Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Ridicola Situazione delle Carceri Italiane



Ridicola Situazione delle Carceri Italiane
Vota Questo Articolo

Foto: espresso.reppublica

Nelle carceri italiane, la situazione è sempre più difficile per una questione di sovraffollamento, mancanza di personale e sovraffollamento. Alimentare ogni detenuto ha un costo per lo stato di meno di 4 euro al giorno, una somma che non sempre riesce a garantire cibi di qualità per tutti. La maggior parte dei reclusi sopravvive grazie ai vivere che riceve dalla propria famiglia.

Se ricordiamo che in Italia ci sono ad oggi oltre 65.000 detenuti, in strutture con una capacità massima di 47.000 persone, il problema sembra considerevole.

Ma non è tutto. Poco fa abbiamo saputo che mentre in galera le condizioni sono davvero pietose, alcuni dirigenti e magistrati dell’amministrazione di giustizia godono di benefit scandalosi. Parliamo di foresterie con jacuzzi in terrazzo, appartamenti costosissimi nel centro di Roma con un canone di 6 euro al giorno, acqua, luce, gas e pulizie compresi. In alcuni casi, i magistrati conservano questi diritti anche dopo aver lasciato l’incarico.

La Corte dei Conti e il Pubblico Ministero di Roma hanno aperto indagini per analizzare tutte queste spese irregolari, in un sistema penitenziario sempre più ridicolo e vergognoso.

Le nostre carceri sono come quelle del terzo mondo. Non hanno la capacità di garantire nessun tipo di rieducazione e inoltre, la maggior parte delle volte, viene umiliata anche la dignità dei detenuti.

 

Situazione vergognosa delle carceri in Italia

 

Questi sono i dati che dimostrano la situazione appena descritta:

-          Lo stato destina due miliardi e 800 milioni di euro per l’amministrazione penitenziaria

-          L’88 % di queste risorse è destinato agli stipendi del personale

-          Il  7’3 % è destinato per il vitto dei detenuti

-          Il 5 % restante è riservato ad altre necessità (benzina, vetture, divise, arredi, ristrutturazioni, ….)

 

 Non vi sembra ridicolo?

 

Fonte: Espresso.reppublica.it

 

 

Pinterest

Leave a Reply