Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 

Archivi per la categoria 'Corsi Polizia e Formazione'

gio, dic 19, 2013  Valentina
Concorsi Polizia Penitenziaria. Ecco Come Fare
3.93 (78.62%) 29 Vota Questo Articolo

Concorsi polizia penitenziaria: Informazioni utili. Come si può facilmente intuire il corpo di polizia penitenziaria, una forza dell’ordine alle dipendenze del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria del Ministero della Giustizia, svolge un ruolo particolarmente delicato e complesso che richiede competenze tecniche, professionali e specifiche doti caratteriali come equilibrio psicofisico e resistenza.

Per entrare in questo corpo è necessario, come per tutte la altre forze armate, partecipare a degli specifici concorsi polizia penitenziaria. a ricordato infatti che al di là dei concorsi polizia penitenziaria, il ruolo che questi agenti svolgono è anche di rieducazione dei detenuti con attività di recupero sociale, dunque una funzione delicata e di estrema responsabilità.

 

 

 

I concorsi polizia penitenziaria danno accesso a ruoli dirigenziali, direttivi, di ispettori, fino al truolo di agente semplice. i compiti che si potranno svolgere accedendo e superando i concorsi polizia penitenziaria sono di pubblica sicurezza e di gestione ma anche di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza al di fuori degli specifici ambiti penitenziari.

I concorsi polizia penitenziaria sono riservati ai Volontari in Ferma Prefissata nelle Forze Armate (VFP) di uno o quattro anni.

 

 

Concorsi Polizia Penitenziaria: Dove e Come?

 

Il primo passo da compiere se si vuole partecipare ai bandi di concorsi polizia penitenziaria è quello di consultare il sito del ministero dell’interno alla voce concorsi polizia penitenziaria oppure recarsi presso un Istituto Penitenziario e compilare la domanda di reclutamento. In questo modo si verrà convocati tramite raccomandata una volta che i bandi di concorsi polizia penitenziaria vengono resi pubblici.

Alla domanda di partecipazione ai concorsi polizia penitenziaria va allegato un certificato di sana e robusta costituzione, un Certificato del Casellario Giudiziario, un Certificato multiplo comprendente nascita, residenza e famiglia e i propri documenti personali.

 

Come Si Preparano I Concorsi Polizia Penitenziaria?

 

Prima di tutto ricordiamo che per partecipare ai concorsi polizia penitenziaria è necessario avere svolto il servizio militare come VFP1 o/e VFP4.

Come per tutte le altre forze armate anche i concorsi polizia penitenziaria vertono su diverse materie teciche come Diritto Costituzionale, Ordinamento Penitenziario, Riforma dell’amministrazione, elementi di diritto penale, penitenziario e successive modificazioni. I concorsi polizia penitenziaria si svolgono con una prima prova scritta con quiz a risposte multiple, il cui superamento dà accesso a colloquio orale. La prova finale dei concorsi polizia penitenziaria riguarda la parte fisica con un test sui requisiti fisici e di resistenza allo stress.

 

 

fonte: concorsiforzepolizia.worldpress / nuoviconcorsi / poliziapenitenziaria / prossimiconcorsi / soldielavoro

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, nov 11, 2013  Ranalli
Concorsi Polizia Penitenziaria: Guida al Concorso Agenti
5 (100%) 1 Vota Questo Articolo

Concorsi Polizia Penitenziaria: La Guida. I concorsi polizia penitenziaria per diventare appunto un agente del corpo della polizia penitenziaria sono strutturati in diverse fasi, ordinate in tal modo che, ogni fase è vincolata al superamento della prova precedente.

 

Prove dei Concorsi Polizia Penitenziaria

 

1. Prova Scritta Concorsi Polizia Penitenziaria

Foto: Forzepolizia.org

La prova scritta dei concorsi polizia penitenziaria consta di una serie di domande, a risposta sintetica o a risposta multipla, sulle materie specificate in ogni bando di concorso. Inoltre, ci sono quesiti su cultura generale.

La durata per effettuare la prova scritta del concorso dipende da ogni concorso. Durante la prova scritta, ovviamente non è possibile parlare con altri concorrenti, né utilizzare libri o appunti. Inoltre, non è permesso di utilizzare calcolatrici.

Tutti gli esami devono essere presentati su carta portante il timbro d’ufficio e la firma di un membro della Commissione esaminatrice, altrimenti non è ammesso. E’ consentito, durante lo svolgimento dell’esame scritto, consultare i codici, le leggi ed i decreti, nonché dizionari linguistici.

Per superare la prova scritta dei concorsi polizia penitenziaria è necessario ottenere almeno una votazione di sei decimi.

 

2. Visita Medica

 

Una volta superata la prova scritta dei concorsi polizia penitenziaria, i candidati devono sottoporsi ad una visita medica che accerterà l’idoneità psico-fisica. Ad effettuare le prove mediche è una commissione composta da un presidente, primo dirigente medico, e 4 medici del servizio sanitario dell’Amministrazione penitenziaria.

 

La prova include un esame clinico generale che richiede:

-          Costituzione fisica sana

-          Senso cromatico e luminoso normale

-          Visus naturale non inferiore a 12/10 complessivi

-          Funzione uditiva con soglia audiometria media sulle frequenze 500 – 1000 – 2000 – 4000 Hz

-          Dentatura forte e presenza dei dodici denti frontali superiori ed inferiori

 

3. Prova attitudinale

 

Le prove attitudinali consistono nel rispondere ad una serie di domande, a risposta multipla, e in un colloquio.

Le domande riguardano le principali mansioni e ruoli degli agenti della polizia penitenziaria e, potrebbe avere delle variazioni, in base a nuovi decreti del Ministero della Giustizia.

Cosa si richiede per superare la prova attitudinale?

Per superare la prova attitudinale  è necessario:

 

-          Intelligenza medio / alta

-          Elevata capacità di auto controllo

-          Capacità di gestione in situazioni difficili

-          Personalità matura

-          Capacità di auto-critica

-          Buon livello di autostima

 

Una volta realizzate le prove, i candidati che hanno superato il concorso vengono inseriti nella graduatoria in base al corrispondente punteggio.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, set 26, 2013  Valentina
Volontari Esercito. Ecco Come Diventarlo
4.09 (81.82%) 11 Vota Questo Articolo

Nel 2005 con l’abolizione del servizio di leva obbligatorio è stata istituita la figura del volontario nell’esercito ovvero il VFP1, volontario in ferma prefissata di 1 anno che ad oggi rappresenta lo scalino imprescindibile per accedere alla carriera militare da professionista come truppa in qualità di volontario in servizio permanente insieme al superamento del concorso VFP4.

 

Volontari esercitoL’accesso alla figura di VFP1 avviene tramite un concorso, i cui bandi sono pubblicati periodicamente sul sito della difesa; coloro che lo superano vengono arruolati col grado di soldato e raggiungono, dopo tre mesi dall’arruolamento, il grado di caporale.

 

 

In Cosa Consiste Il Concorso Per VFP1

 

 

Una volta vinto il concorso iniziano due mesi di addestramento nei centri appositamente creati chiamati RAV, cioè il reggimento addestramento volontari. Durante questo lasso di tempo i ragazzi vengono indirizzati alle regole base della vita militare e avranno i primi approcci con le armi. Al termine dell’addestramento avverrà il giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana.

 

Successivamente i militari saranno indirizzati ai reparti di destinazione nei quali frequenteranno nuovi corsi per l’apprendimento di nozioni tecniche specifiche, fondamentali per lo svolgimento degli incarichi di settore. Se si supera con successo la ferma come VFP1 ci si guadagna l’accesso di diritto ai concorsi per il reclutamento dei VFP4 nelle forze armate e di polizia, Esercito, Aeronautica e Marina Militare e ai concorsi dell’arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato e delle altre forze armate e di polizia, nel ruolo più semplice.

 

 

Come Presentare La Domanda Per VPF1

 

 

La domanda per il concorso VFP1 necessita di una compilazione telematica, per poi essere stampata e inviata al distretto militare di appartenenza tramite raccomandata con ricevuta di ritorno oppure di persona agli uffici. All’interno della domanda è possibile indicare la regione nella quale si desidererebbe, essere arruolati.

 

Dopo poche settimane si viene convocati per le visite mediche e psico-attitudinali, superate le quali, se il punteggio è sufficiente, si riceve la lettera di convocazione al RAV.

 

Per poter presentare la domanda come VPF1 è necessario avere i seguenti requisiti:

 

- la cittadinanza italiana;

- un’età compresa tra i 18 e i 25 anni;

- altezza minima di 1,65 per i maschi e di 1,61 per le femmine;

- pieno godimento dei diritti politici e civili; – diploma d’istruzione secondaria di primo grado (scuola media);

- il certificato d’idoneità all’attività sportiva agonistica.

 

 

 

Fonte: esercito.difesa / informaweblog / militariforum / lavocedelvolturno

 

 

 

Valentina Stipa

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, giu 3, 2013  Roberta Buscherini
Vigili Urbani: Come diventare un vigile urbano?
3.97 (79.41%) 34 Vota Questo Articolo

 

Vigili urbani sono dipendenti pubblici che svolgono diverse funzioni nella propria città. Una delle più importanti è il controllo delle strade e far rispettare le norme del codice della strada. Inoltre, ii poliziotti municipali sono responsabili dell’organizzazione del traffico urbano e hanno la facoltà di multare qualsiasi infrazione.

 

 

Altre competenze dei vigili urbani sono ad esempio il controllo delle corrispondenti licenze dei negozio o locali pubblici o la collaborazione, con le forze dell’ordine, in caso di furto, rapina o incidente in citta. D’altra parte, i vigili municipali possono realizzare altri mansioni più sociali come aiutare l’anziano signore con le buste della spesa ad attraversare la strada, oppure fornire indicazioni ed informazioni riguardo la viabilità delle strade.

 

 

Requisiti per diventare vigili urbani

 

Fonte: Comune di Ischia

Per far parte della Polizia Municipale è necessario superare un concorso pubblico. I requisiti per accedere al concorso per vigili urbani sono:

-          Avere tra 18 e 40 anni

-          Godere di diritti civili e politici

-          Cittadinanza italiana

-          Diploma di maturità

-          Buone doti relazionali e comunicazionali

-          Capacità fisico psicologiche

-          Patente di guida B. Nelle grandi città è necessario possedere anche la patente di guida categoria A.

-          Conoscenza di una lingua straniera (nelle città con una grande attività turistica)

Per accedere al concorso di vigili urbani Comandante, è necessario essere  laureati in Giurisprudenza, in Economia e Commercio o in Scienze Politiche.

 

 

 

Concorsi Vigili Urbani: Prove e Graduatorie

 

 

Il concorso per vigili urbani consta di due prove teoriche-pratiche ed una prova orale. Per superare gli esami è necessario ottenere un punteggio di almeno 21 / 30.

Esiste, però, una graduatoria dei meriti che dipende dal punteggio del concorso e dai titoli presentati e che va in ordine di punteggio. Infatti, i candidati, oltre i requisiti prima elencati possono presentare altri titoli che potrebbero incrementare il punteggio.

 

 

Inoltre, come negli altri concorsi per le forze dell’ordine, i candidati dovranno sottoporsi a visite psico-fisiche per dimostrare la propria idoneità allo svolgere le funzioni dei vigili urbani.

Il concorso per vigili urbani normalmente è a numero chiuso, ovvero, per un numero di posti limitato. La graduatoria degli idonei diventa fondamentale qualora fosse possibile fare alcune assunzioni per un breve periodo. E’, infatti, possibile che vengano assunti dei vigili urbani a tempo determinato (con l’avvento dell’estate).

 

 

Come informazione aggiuntiva, è importante sottolineare che lo stipendio dei vigili urbani varia da città a città e, di solito, è riportato su ogni singolo bando di concorso. In termini generali, è possibile affermare che oscilla tra 18.000 e 19.000 euro all’anno lordi.

 

 

 

Fonti: Vigileurbano.it / GazzettadelLavoro.com / Lavoro e finanza

 

Roberta Buscherini

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, apr 24, 2013  Valentina
Polizia Ferroviaria. Chi Sono e Come Accedere
5 (100%) 1 Vota Questo Articolo

Polizia Ferroviaria: 2500 stazioni, 16,000 chilometri, 8000 treni per un totale di 1,500,000 passeggeri al giorno. Bastano questi numeri per capire l’importanza della polizia ferroviaria, nata all’inizio del secolo scorso e che oggi conta 153 posti di polizia, 27 sottosezioni e 17 sezioni su tutto il territorio nazionale.

 

I compiti di questa categoria lavorativa sono svariati e su più fronti; infatti, assicura in generale un viaggio, in sicurezza a tutti i passeggeri che transitano dalle stazioni italiane, impedendo reati all’interno delle stazioni e sui treni. La polizia ferroviaria compie anche azioni di assistenza e tutela dell’ordine pubblico nel caso di manifestazioni che si svolgono o transitano all’interno di stazioni.

 

La polizia ferroviaria, conosciuta più comunemente come Polfer, possiede sale operative di ultima generazione, richiedendo così anche ai suoi operatori un costante aggiornamento in termini di know-how. Intraprendere la carriera nella polizia oggi equivale quindi a svolgere una funzione, anche sociale in evoluzione continua, che richiede professionalità dinamiche e qualificate.

 

 Come si Entra Nella Polizia Ferroviaria

 

Come per tutte le forze armate, anche la carriera all’interno della polizia ferroviaria inizia con un concorso pubblico. Il bando serve per entrare all’interno della Polizia di stato, che dipende direttamente dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, da cui poi tramite concorsi interni, si può scegliere l’assegnazione alla polizia ferroviaria.

La pubblicazione del concorso per polizia contiene tutti i requisiti che si devono o possedere per poter partecipare.

In generale l’accesso al concorso per diventare poliziotto e successivamente entrare nella polizia ferroviaria è vincolato a requisiti formativi e fisici precisi:

-        La cittadinanza italiana e un diploma di scuola media inferiore

-        non aver compiuto i 30 anni

-        possedere qualità fisiche specifiche come l’altezza una massa muscolare idonea

 

Concorsi Polizia Ferroviaria

 

I concorsi per entrare in polizia ferroviaria si svolgeranno sempre su due prove, la prima scritta al cui superamento si accede a quella fisica.

La prova scritta per accedere alla carriera nella polizia ferroviaria è composta da un questionario a risposta multipla su argomenti di cultura generale, una prova di lingua straniera e di informatica di base.

Il superamento della prova scritta è un passo avanti verso la carriera nella polizia ferroviaria e fa accedere alla prova fisica (artt. 3 4, del D.M. 30 giugno 2003, n. 198) dove vengono istituite apposite commissioni chiamate a valutare i partecipanti al concorso per polizia ferroviaria.

I vincitori del concorso per polizia ferroviaria diventano allievi agenti della Polizia di Stato e iniziano un corso di formazione di 6 mesi, superati i quali ne iniziano altri sei in qualità di Agenti in prova fino alla qualifica di Agenti effettivi e all’assegnazione al reparto di polizia ferroviaria.

 

fonte: poliziadistato /  militariforum / nuoviconcorsi / notiziediprato

 

Valentina Stipa

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest