarme per attacchi Chimici, Batteriologici, Radiologici e Nucleari.

 

In questo contesto anche il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, attraverso il Comando Tutela per l’Ambiente, che si occupa della gestione delle informazioni provenienti dai Comandi/Enti dell’Arma per l’intero territorio nazionale, ha svolto le funzioni di sotto centro di raccolta.

 

 

 

Fonte: askanews / adnkronos

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest