Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community
 
mer, giu 14, 2017  Patrizia Caroli

Supplenze Brevi: informazioni utili ad uso del supplente temporaneo e dei dirigenti scolastici.

 

Le supplenze brevi e temporanee  sono sostituzioni temporanee e copertura di posti disponibili della scuola durante un tempo determinato e breve, per qualsiasi motivo. La gestione delle supplenze in ogni struttura scolastica è competenza del dirigente scolastico che, per organizzare queste sostituzioni, farà uso delle graduatorie di circolo e d’istituto.

 

Supplenze brevi e temporanee : Quando vengono utilizzate?

 

Fonte: Tecnicadellascuola

 

Le supplenze saltuarie vengono utilizzate per questioni strettamente necessarie a garantire il servizio d ‘istruzione e dopo aver provveduto alla sostituzione del docente assente con altri insegnanti della scuola.

-          Supplenze nella scuola elementare: la supplenza di docenti che si assentano fino ad un massimo di 5 giorni nella scuola elementare avviene nelle ore di simultaneità non impegnate per le attività stabilite dei docenti nell’ambito del modulo o del plesso di conferimento e nell’orario d’insegnamento programmato per ciascun docente.

-          Supplenza Breve nella scuola secondaria: è possibile realizzare le sostituzioni usando i docenti in servizio nella medesima scuola anche oltre il limite di 11 giorni e fino ad un massimo di 15 giorni.

Nel caso di supplenze  per docenti con orari d’insegnamento strutturati in varie scuole, ogni scuola procede alle supplenze brevi in modo autonomo.

 

La revoca, convocazione e rinuncia di supplenze brevi

 

Le supplenze possono essere in qualsiasi momento revocate se non esiste più la necessità che le ha determinate.

La convocazione per la stipula di un contratto per supplenze saltuarie o brevi brevi avviene tramite fonogramma o telegramma (nel caso di supplenze di almeno 30 giorni). Questi documenti devono indicare:

-          Tipologia di posto disponibile

-          Orario di lavoro settimanale

-          Giorno e ora di convocazione

-          Ordine di graduatoria in cui si trova ciascun aspirante

-          Possibilità di delegare le supplenze temporanee

-          Ubicazione dell’ufficio dove si svolgerà la convocazione

 

La rinuncia nel caso di supplenze brevi non comporta alcun effetto, ma l’abbandono comporta la perdita della possibilità di conseguire qualsiasi tipologia di supplenza conferita nell’anno scolastico in corso.

 

Durata e proroga delle supplenze brevi

 

Vista la corta durata di questo tipo di supplenze  sono da considerare servizio, ad effetti di retribuzione e ferie, tutti i giorni ricadenti nel periodo in questione, anche festività. Ovvero, domeniche, festività infrasettimanali, giorni liberi, giorni di sospensione delle lezioni per motivi imprevisti.

Nel caso di assenza prolungata dal lavoro dei titolare sostituito, le supplenze vengono prorogate in automatico, a decorrere del giorno successivo da quello di scadenza del contratto precedente.

 

I docenti con supplenze saltuarie ad orario non intero, hanno il diritto ad accettare altre proposte di lavoro per conseguire il completamento d’orario, sempre che il dirigente scolastico responsabile accerti la compatibilità d’orario tra le ore già tenute dal supplente e quelle da conferire.

Nello stesso anno scolastico non è possibile prestare servizi di insegnamento, in modo contemporaneo, nei diversi ordini di scuola. Nello stesso modo, non è possibile prestare simultaneamente servizi come docente e come personale ATA.

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
ven, gen 29, 2016  Valentina
Fonte: tempi.it

Fonte: tempi.it

Le sigle sindacali non hanno ritenuto opportuno firmare l’intesa proposta dal MIUR in termini di economie MOF 2014/2015.

Si tratta di una somma che si aggira intorno ai 560.000 euro e che già stata destinata dal primo accordo del 29 dicembre 2015 a retribuire le ore effettuate in più dai docenti della pratica sportiva.

 

La proposta dell’amministrazione era quella di ripartire le economie rimanenti tra l´indennità di bilinguismo e trilinguismo (euro 117.515,00), l´indennità di direzione al sostituto del DSGA (2.212.826,00) e turni notturni e festivi svolti da educatori e ATA presso i convitti che hanno convittori (550.803,13).

 

Il NO alla firma da parte delle associazioni sindacali ha una motivazione chiara: “riteniamo che le economie che si sono realizzate, quasi esclusivamente, sul capitolo delle attività sportive vadano ridate a queste attività”. Pertanto l’incontro si è chiuso con un nulla di fatto. Il Miur ha inteso questa ripartizione come un modo per donare maggiori risorse ad attività essenziali, ma i sindacati non hanno spostato la sua causa.

 

Scuola. La Replica Di Faraone Sul Concorso

 

 

Ma le mancate intese non sono finite qui. Abbiamo parlato a più riprese delle polemiche scatenate dal nuovo concorso a cattedra e dalle implicazioni che quest’ultimo avrà nell’intero comparto scuola.

Ora finalmente il sottosegretario al ministero dell’istruzione Davide Faraone ha deciso di dire la sua, ovvero di rilasciare dichiarazione ufficiale sui punti maggiormente scottanti.

 

L’idea che un docente entri in classe per la prima volta dopo aver vinto un concorso è stata definita dal sottosegretario “allucinante”; da qui la decisione sui tirocini formativi, previsti anche per i dirigenti, non solo per gli insegnanti e che accompagneranno questa fase di transizione verso l’ingresso definitivo in aula.

In risposta invece alla protesta degli insegnanti precari, la posizione del sottosegretario è molto chiara: “se per un neo assunto è possibile far coincidere l’esperienza con il primo anno di prova, come affermato da Faraone in riferimento ai neo assunti, altrettanto si può fare per i futuri aspiranti alla cattedra tuttora relegati nella III fascia delle GI. Chi ha superato i 36 mesi, potrebbe accedere ad una supplenza che abbia validità formativa”.

 

Sul tema invece dei docenti di sostegno, Faraone ha voluto precisare che questi rimarranno dipendenti del MIUR: ”sul sostegno, l’Italia è un Paese modello nel mondo. Qualcuno sta pensando incredibilmente che la competenza degli insegnanti di sostegno passerà al Ministero della Salute, ma non sarà affatto così”.

Non nasconde però la necessità di una maggiore specializzazione in termini di specifici problemi di apprendimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, gen 5, 2016  Patrizia Caroli

Continua a montare la polemica sul nuovo Bonus 500 euro insegnanti che a partire da quest’anno viene garantito dal Ministero dell’Istruzione a tutti i docenti di ruolo della scuola pubblica, compresi coloro che si trovano in periodo di formazione e prova. Il Bonus, lo ricordiamo, dovrà essere utilizzato per l’autoformazione, e quindi “speso” per attività e servizi formativi oppure per l’acquisto di strumenti utili alla formazione. Ma su cosa si sono addensate le nubi della polemica? A chiarirlo sono le parole del presidente dell’ANIEF Marcello Pacifico: “Il bonus dei 500 euro non deve valere solo per gli insegnanti a tempo determinato ma anche per i precari”. Queste parole si sono da subito convertite in fatti concreti trasformandosi in 2mila ricorsi al TAR Lazio per far accedere all’aggiornamento professionale anche i precari, i docenti in aspettativa, il personale ATA di ruolo e supplente.

 

Bonus 500 euro insegnanti

Bonus 500 euro insegnanti: i ricorsi dell’ANIEF

 

Quello del Bonus 500 euro per l’autoformazione degli insegnanti si sta confermando fino ad ora come uno dei temi più spinosi e forse discriminanti della complessiva riforma della scuola impalcata dal Governo Renzi. L’ANIEF ha deciso di schierarsi con gli esclusi dal Bonus organizzando un ricorso gratuito contro il decreto del Ministero dell’Istruzione n. 32313 23 settembre 2015 con l’obiettivo di far accedere alla stessa somma tutti i docenti in servizio con supplenza annuale, quelli con una supplenza breve e coloro che usufruiscono di aspettativa non retribuita.

 

Obbligo di formazione: è valido per tutti

 

Secondo l’associazione sindacale, il Governo avrebbe escluso le sopracitate categorie dal finanziamento per far risparmiare alle casse dello Stato oltre 150 milioni di euro annui. A delineare i confini della questione (e le sue numerose contraddizioni) è sempre Marcello Pacifico: “Il decreto dice che il bonus viene effettivamente dato solo ai docenti di ruolo; tuttavia la legge sulla Buona Scuola parla dell’obbligo di formazione. Quando viene approvato il piano dell’offerta formativa dal collegio docenti e dal consiglio d’istituto, le attività deliberate riguardano tutti i docenti e anche il personale ATA che è incluso nelle azioni formative. È evidente che tutto l’organigramma deve fare la formazione. Non si capisce il motivo per cui i precari non possono avere i 500 euro. Stiamo parlando di un docente su dieci, insegnanti che sono essenziali”. L’ANIEF rammenta a questo riguardo che almeno tre commi della legge 107/2015 indicano “la previsione dell’obbligo di formazione in servizio per il personale amministrativo, tecnico e ausiliario, rispetto alle specifiche competenze”. E nel medesimo testo di legge si afferma che si “riconosce fondamentale la formazione professionale del docente nel quadro degli obiettivi formativi, che riguardano competenze disciplinari e trasversali, scelte educative e metodologie laboratoriali, non riconducibili a una sola e specifica professionalità”.

 

Bonus 500 euro: necessaria chiarezza

 

Il sindacato punta inoltre la sua lente d’ingrandimento sul fatto che sino ad ora continui a regnare una grossa confusione sui margini operativi dell’utilizzo del Bonus 500 euro insegnanti: “Ad oltre due mesi di distanza dalle parziali indicazioni operative fornite su come usufruire della somma, l’amministrazione non ha comunicato più nulla” prosegue Pacifico, sottolineando la mancanza di informazioni sulle effettive modalità di rendicontazione.

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, set 3, 2015  Roberta Buscherini

Il 2015-2016 sarà un anno di transizione, un metaforico cuscinetto, una camera di compensazione per far digerire gli effetti della criticatissima riforma della scuola?

 

Riforma della scuola

 

Riforma della scuola: un anno di transizione?

 

A meno di 2 settimane dall’apertura ufficiale dell’anno scolastico, gli istituti scolastici italiani si preparano a riaprire, modificati solo in parte dalla riforma approvata nel corso di un’estate caldissima dalle due ali del Parlamento. Le novità più significative, tra cui poteri dei dirigenti, valutazione e finanziamenti alle scuole, entreranno in vigore solo a partire dal 2016: nei prossimi mesi dovranno essere gettate le fondamenta per procedere alla loro attuazione.
Ma ecco alcuni temi fondamentali (e all’ordine del giorno) da evidenziare in questo inizio di settembre.

 

Piano assunzioni insegnanti: a che punto siamo

 

Il piano di assunzioni degli insegnanti intanto entra nel vivo: dopo la fase zero e la fase A, che hanno coperto tutti i posti vacanti e disponibili negli istituti del Paese, ad inizio settembre parte la fase B, per le cattedre residue (16mila circa): saranno le prime nomine con il meccanismo di assegnazione su tutte e cento le province italiane, ovvero con la possibilità di assumere i docenti anche in una Regione differente da quella di provenienza. A tal riguardo va segnalato che la procedura per la maxi-assunzione dei precari si arricchisce proprio in queste ore di una nuova scadenza: mediante un avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 28 agosto il Ministero dell’Istruzione ha fissato per la data dell’11 settembre la data ultima per l’accettazione degli incarichi che i docenti riceveranno nell’ambito della cosiddetta “fase B”. Chi non lo farà – affermano dalle stanze del Ministero – non riceverà altre proposte di incarico nella successiva fase “C” e sarà cancellato dalle graduatorie. Per i 55mila posti di potenziamento (fase C, appunto), sarà necessario attendere il mese di novembre, quando alcuni docenti potrebbero già aver accettato un incarico di supplenza. In molti casi, dunque, le nomine saranno solo giuridiche e diventeranno effettive a partire dal 2016.

 

Le dichiarazioni del Ministro dell’Istruzione

 

Nel frattempo il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha rilasciato alcune dichiarazioni di rilievo in relazione alle assunzioni e all’avvio dell’anno scolastico: “La chiarezza sulle nuove assunzioni dei docenti prevista dalla Buona scuola verrà dimostrata con un avvio regolare dell’anno scolastico. Tutte le cattedre saranno coperte“, ha dichiarato il ministro. “Credo che questa sia la maggiore rassicurazione che possiamo dare, cioè una scuola che parte il 12 o 15 settembre, a seconda delle regioni, con tutti gli insegnanti che servono nelle classi e con un potenziamento che arriverà. Con la riforma – ha proseguito – nelle scuole italiane avremo più offerta formativa e stabilità“. Con riferimento alla mobilità, il respoensabile del dicastero dell’Istruzione ha chiarito: “Nella scuola c’è sempre stata. Avremo numeri fisiologici; forse un po’ inferiore”.
In ultima battuta il ministro si è soffermato sulle polemiche esplose nella seconda parte dell’estate con riferimento alla cosiddetta “deportazione degli insegnati”, invitando a non utilizzare questo termine inappropriato: “Intanto userei le parole giuste le parole hanno un peso ed è importante usarle correttamente” ha concluso.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, ago 27, 2015  Marco Brezza

Riforma della scuola; L’alba della nuova scuola sta arrivando a passi rapidi: la #buonascuola diffonderà i suoi effetti in tutto il paese a partire dal 1° settembre, anche se in realtà i primi effetti di rilievo si stanno percependo proprio dal mese di agosto con la grande polemica sulla cosiddetta “deportazione” dei professori.
Ma per comprendere i principali effetti che la riforma della scuola provocherà sul nuovo anno scolastico può essere utile elencare i differenti rivoli tematici in cui la #buonascuola si suddivide. Per farlo ci avvaliamo anche delle parole del sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone (molto attivo a livello di comunicazione tramite i profili di Twitter e Facebook, certamente una cifra distintiva dell’operato del Governo Renzi).

 

Riforma della scuola 2015

Riforma della scuola e le assunzioni di nuovi insegnanti

 

La Riforma della scuola ; con riferimento alle assunzioni degli insegnanti previste da #labuonascuola, il governo sta lavorando alacremente al fine di permettere ai docenti di lavorare per quanto più è possibile vicino casa. “Per questo abbiamo mandato proprio oggi una circolare che anticipa l’assegnazione delle supplenze al prossimo 8 settembre – spiega Faraone -, questo che vuol dire? Che se a te docente viene assegnata una supplenza a Palermo, anche se ricevi un’assunzione per Pordenone, per il prossimo anno scolastico potrai rimanere dove hai ottenuto la supplenza. E a quel punto potrai partecipare alla mobilità straordinaria o all’assegnazione provvisoria nell’anno scolastico 2016/2017″.

 

Bando per il piano straordinario assunzioni: la polemica

 

Particolare scalpore si è posizionato sul bando per il piano straordinario di assunzioni che si è chiuso il 14 agosto: sono giunte oltre 71mila domande. Si tratta senza dubbio alcuno di un piano massiccio (una delle misure principali introdotte con la riforma) e in controtendenza rispetto ai passati decenni di tagli alle risorse e al personale della scuola. Lre lamentele degli insegnati si sono in questo caso dirette alle modalità con cui verranno distribuite le cattedre: la procedura infatti costringerà diversi docenti a spostarsi in un’altra regione: gran parte degli precari si trova infatti nel Sud Italia, mentre le cattedre disponibili indicano che gli insegnanti servono di più al Nord. Secondo il sindacato ANIEF dovranno spostarsi dal sud al nord circa 15 mila persone, circa un docente su cinque.

 

Personale Ata e la riforma della scuola italiana

 

Cosa cambia invece per il Personale Ata: “Come avevamo concordato con i sindacati – prosegue Faraone – gli istituti scolastici del Paese avranno il personale di cui hanno bisogno per garantire il proprio corretto funzionamento amministrativo e tecnico. Gli standard qualitativi dell’anno scorso verranno mantenuti: le scuole disporranno dello stesso numero di personale Ata, recuperando la riduzione prevista dalla Legge di Stabilità. Il Ministero ha mandato, a tal proposito, una circolare a tutti gli Uffici scolastici regionali”.
A livello conclusivo è necessario inoltre riportare le parole programmatiche di Faraone in merito al metodo che informa la riforma della scuola: “La partita de #labuonascuola non si è conclusa con l’approvazione della legge. Il contributo di chi #labuonascuola la fa ogni giorno è indispensabile nell’attuazione del provvedimento. Per questo nelle prossime ore partirà dal Miur una lettera di invito ai protagonisti della scuola – insegnanti, genitori, studenti, dirigenti, sindacati, associazioni – per partecipare a tavoli di lavoro sulle deleghe previste dalla legge 107/2015″. “Le questioni che riguardano le deleghe – conclude il sottosegretario – toccano dei punti nevralgici della scuola e il dialogo su questi temi è fondamentale per prendere decisioni importanti che riguardano il futuro dei nostri ragazzi”.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest