Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Assegno Funzionale Carabinieri. Cos’è



Assegno Funzionale Carabinieri. Cos’è
Vota Questo Articolo

assegno di funzioneIl trattamento economico degli appartenenti al comparto sicurezza è composto da due tipologie di erogazione.

La prima, la principale, coinvolge tutte le retribuzioni a carattere fisso e continuativo, come ad esempio lo stipendio, l’indennità mensile pensionabile, l’indennità integrativa speciale, etc.

La seconda fonte di erogazione che completa il trattamento economico dei dipendenti del comparto sicurezza comprende invece tutte le indennità che hanno lo scopo di compensare mansioni che comportino particolari disagi o responsabilità per il loro svolgimento.

 

 

L’Assegno funzionale carabinieri rientra di diritto della seconda tipologia di trattamento economico riservato ai dipendenti delle forze dell’ordine. L’assegno funzionale carabinieri è regolamentato dall’articolo 6 del decreto legge 387/1987 ed è stato aggiornato successivamente, con l’articolo 8 D.P.R 51/09.

 

Si tratta di un vero e proprio assegno definito “pensionabile” che i carabinieri possono ricevere una volta raggiunti i 17, 27 e 32 anni di servizio, senza demerito alcuno all’interno dell’Arma dei Carabinieri o delle altre forze di polizia. Il raggiungimento della soglia di anzianità, oltre a non calcolare i periodi prestati con note di demerito, non tiene conto di tutti quei periodo che incidono sull’anzianità di servizio ma che di fatto la interrompono.

 

 

 

 

 

Assegno Funzionale Carabinieri. Requisiti

 

 

 

 

 

Ma come vengono valutati gli anni di servizio ai fini dell’assegnazione dell’assegno funzionale? Come già accennato nel precedente paragrafo, va sottolineato che l’ottenimento dell’assegno è vincolato alla condotta del triennio precedente alla data di maturazione dell’anzianità richiesta; è necessario però escludere dal calcolo gli anni nei quali il richiedente ha subito una sanzione disciplinare che hanno un peso più grave della deplorazione o abbia incassato un giudizio complessivo inferiore a buono.

 

In altre parole se il dipendente ha collezionato un giudizio di condotta negativo o la sanzione disciplinare della sospensione dal servizio, non potrà beneficiare dall’assegno funzionale previsto dall’Arma. Nel calcolo globale poi degli anni di servizio necessario per la richiesta, quelli sporcati con azioni disciplinari, vengono decurtati, allungando di fatto il periodo effettivo di servizio per il raggiungimento dell’assegno.

 

 

Cosa accade se la sanzione della sospensione viene inflitta proprio nel biennio di maturazione dei requisiti necessario all’ottenimento dell’assegno? Sarà necessario attendere la fine del procedimento disciplinare per poter percepire l’assegno. Quindi se si viene riammessi in servizio con riserva di riesame, tale riserva blocca di fatto l’iter verso l’ottenimento dell’assegno.

 

 

 

Assegno Funzionale 17 Anni Netto

 

 

 

 

Il decreto istituisce la cosiddetta coda contrattuale, ovvero, a partire dal 1 gennaio 2033 la soglia per la percezione dell’assegno funzionale è stata abbassata al raggiungimento dei 17 anni di servizio. Non solo.

Ma questo decreto è andato a modificare concretamente anche l’importo erogato, il quale ha infatti conosciuto un incremento del 27% per questa prima soglia di 17 anni di servizio. Questa percentuale sale addirittura al 53% in relazione al raggiungimento della seconda soglia dei 27 anni.

 

 

 

 

Importo Assegno Funzionale 32 Anni Carabinieri

 

 

 

 

Per riassumere al meglio e con massima precisione quali sono gli importi previsti dal decreto del 2006 in tema di assegno funzionale, vi riportiamo una tabella ufficiale tratta dal sito di un sindacato di categoria.

 

Tabella assegno funzionale Carabinieri:

 

 

 

Per chi ricopre il ruolo di commissari della Polizia di Stato e qualifiche equiparate delle altre Forze di polizia ad ordinamento civile e militare i parametri previsti per l’erogazione dell’assegno funzionale ve le riassumiamo qui di seguito:

 

 

 

In generale il calcolo nella busta paga non può chiaramente prescindere dall’Irpef, quindi dopo aver decurtato dall’importo lordo tutte el trattenute previdenziali, i termini di tasse si applica sui primi 1.250,00 (23.000,00/12) il 23%; da 1250,00 a 2.333,33 (28.000,00/12) e su 1.083,33 (2.333,33-1,250,00) il 27%; da 2.333,33 all’imponibile fiscale massimo si applica l’aliquota del 38%.

Una volta calcolata l’Irpef lorda sulla base del proprio stipendio iniziale, vanno applicate tutte le detrazioni prevista per il lavoratore dipendente e per i familiari a carco, qualora ce ne siano. Ciò che rimane è l’importo dell’assegno funzionale carabinieri.

 

 

 

 

 

 

Fonte: siulp / militari

 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

Pinterest

Leave a Reply