Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi al giorno luglio 13th, 2016

mer, lug 13, 2016  Valentina
Scuola. Raggiunto accordo sulla chiamata diretta
Vota Questo Articolo

Verrà formalizzato entro la metà del mese, ma di fatto esiste già, l’accordo tra il Miur e i sindacati di categoria Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals, in tema di chiamata diretta.

 

chiamata_diretta-docentiLa novità vera di questo accordo è racchiusa del fatto che “per individuare il docente da assegnare alla scuola, sulla base dei requisiti indicati nel Ptof, si utilizzerà una graduatoria d’istituto stilata in base ad una tabella titoli individuata a livello nazionale”.

 

Di fatto quindi “non conta più l’anzianità di servizio, ma le competenze certificate da determinati titoli ed esperienze formative e lavorative”.

 

 

Scuola. I Dettagli dell’accordo

 

 

 

Lo scopo dei sindacati di categoria era quello di smussare il comma 80 della legge 107/2015. Ad oggi infatti il docente deve allegare alla sua documentazione di candidatura alcune competenze riconducibili a macro aree professionali, come il sostegno agli alunni disabili, la conoscenza delle lingue straniere e dell’informatica.

 

Sempre riferito allo stesso comma anche i colloqui orali non rappresentano più una parte fondamentale e troveranno spazio solo in un numero residuo di casi ben circoscritti. Un esempio su tutto. Si dovrà sostenere la prova orale con il dirigente scolastico solo nel caso ci siano due candidati appaiati in graduatoria d’istituto oppure se il dirigente scolastico ha necessità di approfondire la competenza dichiarata dal candidato.

 

Ovviamente i candidati potranno avanzare domanda in più istituti, rispettando sempre la procedura telematica prevista sul sito di istanze On Line.

 

 

Scuola. Tutto In pista tra pochi giorni

 

 

 

Al di là dell’accordo preso tra le parti, il dato certamente più indicativo dell’urgenza di questo accordo è il suo piano di applicazione. Queste nuove modalità di assunzione infatti verranno messe in atto a partire dal 18 luglio prossimo.

 

Dunque tutti i docenti assunti a partire da questa data, non terranno più conto dell’anzianità di servizio, ma solo delle competenze acquisite e dichiarate. Questo accordo, storico, senza dubbio, è per molti una rivoluzione e per altri una sconfitta dei sindacati: chi tutela adesso color che da anni sono nelle graduatorie e che aspettano l’assegnazione del posto fisso sulla base della loro anzianità?

 

 

 

 

Fonte: tecnicadellascuola / orizzontescuola / forexinfo

 

 

 

 

Valentina Stipa

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest