Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Assegni Una Tantum 2013 Polizia Penitenziaria: un antidoto contro la stasi degli stipendi



Assegni Una Tantum 2013 Polizia Penitenziaria: un antidoto contro la stasi degli stipendi
3.6 (71.67%) 12 Vota Questo Articolo

La crisi economica che si è abbattuta su tutta Europa ed anche, con grande forza, sul nostro paese, non ha certamente risparmiato la “macchina” dell’amministrazione pubblica: e gli assegni una tantum 2013 polizia penitenziaria costituiscono certamente un tentativo di rimedio alla carenza di risorse che affligge lo Stato italiano per quanto riguarda il comparto delle forze dell’ordine. Sono proprio di queste settimane le immagini dei membri delle forze dell’ordine che si tolgono i caschi manifestando solidarietà con il popolo della “protesta dei forconi” riunito nelle piazze italiane per protestare contro le politiche di austerità praticate nel nostro paese: un’immagine simbolica che è sintomo della grande difficoltà che anche i membri delle forze dell’ordine si trovano ad affrontare in questo delicato periodo storico.

Fonte: www.poliziadomani.it

Fonte: www.poliziadomani.it

In questo senso pare interessante focalizzare l’attenzione sulla polizia penitenziaria e sugli assegni una tantum previsti per il 2013 proprio per i membri del corpo che rappresenta una delle cinque forze di polizia italiane: in questo caso quella preposta ai compiti di polizia giudiziaria, pubblica sicurezza, polizia stradale e gestione delle persone sottoposte a provvedimenti di restrizione o limitazione della libertà personale.

 

Assegni una tantum 2013 polizia penitenziaria: a chi spetta

.

Gli assegni una tantum 2013 polizia penitenziaria contribuiscono infatti a compensare, seppur parzialmente, il blocco economico configuratosi all’interno dell’amministrazione pubblica a partire dall’anno 2011 a causa della galoppante crisi economica. L’assegno una tantum per la polizia penitenziaria si configura quale elemento sostitutivo di una serie di competenze economiche non percepite a causa del suddetto blocco degli adeguamenti stipendiali: l’assegno viene inoltre riconosciuto anche alla dirigenza penitenziaria alla quale, in mancanza di contratto, viene applicato un trattamento economico-giuridico equivalente a quello dei dirigenti della Polizia di Stato.
Proprio lo scorso 23 maggio il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha reso noto il fatto che la Corte dei Conti aveva registrato il Decreto Ministeriale del 12 dicembre 2012 inerente proprio alla attribuzione di questa indennità “una tantum”: il testo del Decreto ispezzionato dalla Corte dei Conti ha ratificato e confermato l’impegno e la correttezza dell’interpretazione dell’Amministrazione Penitenziaria nel condurre innanzi la difesa del diritto del personale ad ottenere il beneficio di legge spettante al comparto dello Stato inerente alla sicurezza.

 

La determinazione degli assegni una tantum 2013 polizia penitenziaria

.

Consultando la scheda di sintesi rilasciata dal Ministero della Giustizia inerente agli assegni una tantum 2013 per il personale del comparto sicurezza si legge che in attuazione di alcuni strumenti normativi, tra cui il Decreto Legge n. 78 del 2010, un apposito Tavolo Tecnico ha definito lo schema  per la determinazione degli assegni “una tantum”. La somma complessiva delle risorse assegnate si assesta sulla cifra di 135 milioni di euro: pertanto, come si legge nella scheda del Ministero della Giustizia “a fronte di circa 135 milioni di euro disponibili per l’anno 2013, rispetto al fabbisogno complessivo di circa 728 milioni di euro necessario per corrispondere il 100 per cento degli importi congelati per lo stesso anno”, è stato possibile determinare l’entità della misura degli assegni una tantum 2013 polizia penitenziaria “nella misura del 16,60 per cento”. È chiaro che per garantire assegni una tantum per la polizia giudiziaria corrispondenti al 100 per cento degli incrementi congelati il fondo perequativo andrebbe integrato da una somma di 593 milioni di euro: una mole di denaro in questo momento difficile da reperire all’interno del bilancio dello Stato italiano.

 

Marco Brezza

 

 

 

Pinterest

Leave a Reply