Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 
mer, giu 24, 2015  Valentina
Fonte: ilfattoquotidiano.it

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Se prima l’accesso per entrare nel corpo della polizia penitenziaria passava attraverso la ferma nelle forze armate, come peraltro accade per la maggior parte di tutte le forze dell’ordine, ora non è più così.

 

L’articolo 10 del decreto legislativo num. 8 del 28 gennaio 2014 ha introdotto infatti, a partire dal 2016 che per i concorsi pubblici non ci sia più l’esclusivo accesso a coloro che hanno svolto servizio all’interno delle forze armate.

 

 

Concorsi Polizia Penitenziaria. Ecco Cosa Cambia

 

 

Entrando nel dettaglio di quanto prevede questo articolo, nel biennio 2016/2017, i concorsi pubblici per entrare nel corpo di polizia penitenziaria verranno banditi considerando che il 50% dei posti previsti saranno destinati agli appartenenti alla vita civile.

Dal 2018 in avanti poi tale percentuale salirà fino al 75%.

 

I requisiti previsti però per l’accesso anche per i civili dovranno rispondere a regole precise, che verranno specificate, come di solito, nei singoli bandi di concorso.

 

L’avvicinamento tra mondo civile e militare potrebbe anche aiutare quella operazione di disgelo tra i due universi che negli ultimi anni ha creato un solco che appare incolmabile tra buoni e cattivi e che hanno portato anche alla strumentalizzazione di fatti di cronaca a discapito dei baschi blu, dipinti in più occasioni come delle guardie manesche e torturatrici.

 

 

Concorsi Polizia Penitenziaria. La Reazione Dei Sindacati

 

 

Se da un lato i sindacati di categoria iniziano a vedere di buon occhio la prospettiva di una unificazione tra le forze dell’ordine, legata a una maggiore efficienza delle stesse e a un minore carico di lavoro per singoli comparti, così come anche l’estensione e in un certa qual modo un avvicinamento tra il mondo civile e quello in divisa, dall’altra parte le perplessità rimangono.

Prima di tutto legate al fatto che il tema di armonizzazione delle carriere del corpo di polizia penitenziaria  con quelle degli altri appartenenti alle varie forze di polizia attualmente presenti sul territorio italiano è ancora dibattuto e non risolto.

 

 

 

 

Fonte: sappe / polpen

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, dic 19, 2013  Valentina

Concorsi polizia penitenziaria: Informazioni utili. Come si può facilmente intuire il corpo di polizia penitenziaria, una forza dell’ordine alle dipendenze del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del Ministero della Giustizia, svolge un ruolo particolarmente delicato e complesso che richiede competenze tecniche, professionali e specifiche doti caratteriali come equilibrio psicofisico e resistenza.

Per entrare in questo corpo è necessario, come per tutte la altre forze armate, partecipare a degli specifici concorsi polizia penitenziaria. a ricordato infatti che al di là dei concorsi polizia penitenziaria, il ruolo che questi agenti svolgono è anche di rieducazione dei detenuti con attività di recupero sociale, dunque una funzione delicata e di estrema responsabilità.

 

 

 

I concorsi polizia penitenziaria danno accesso a ruoli dirigenziali, direttivi, di ispettori, fino al truolo di agente semplice. i compiti che si potranno svolgere accedendo e superando i concorsi polizia penitenziaria sono di pubblica sicurezza e di gestione ma anche di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza al di fuori degli specifici ambiti penitenziari.

I concorsi polizia penitenziaria sono riservati ai Volontari in Ferma Prefissata nelle Forze Armate (VFP) di uno o quattro anni.

 

 

Concorsi Polizia Penitenziaria: Dove e Come?

 

Il primo passo da compiere se si vuole partecipare ai bandi di concorsi polizia penitenziaria è quello di consultare il sito del ministero dell’interno alla voce concorsi polizia penitenziaria oppure recarsi presso un Istituto Penitenziario e compilare la domanda di reclutamento. In questo modo si verrà convocati tramite raccomandata una volta che i bandi di concorsi polizia penitenziaria vengono resi pubblici.

Alla domanda di partecipazione ai concorsi polizia penitenziaria va allegato un certificato di sana e robusta costituzione, un Certificato del Casellario Giudiziario, un Certificato multiplo comprendente nascita, residenza e famiglia e i propri documenti personali.

 

Come Si Preparano I Concorsi Polizia Penitenziaria?

 

Prima di tutto ricordiamo che per partecipare ai concorsi polizia penitenziaria è necessario avere svolto il servizio militare come VFP1 o/e VFP4.

Come per tutte le altre forze armate anche i concorsi polizia penitenziaria vertono su diverse materie teciche come Diritto Costituzionale, Ordinamento Penitenziario, Riforma dell’amministrazione, elementi di diritto penale, penitenziario e successive modificazioni. I concorsi polizia penitenziaria si svolgono con una prima prova scritta con quiz a risposte multiple, il cui superamento dà accesso a colloquio orale. La prova finale dei concorsi polizia penitenziaria riguarda la parte fisica con un test sui requisiti fisici e di resistenza allo stress.

 

 

fonte: concorsiforzepolizia.worldpress / nuoviconcorsi / poliziapenitenziaria / prossimiconcorsi / soldielavoro

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, nov 11, 2013  Ranalli

Concorsi Polizia Penitenziaria: La Guida. I concorsi polizia penitenziaria per diventare appunto un agente del corpo della polizia penitenziaria sono strutturati in diverse fasi, ordinate in tal modo che, ogni fase è vincolata al superamento della prova precedente.

 

Prove dei Concorsi Polizia Penitenziaria

 

1. Prova Scritta Concorsi Polizia Penitenziaria

Foto: Forzepolizia.org

La prova scritta dei concorsi polizia penitenziaria consta di una serie di domande, a risposta sintetica o a risposta multipla, sulle materie specificate in ogni bando di concorso. Inoltre, ci sono quesiti su cultura generale.

La durata per effettuare la prova scritta del concorso dipende da ogni concorso. Durante la prova scritta, ovviamente non è possibile parlare con altri concorrenti, né utilizzare libri o appunti. Inoltre, non è permesso di utilizzare calcolatrici.

Tutti gli esami devono essere presentati su carta portante il timbro d’ufficio e la firma di un membro della Commissione esaminatrice, altrimenti non è ammesso. E’ consentito, durante lo svolgimento dell’esame scritto, consultare i codici, le leggi ed i decreti, nonché dizionari linguistici.

Per superare la prova scritta dei concorsi polizia penitenziaria è necessario ottenere almeno una votazione di sei decimi.

 

2. Visita Medica

 

Una volta superata la prova scritta dei concorsi polizia penitenziaria, i candidati devono sottoporsi ad una visita medica che accerterà l’idoneità psico-fisica. Ad effettuare le prove mediche è una commissione composta da un presidente, primo dirigente medico, e 4 medici del servizio sanitario dell’Amministrazione penitenziaria.

 

La prova include un esame clinico generale che richiede:

-          Costituzione fisica sana

-          Senso cromatico e luminoso normale

-          Visus naturale non inferiore a 12/10 complessivi

-          Funzione uditiva con soglia audiometria media sulle frequenze 500 – 1000 – 2000 – 4000 Hz

-          Dentatura forte e presenza dei dodici denti frontali superiori ed inferiori

 

3. Prova attitudinale

 

Le prove attitudinali consistono nel rispondere ad una serie di domande, a risposta multipla, e in un colloquio.

Le domande riguardano le principali mansioni e ruoli degli agenti della polizia penitenziaria e, potrebbe avere delle variazioni, in base a nuovi decreti del Ministero della Giustizia.

Cosa si richiede per superare la prova attitudinale?

Per superare la prova attitudinale  è necessario:

 

-          Intelligenza medio / alta

-          Elevata capacità di auto controllo

-          Capacità di gestione in situazioni difficili

-          Personalità matura

-          Capacità di auto-critica

-          Buon livello di autostima

 

Una volta realizzate le prove, i candidati che hanno superato il concorso vengono inseriti nella graduatoria in base al corrispondente punteggio.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, gen 24, 2013  Patrizia Caroli

Concorsi Polizia di Stato 2013: Pubblicato il bando di concorso interno, per titoli ed esami, a 15 posti di Primo Dirigente della Polizia di Stato.

Scadenza: 15 febbraio

 

Requisiti di Partecipazione Concorsi Polizia di Stato 2013

 

-          Commissari laureati in una delle discipline prescritte per l’accesso (art.3, comma 2 del decreto legislativo 5 ottobre 2000, n.334) con qualifica di vice questore o che abbia maturato un minimo di 5 anni di servizio effettivo come commissario capo.

-          Personale del ruolo commissario capo con almeno 7 anni di servizio effettivo come commissario.

 

 

Non saranno ammessi ai concorsi polizia di stato 2013 i dipendenti che per tre volte siano stati esclusi della graduatoria degli idonei; che abbiano ricevuto un giudizio complessivo inferiore a “distinto” negli ultimi tre anni; che siano stati sanzionati con la pena pecuniaria nell’ultimo anni; che abbiano riportato negli ultimi tre anni la sanzione disciplinare della deplorazione; che negli ultimi cinque anni siano stati sospesi dal servizio.

 

Concorsi Polizia di Stato 2013: Domande di Partecipazione

 

concorsi polizia di stato 2013La domanda per i concorsi polizia di stato 2013 deve contenere dati personali e le credenziali dei candidati. Nello specifico:

-          Nome e Cognome

-          Data e luogo di nascita

-          Sede di servizio

-          Qualifica al 31 dicembre 2012

-          La lingua straniera prescelta per la prova orale tra inglese, francese, tedesco o spagnolo.

 

Inoltre, nella domanda di partecipazione ai concorsi polizia di stato 2013 i candidati dovranno dichiarare di raggiungere i requisiti riguardo le sanzioni visti in precedenza.

D’altra parte, è necessario allegare alla domanda i titoli e la documentazione di cui intendono avvalersi e che saranno verificati dall’amministrazione.

 

 

Dove presentare le domande ?

 

Le domande di partecipazione ai concorsi polizia di stato 2013 devono essere compilate in base ad un modulo, allegato in fondo all’articolo, e presentate entro il 15 febbraio al Ministero dell’Interno – Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Direzione Centrale per le Risorse Umane – Ufficio III – Attività Concorsuali.

 

Esami e prove concorsi polizia di stato 2013

 

Prova Preselettiva

La prova preselettiva è prevista soltanto nel caso in cui il numero di candidati sia pari o superiore a dice volte il numero dei posti disponibili. Questa prova consterà di diversi quesiti a risposta multipla sulle materie a concorso. Inoltre verrà valutata la capacità di sintesi e di analisi dei candidati. Sui risultati di questa prova saranno ammessi a sostenere le prove scritte dei concorsi polizia di stato 2013 un massimo di 75 concorrenti. Inoltre, il punteggio ottenuto nella prova preselettiva non è vincolante alla formazione del voto finale di merito.

 

Prova di Esame

Si tratta di due prove scritte, di otto ore ognuna di loro, per dimostrare la capacità teorica e operativa dei candidati. Nello specifico, la prima prova scritta consiste in un elaborato su materie giuridico-amministrative, con riferimento specifico alle funzioni dirigenziali (diritto costituzionale, diritto penale, diritto processuale penale, legislazione di pubblica sicurezza).

 

La seconda prova scritta consiste nella risoluzione pratica di un caso in ambito giuridico o gestionale-organizzativo per verificare la capacità dei candidati nell’ambito di soluzione di problemi.

 

Per superare le prove scritte, e poter realizzare il colloquio, è necessario un punteggio minimo di 35 / 50 in entrambe.

 

Inoltre, i concorsi polizia di stato 2013 prevedono un colloquio, per accertare l’attitudine e l’esperienza dei candidati, sulle materie: diritto comunitario, contabilità di stato, ordinamento dell’amministrazione della Pubblica Sicurezza, lingua straniera, funzionamento di un personal computer.

Anche in questo caso, per superare la prova, sarà necessario ottenere almeno un punteggio di 35 / 50.

 

Calendario delle Prove

Prova Preselettiva:  il 27 febbraio alle 9:45 presso la Scuola Superiore di Polizia di Roma (via Pier della Francesca, 3).

Prove Scritte: 5 e 6 marzo 2013, alle 8,00 presso la Scuola Superiore di Polizia, Roma (via Pier della Francesca, 3).

 

 

Scarica qui il Modulo di Domanda per i Concorsi Polizia di Stato 2013: Modulo di Partecipazione

 

 

Fonte: Associazione Nazionale Funzionari di Polizia

 

Patrizia Caroli

 

Per accedere alla tua busta paga online, semplice e velocemente, fai click: Noipa 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, ott 18, 2012  Roberta Buscherini

Concorsi Polizia Penitenziaria

 

concorsi polizia penitenziaria

Polizia Penitenziaria Concorsi

 Concorsi Polizia PenitenziariaConcorso Interno, per titoli ed esami, per 4 posti d’ispettore superiore – Comunicazione Prova d’Esame

Il Ministero della Giustizia ha pubblicato una circolare per informare sui dettagli della prova scritta dei concorsi polizia penitenziaria. Questa avrà luogo il 27 novembre 2012, alle ore 8.00, presso la Scuola di Formazione e Aggiornamento  del Personale di via Brava, 99 a Roma.

I candidati dovranno presentare, nell’ora e nel giorno indicati, in uniforme e con la tessera personale di riconoscimento. Ovviamente, non è possibile comunicare verbalmente durante la prova né portare appunti o libri.

Il Ministero chiede alle Strutture territoriali della Polizia Penitenziaria d’informare correttamente gli interessati ai concorsi polizia penitenziaria e comunicare i candidati che si trovino in malattia che potranno sostenere ugualmente la prova solo se saranno giudicati preventivamente idonei dagli organi sanitari competenti.

Perdono il diritto al rimborso ed all’indennità tutti i candidati che non si siano presentati, senza un motivo giustificato.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest