Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Anno sabbatico insegnanti: tutto sull’aspettativa non retribuita



Anno sabbatico insegnanti: tutto sull’aspettativa non retribuita
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

A chi non è mai balzata per la mente l’idea di prendersi una pausa da tutto e da tutti? Di fuoriuscire dalla routine lavorativa e fare un liberatorio “time-out”? In questo senso è importante ricordare che per gli insegnanti impegnati nella scuola pubblica esiste il diritto ad usufruire anche dell’aspettativa non retribuita per anno sabbatico, una modalità di pausa dal lavoro peculiare, da analizzare con attenzione.

 

Anno sabbatico insegnanti

Fonte: studenti.it

Anno sabbatico insegnanti: la definizione

 

Questa tipologia di aspettativa viene definita come “Anno di riflessione importante per la formazione” ed è disciplinato dalla legge 448 del 1998 all’art.26. Ma andiamo a vedere come recita letteralmente il dettato normativo del comma 14 di questo articolo, nel quale viene definito con precisione il concetto di aspettativa non retribuita: “I docenti e i dirigenti scolastici che hanno superato il periodo di prova possono usufruire di un periodo di aspettativa non retribuita della durata massima di un anno scolastico ogni dieci anni. Per i detti periodi i docenti e i dirigenti possono provvedere a loro spese alla copertura degli oneri previdenziali”.
Tale particolare tipologia di aspettativa può essere utilizzata solamente dai dirigenti e dai docenti di ruolo che abbiano già oltrepassato il consueto periodo di prova. Non possono pertanto accedere allo stop per anno sabbatico i docenti assunti a tempo determinato e tutto il personale che non abbia ancora maturato l’intero periodo di prova.

 

Aspettativa non retribuita insegnanti: come fare per ottenerla

 

Come si configura la procedura per usufruire dell’aspettativa non retribuita insegnanti? In prima istanza il docente dovrà presentare la relativa istanza presso il proprio dirigente scolastico e quest’ultimo la dovrà trasmettere al dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale. Non è necessario motivare la richiesta né presentare certificazioni od autocertificazioni: il docente dovrà produrre una richiesta, redatta in carta semplice, che riporti solamente il riferimento puntuale di legge. È infatti quest’ultimo il riferimento che consente all’insegnante dipendente pubblico (che abbia maturato i requisiti precedentemente elencati) di poter usufruire della aspettativa non retribuita.

 

Aspettativa per anno sabbatico: 12 mesi in un’unica soluzione

 

Tale tipologia di aspettativa spetta fino a un massimo di 1 anno ogni 10: in questo senso il periodo non può essere frazionato, per cui la fruizione di una “tranche” di tempo inferiore ai 12 mesi non conferisce al docente diritto a recuperare la restante quota di tempo. L’eventuale fruzione parziale dell’anno sabbatico esaurisce, comunque, il diritto dell’interessato a chiedere ulteriori periodi di aspettativa nell’arco del decennio preso in considerazione. Insomma, l’anno sabbatico esiste come entità unica e non frazionabile o scorporabile in alcun modo. È proprio la “ratio” dell’istituto a determinare questa impossibilità di scomposizione.
Tra gli altri elementi importanti in merito all’aspettativa per anno sabbatico docenti va evidenziato  sicuramente il fatto che il periodo non retribuito trascorso in aspettativa non è in alcun modo utile ai fini dell’anzianità di servizio e della progressione di carriera. Inoltre questo periodo di 12 mesi non conferisce punti all’interno della graduatoria interna attraverso la quale viene individuato il personale soprannumerario del corpo docente. Inoltre l’insegnante che sia già stato posto in congedo attraverso un’altra modalità può richiedere l’aspettativa per anno sabbatico attraverso la medesima procedura sopra descritta senza la necessità di rientrare in servizio.
In conclusione, l’aspettativa non retribuita per anno sabbatico è un diritto per tutti gli insegnanti di ruolo della scuola pubblica italiana, fruibile senza dover per forza attraversare particolari sbarramenti o ostacoli burocratici.
Fonte: orizzontescuola.it
Marco Brezza

 

 

 

Pinterest

Leave a Reply