Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Caso marò: De Mistura, nessun militare viene giudicato da altro stato



Caso marò: De Mistura, nessun militare viene giudicato da altro stato
Vota Questo Articolo

Il Governo Italiano continua ad allargare le relazioni con altri paesi sulla vicenda dei due marò italiani in carcere in India, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Infatti si tratta di una questione di diritto internazionale in quanto è accaduta in acque internazionali. “Nessun militare, di nessun paese può essere giudicato fuori dal proprio stato di provenienza”, queste sono state le parole del sottosegretario agli esteri, Staffan De Mistura, su Rainews. Questa, ha aggiunto, è una regola internazionale che vale per tutti, anche per il militare americano che ieri in Afghanistan ha ucciso 16 persone. “Sono sicuro che non verrà giudicato in Afghanistan” –ha considerato De Mistura- “Vale per tutti, indiani, americani, italiani devono essere giudicati nel paese di origine”.

 

De Mistura, in India dal 22 febbraio, tornerà a Roma domani per negoziare direttamente con il governo.  Al suo posto a Trivandrum arriveranno l’ambasciatore Giacomo Sanfelice e il direttore centrale per i paesi dell’Asia e dell’Oceania della Farnesina, Andrea Perugini.
I due marò italiani sono stati arrestati il 15 febbraio scorso quando hanno sparato ad un gruppo di presunti pirati, mentre erano in servizio a bordo della petroliera Lexie. Le autorità indiane ritengono che i due militari avrebbero assassinato due innocui pescatori nelle acque territoriali di competenza di Nuova Dehli, per il personale della nave e per il governo italiano invece il combattimento si sarebbe svolto in acque internazionali.

 

 

Foto: La Stampa

 

Proteste

I pescatori indiani si sono manifestati ieri davanti al palazzo del governo di Trivandrum. Protestano contro l’aumento degli incidenti avvenuti negli ultimi mesi: un totale di 28 morti, gli ultimi 8 tra febbraio e marzo.

I pescatori richiedono maggiori controlli e pretendono un incremento della protezione da parte della guardia costiera, mezzi tecnici più adeguati per segnalazioni e rilevamento dei dati. Infine paghe più alte. Una giornata di lavoro in mare vale, più meno, un euro.

Secondo La Stampa, durante la manifestazione era palese l’ostilità contro gli italiani, espressa anche tramite cartelli (la Enrica Lexie è disegnata a matita come un drago che, con la lingua, avvolge i pescatori).

Per saperne di più: Marò arrestati in India, stiamo bene.

Pinterest

Un Commento a “Caso marò: De Mistura, nessun militare viene giudicato da altro stato”

  1. Dipendenti statali -il Blog- » Blog Archive » Marò arrestati in India: altre due settimane di carcere Says:

    [...] – Mistura: nessun militare viene giudicato in un altro stato [...]

Leave a Reply