Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Congedo Parentale Carabinieri: Come è strutturato?



Congedo Parentale Carabinieri: Come è strutturato?
3.1 (61.82%) 11 Vota Questo Articolo

Il congedo parentale Carabinieri si configura attraverso la struttura di una agevolazione riservata ai genitori (compresi quelli adottivi) fino al compimento degli otto anni di età da parte del bambino, o comunque, nel caso dei bambini adottivi, entro gli otto anni dall’ingresso del minore all’interno del nucleo familiare.

;

Fonte: www.arfart.it

Congedo parentale Carabinieri: la licenza straordinaria

;

Per ciò che inerisce all’Arma dei Carabinieri, una delle quattro forze armate italiane (avente collocazione autonoma presso il Ministero della Difesa), pare interessante soffermarsi sulla licenza straordinaria per congedo parentale Carabinieri: questo istituto viene disciplinato all’interno del Decreto Legislativo n.151/2001 (la norma che circoscrive i limiti legislativi in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità), in particolare all’art. 34, nel quale si afferma: “Al personale con figli minori di tre anni che intende avvalersi del congedo parentale previsto dall’articolo 32 del testo unico medesimo, è concessa la licenza straordinaria sino alla misura complessiva di quarantacinque giorni, anche frazionati, nell’arco del triennio e comunque entro il limite massimo annuale previsto per il medesimo istituto”. Ne consegue che al personale che beneficia di questa tipologia di licenza spetta l’intera retribuzione, con la ovvia esclusione delle indennità legate all’effettivo impiego e del compenso dello straordinario. Per quel che riguarda i successivi periodi di licenza, però, non sarà corrisposta alcuna retribuzione.

;

Astensione e preavviso: le funzioni dell’istituto

;

Il congedo parentale Carabinieri si conforma pertanto alla stregua di un importante istituto volto a garantire la corretta e giusta assistenza nei confronti del neonato da parte dei genitori (o del singolo genitore) che siano impiegati al servizio dell’Arma di Carabinieri. Il congedo parentale (definito anche “astensione facoltativa”) non è infatti altro che un periodo di astensione dal lavoro da parte di un genitore: è la legge che ne disciplina tempi e modalità di astensione. La sua funzione precipua (e che circoscrive esaustivamente quanto già affermato in precedenza) è quella di consentire una congrua presenza del genitore accanto al bambino nei primi anni della sua vita: l’obiettivo virtuoso dell’istituto è sicuramente quello di soddisfare i bisogni affettivi e relazionali del minore. In questo senso va sottolineato che, ai fini dell’esercizio del diritto di questo tipo di licenza straordinaria, il personale è tenuto (con l’esclusione dei casi di impossibilità oggettiva) ad avvisare l’ufficio di appartenenza con almeno quindici giorni di preavviso sulla data di apertura della licenza.

;

Congedo parentale Carabinieri: specificazioni in base all’età del minore

;

Tra le specificazioni di eminente rilevanza all’interno della disciplina del congedo parentale Carabinieri vanno evidenziati due differenti elementi: in caso di malattia del figlio di età non superiore a tre anni, i suddetti periodi di congedo non comportano una riduzione del trattamento economico (fino ad un massimo di 5 giorni lavorativi nel corso dell’anno oltre la soglia dei 45 giorni previsti). Nel caso di una malattia del figlio di età compresa tra i 3 e gli 8 anni, ciascun genitore ha diritto ad astenersi alternativamente dal lavoro all’interno però del limite di cinque giorni lavorativi annui per i quali non viene corrisposta retribuzione. Sono queste due importanti specificazioni che definiscono i tratti salienti del congedo parentale.

:

Fonti: www.carabinieri.it, wikipedia.it

;

Roberta Buscherini

:

Pinterest

Leave a Reply