Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi per la categoria 'Dipendenti Statali'

lun, nov 6, 2017  Valentina
Prescrizione riposi compensativi
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

43123319 - stop the time conceptQuello al riposo compensativo, a prescindere dalla natura del contratto di lavoro, è un diritto inderogabile per i dipendenti. Ricordiamo infatti che è costituzionalmente previsto dall’articolo 36 e “consente al lavoratore di ricostituire le proprie energie psicofisiche e svolgere attività espressione della propria personalità”.
Si parla dei riposi compensativi intendendo una tipologia di riposo professionale che ha lo scopo di compensare appunto una prestazione lavorativa che è superiore a quella ordinaria prevista e retribuita da contratto.
Proprio perché si tratta di un diritto costituzionalmente riconosciuto, la prescrizione riposi compensativi non esiste, ovvero è un diritto che non va mai in decadenza, ma secondo quanto previsto da alcune sentenze della corte di cassazione, la possibilità di richiedere risarcimento del danno in caso di mancata fruizione ha invece una scadenza precisa.
Di fatto, la legislazione prevede che la durata di questa possibilità sia di 10 anni. Il diritto al riposo compensativo infatti è talmente tanto tutelato che la sua mancata fruizione può dare luogo ad un risarcimento del danno, come stabilito anche dalla sentenza n. 15699 del 2015 della Sezione Lavoro della Corte Suprema di Cassazione.

 

 

 

 

Origine prescrizione riposi compensativi

 

 

 

La rivoluzione in termini di orario di lavoro e di non lavoro e quindi anche in termini di prescrizione riposi compensativi arriva con  le direttive 93/107/CE e 2000/34/CE, le quali hanno delineato all’interno dell’ordinamento nazionale i limiti temporali delle prestazioni lavorative, al solo scopo di migliorare il rapporto tra tempo di lavoro e tempo libero, inteso come libero dallo svolgimento di compiti di carattere professionale.
Tra gli articoli più importanti in tema di prescrizione riposi compensativi va senza dubbio menzionato il 5 del D.Lgs. 66/2003, il quale inserisce una novità assoluta, obbligando il datore di lavoro a prevedere maggiorazioni retributive particolari per il lavoro straordinario, che come tale esula dalle competenze ordinarie previste da contratto.

 

 

In questo contesto, alcuni contratti collettivi prevedono, in aggiunta o anche in alternativa a una maggiorazione retributiva, in caso di lavoro straordinario, la possibilità di usufruire di riposi compensativi.

A differenza delle pause periodiche, che possono essere quotidiane o settimanali, i riposi compensativi non mirano a garantire il recupero delle energie fisiche del lavoratore, ma sono delle vere e proprie compensazioni rispetto a giornate di lavoro svolte in momenti che dovrebbe essere di riposo, come festivi o domeniche.

 

 

Quando si può parlare quindi di riposi compensativi? Si matura un riposo compensativo ogni volta che non si usufruisce della giornata di riposo settimanale ovvero di uno stacco di 24 ore consecutive dopo un periodo di lavoro continuativo di 6 giorni.
La copertura della giornata di riposo compensativo avviene con il recupero delle ore lavorate nel giorno festivo e in parte con ore di recupero dello stesso dipendente.

 

 

 

 

Danno per mancato riposo compensativo

 

 

 

 

Esiste poi, come accennato in apertura, la possibilità per i dipendenti pubblici di richiedere un danno per aver prestato attività lavorativa sette giorni su sette, senza usufruire della prescrizione riposi compensativi.

Chiaramente servono dei documenti che dimostrino questa mancata fruizione, come buste paga, statini, istanze e diffide alla pubblica amministrazione di appartenenza, la quale per avere valore deve essersi protratta nel tempo.
È facoltà dell’amministrazione provare poi che le cose sono andate diversamente da quanto dichiarato dal dipendente.
Va precisato però che il danno subito dal mancato riposo compensativo non è necessariamente tangibile, ma per il giudice si intende un danno di carattere esistenziale, che può portare a una situazione di stress psicofisico, il quale a sua volta può avere serie ripercussioni nel quotidiano svolgimento della professione. Questo è tanto più vero quando la professione di cui si parla è delicata e richiede un’attenzione massima.
Si configura così anche la possibilità in caso di riconoscimento del danno, di richiesta di risarcimento per una lesione di natura biologica, accertabile.
Nelle diverse pronunce della corte di cassazione in tema di prescrizione riposi settimanali, di fatto si è dato luogo ad alcune regole non scritte sul calcolo del danno derivante dalla mancata fruizione di questo diretto.
Nella pronuncia 14710/2015, ad esempio, la Cassazione ha stabilito che la misura del risarcimento da usura psicofisica per mancato riposo vada stabilita tramite una valutazione motivata del giudice, il quale deve tenere presente la gravosità delle prestazioni lavorative del soggetto, eventuali strumenti affini della disciplina collettiva e anche le clausole collettive sul risarcimento riconosciuto al lavoratore.
Una serie di altre sentenze della corte di cassazione hanno poi disciplinato tutti quei casi in cui non si può configurare una richiesta di risarcimento del danno: La sentenza 26398/2013, la 14940/2014, la 23624/2010 e infine la decisione 11727/2013 sono andate infatti a fare ordine in tutti quei casi nei quali il lavoratore non viene penalizzato dal mancato riposo compensativo, come ad esempio il lavoro su turnazione o per quelle situazioni nelle quali il lavoratore non è in grado di dimostrare in via inconfutabile la mancata fruizione del riposo compensativo.

 

 

 

 

 

Fonte: diritto24/ilsole24ore / wikilabour / diritto-lavoro

 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, ott 30, 2017  Valentina
Infortuni Dipendenti Pubblici
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

Fonte: accessclaimssolution.co.uk

Fonte: accessclaimssolution.co.uk

 

Chi lavora, a prescindere dal settore per il quale presta servizio, è possibile che incorra in qualche incidente più o meno grave durante il proprio orario di lavoro. Quando ciò accade si parla di infortunio. In questo articolo ci vogliamo concentrare su tutto ciò che riguarda gli infortuni dipendenti pubblici, quindi per tutti coloro che lavorano nella pubblica amministrazione.
La definizione più opportuna di infortunio è danno imprevedibile dovuto a una causa violenta avvenuto durante l’orario di lavoro o durante il tragitto di andata o ritorno tra il domicilio e la sede presso al quale si presta servizio. Questa ultima ipotesi implica l’assenza di deviazioni o interruzioni rispetto al tragitto più breve d compiere.
Anche per la pubblica amministrazione, l’ente preposto alla gestione e al controllo di tutto ciò che concerne gli infortuni dipendenti pubblici è l’Inail, a cui va fatta tempestiva comunicazione di quanto accaduto da parte del datore di lavoro. Lo stesso deve quindi comunicare all’Inail le condizioni in cui è avvenuto l’infortunio, l’orario e la dinamica e i danni riportati.

 
Gli scenari che si aprono in caso di infortuni dipendenti pubblici dipendono chiaramente dall’entità del danno subito; il dipendente può quindi recarsi al pronto soccorso per farsi refertare oppure dal proprio medico curante o ancora dal medico della propria azienda, qualora esista questa figura all’interno dell’organico.
Una volta che il certificato è stato emesso, deve essere spedito in via telematica, sia al datore di lavoro che all’Inail.

 

 

 

 

Denuncia infortunio sul lavoro pronto soccorso

 

Qual è la prima cosa da fare in caso di infortuni dipendenti pubblici? Il primo passo è quello che obbliga il lavoratore a dare comunicazione immediata al datore di lavoro di quanto accaduto e recarsi subito al pronto soccorso per tutti gli accertamenti necessari.

 

 

Sarà proprio al pronto soccorso infatti che il medico ospedaliero che prenderà in carico il dipendente infortunato, rilascerà il primo certificato. Tale documento dovrà pervenire al datore di lavoro, il quale, una volta ricevuto, dovrà a suo volta esporre denuncia all’ente preposto alla gestione dell’infortunio, cioè l’Inail.

 

 

La trasmissione del certificato all’inail deve avvenire entro 48 ore dall’emissione e in via telematica, tramite un apposito modulo reperibile sul sito dell’ente.
La denuncia da parte del datore di lavoro va effettuata ogni qual volta gli infortuni siano considerati non guaribili entro tre giorni. Nel caso estremo in cui l’infortunio abbia causato la morte del dipendente, o che il pericolo di decesso sia tangibile, la segnalazione all’inail deve arrivare entro 24 ore.

 

 

 

Quanto può durare un infortunio sul lavoro

 

 

Nei casi di infortuni dipendenti pubblici, il lavoratore ha diritto alla conservazione del posto per un periodo massimo di 36 mesi.
Le assenze per infortunio non sono soggette al periodo di comporto e non si possono sommare con le assenze per malattia a meno che non lo preveda il contratto di lavoro collettivo nazionale
In caso di infortunio, il dipendente ha diritto alla conservazione del posto di lavoro fino alla completa guarigione, a prescindere dalla durata della pratica. ma questo non significa che non ci siano alcune conseguenze al momento del reintegro.

 

 

Infortunio sul lavoro retribuzione

 

 

 

Nel caso di infortuni dipendenti pubblici, al lavoratore spetta l’intera retribuzione comprensiva del trattamento accessorio come determinato nelle tabelle allegate ai contratti.

 

 

Per i primi 4 giorni di assenza, compreso quello nel quale è avvenuto l’infortunio, la retribuzione è in capo al datore di lavoro e ha un importo pari al 100 %.  Per i successivi 3 giorni, chiamati periodo di carenza, il lavoratore percepirà il 60% della retribuzione.
Dal 5 giorno in avanti, fino alla chiusura dell’infortunio, il lavoratore percepirà la sua retribuzione dall’Inail, suddivisa in questa percentuale:

• al 60% della retribuzione fino al 90° giorno.

 

• al 75% della retribuzione dal 91°giorno e fino alla completa guarigione del lavoratore infortunato.

 

 

 

Dal quinto giorno in poi non si parla più di retribuzione ma di indennizzo, il quale viene liquidato per tutti i giorni, compresi i festivi che cadono nel periodo di astensione dal lavoro.
Precisiamo anche che in caso di infortuni dipendenti pubblici, il lavoratore viene tutelato economicamente dall’INAIL anche per la copertura delle spese per esami diagnostici e terapie riabilitative, se preventivamente prescritte o autorizzate dall’Inail.

 

 

Infortunio sul lavoro controlli

 

 

A differenza di quanto avviene in caso di malattia, per gli infortuni dipendenti pubblici non esiste obbligo di reperibilità in capo al lavoratore; a stabilirlo è il decreto ministeriale n.206 del 18 dicembre 2009, che esonera appunto dall’obbligo di reperibilità per tutte quelle situazioni delle quali sia certa la natura e l’origine dell’assenza; l’infortunio rientra tra queste categorie.
Per gli infortuni sul lavoro l’inail quindi non ha facoltà di eseguire visite fiscali.
Attenzione però, perché il datore di lavoro può comunque richiedere la verifica dello stato di salute del proprio dipendente, rivolgendo la sua richiesta direttamente all’Inps. Tale facoltà è stata sancita dalla sentenza della Corte di Cassazione n. 15773/2002, nella quale si spiega che il datore di lavoro a sue spese può attivare il servizio a richiesta per l’esecuzione di visite fiscali di controllo a domicilio, non solo sulle assenze dal lavoro per malattia, ma anche nei casi di denuncia di infortunio sul lavoro, per l’intera durata del periodo di prognosi.
La visita di controllo da parte dell’Inail diventa invece obbligatoria per il datore di lavoro prima di poter riprendere regolare servizio. È necessario quindi che si rechi presso gli ambulatori dell’Inail, ottenendo, dopo una visita, il certificato di idoneità che chiude definitivamente l’infortunio.
La completa chiusura della pratica d’infortunio avverrà con l’invio da parte dell’Inail di un questionario che il lavoratore dovrà compilare e restituire, nel quale si chiedono dettagli circa le modalità di svolgimento dell’infortunio.

 

 

Licenziamento dopo infortunio sul lavoro

 

 

 

Come abbiamo già scritto in precedenza il dipendente ha diritto in caso di infortunio alla conservazione del posto per un massimo di 36 mesi.

Cosa accade se al termine di tale periodo il lavoratore non viene riconosciuto abile nella medesima mansione prevista dal suo contratto? In questo caso l’amministrazione può spostare il dipendente in profili professionali diversi ma equivalenti a quello originale oppure, se questo non è possibile, può impiegarlo, con il suo consenso però, in mansioni di qualifica inferiore. Tale cambio di mansione consensuale produrrà chiaramente anche un adeguamento economico in negativo del dipendente.

 

 

Nel caso di superamento del periodo massimo di 36 mesi di assenza senza rientro nella propria mansione si può configurare il licenziamento, appunto, per avvenuto superamento del periodo di assenza dal lavoro.

 

 

Proprio su questo tema è intervenuta la corte di cassazione con la sentenza n.17837/2015, la quale stabilisce che è illegittimo il licenziamento del lavoratore assente per infortunio e che abbia superato il cosiddetto periodo di comporto, qualora la colpa dell’incidente sia da addebitare al datore di lavoro.

 

 

 

 

Fonte: investireoggi / urbanpost /fpcgil / guidafisco

 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, ott 18, 2017  Roberta Buscherini
Pensione Reversibilità INPS – INPS: Diritti, Domande e Calcolo Online
4.4 (88.25%) 63 Vota Questo Articolo

La pensione reversibilità Inpdap INPS è una formula previdenziale, nata negli anni 30 per tutelare i familiari dei dipendenti pubblici senza diritto ad una pensione propria e con un reddito inferiore al limite di povertà. Nello specifico, la pensione reversibilità è l’importo della pensione che ricevono, per diritto, i superstiti di un dipendente pubblico Inpdap, ora Inps, nel momento della sua scomparsa.

Detto in altre parole, i familiari superstiti di un pensionato iscritto presso una delle gestioni inps (quindi anche ex inpdap) hanno diritto a una pensione a fronte della verifica di alcuni requisiti ben definiti.

 

 

Precisiamo infatti che si accede di diritto alla pensione reversibilità Inpdap Inps se il deceduto era titolare di una pensione diretta oppure se sia in corso una liquidazione della stessa.

L’altra condizione nella quale i familiari hanno diritto alla pensione di reversibilità si verifica quando il titolare della pensione ha maturato 15 anni di assicurazione e contribuzione, oppure 5 anni di assicurazione e contribuzione, di cui almeno 3 nel quinquennio precedente alla data del decesso. In questo caso la pensione alla quale avranno accesso i familiari si chiamerà pensione indiretta.

 

Chi ha diritto alla pensione reversibilità INPDAP – INPS

 

I superstiti che hanno diritto alla pensione reversibilità INPS, gestita ora dall’Inps sono:

-       Il coniuge del dipendente pubblico scomparso. Anche se si tratta di un coniuge separato che abbia diritto agli alimenti o di un coniuge divorziato che non si sia risposato

-       I figli (legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell’altro coniuge) sempre che nel momento della scomparsa del dipendente Inpdap siano minorenni, siano a carico del genitori, siano studenti di meno di 26 anni senza un lavoro o siano inabili indipendentemente dell’età.

Se il deceduto non ha né moglie e né figli, il diritto alla pensione passa direttamente ai genitori che, al momento della morte devono però già aver compiuto il 65esimo anno di età e che risultino a carico del lavoratore deceduto.

 

 

In assenza anche dei genitori, il diritto passa ai fratelli celibi e sorelle nubili dell’assicurato che al momento del decesso risultino inabili al lavoro, non siano titolari di pensione e siano a carico del lavoratore deceduto.

 

Calcolo Pensione Reversibilità INPDAP – INPS

 

 

 

 

 

Il beneficiario della pensione reversibilità  ha il diritto ad un 60 % della pensione complessiva del dipendente pubblico scomparso; se si tratta di coniuge con un figlio, la percentuale è dell’80 % e dell’100 % nel caso di coniuge con due figli.

Questa formula previdenziale ha una durata vitalizia e viene allegata all’eventuale pensione che il coniuge, o familiare in questione, già percepisce.

La pensione reversibilità Inpdap ha una decorrenza dal mese successivo al decesso del dipendente pubblico o pensionato INPDAP.

Ora è possibile realizzare online una simulazione del calcolo pensione reversibilità, ora Inps. Per effettuare il calcolo, è necessario compilare il modulo con l’importo annuale della pensione già corrisposta al dipendente o pensionato scomparso e il numero di parenti a carico.

 

Domanda Pensione Reversibilità

 

Per ottenere la pensione reversibilità INPS, è necessario compilare il modulo apposito e presentarlo agli Uffici Centrali dell’Inps personalmente oppure tramite Internet, attraverso i servizi online dell’ente.

Alla domanda di pensione reversibilità  è necessario allegare:

-       Certificato di morte del dipendente

-       Certificato di matrimonio

-       Stato di famiglia

-       Dichiarazione di non separazione o divorzio

-       Dichiarazione di non avvenuto nuovo matrimonio

-       Dichiarazione sul diritto alle detrazione d’imposta

-       Dichiarazione dei reddito

-       Modalità di pagamento

 

Scarica il Modulo di Domanda per Pensione Reversibilità: Domanda Pensione Reversibilità

 

Fonte: Inps / Inpdap

 

Roberta Buscherini

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, ott 17, 2017  Valentina
Richiedere Pin INPS
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

Quando si parla di PIN si intende quel codice personale che consente di accedere ai servizi telematizzati dell’INPS. La procedura prevista per richiedere pin Inps è esclusivamente telematica, come ormai la maggior parte delle procedure in ambito di pubblica amministrazione che è possibile eseguire comodamente da casa propria. In questa breve guida vedremo come fare passo a passo.

Per ottenerlo bisogna entrare nel sito dell’Inps e seguire dei semplici passi, vediamo ora tutte le schermate del sito del INPS e le indicazioni da seguire:

Per prima cosa accedi al sito del INPS

 

 

 

1) Cliccare sul pulsante “Il PIN online” contraddistinto da un lucchetto, situato nella parte bassa della pagina;

 

Il pin online

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2) Cliccare sul pulsante “Accedi al Servizio”

 

 

 

accedi al servizio pin inps

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3) Cliccare sul pulsante “Richiedi pin online”

 

 

richiesta pin online

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4) Cliccare sul pulsante in blu “Richiedi PIN“;

 

richiedi pin

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Una volta entrati nella pagina, bisgona inserire nell’apposito modulo i propri dati anagrafici, il codice fiscale, l’indirizzo di residenza, un numero di telefono. Tutte queste informazioni servono al contact center per due ragioni diverse.

Richiedi il tuo pin

 

 

Nell’immediato perché si utilizzeranno per l’invio del vero e proprio pin. In secondo luogo saranno i recapiti a cui fare riferimento in caso di richiesta assistenza da parte dell’utente.

Per questo motivo è consigliato l’inserimento di almeno due recapiti telefonici diversi e due indirizzi mail, di cui uno in posta certificata; in questo modo sarà possibile sfruttare quell’indirizzo in caso di smarrimento del pin per eseguire la procedura telematica per il ripristino.

 

Una volta inseriti tutti i dati, il sistema elabora il controllo degli stessi e una volta accertata l’esattezza dei dati raccolti, inizia l’invio del vero e proprio pin. Se dalla verifica emerge che i dati inseriti non sono esatti, il contact center provvede a chiamare direttamente l’utente per verificare l’accaduto e fornire immeditata assistenza.

 

 

 

Attivazione Pin INPS

 

 

 

 

Il pin altro non è che un codice segreto che permette l’accesso al portale Inps per l’accesso ad alcuni dati personali e riservati. Si tratta di un codice composto inizialmente da 16 caratteri, dei quali 8 vengono inviati via sms, via mail o tramite posta elettronica, mentre gli ultimi otto vengono recapitati tramite posta ordinaria all’indirizzo di residenza del richiedente.

I 16 caratteri, a fronte del primo utilizzo, diventano 8, dando così vita al vero e proprio codice pin che rimane valido per i successivi accessi.

Precisiamo che per accedere ai servizi Inps, dal 16 marco 2016, non è necessario richiedere pin Inps, ma è sufficiente anche essere in possesso delle credenziali SPID.

 

 

L’inps si rende spesso protagonista negli ultimi anni di campagne di pubblicità del proprio ente, durante le quali provvede all’invio per posta ordinaria di parte del pin ai cittadini. Si tratta in sintesi della prima fase della procedura per richiedere pin inps appena descritta.

 

 

 

Converti Pin INPS

 

 

 

Come abbiamo già scritto richiedere pin Inps è utile perché permette di avere accesso ad alcune informazioni personali, il pin ordinario però non permette l’evasione di pratiche di carattere amministrativo. Le notizie a cui si ha accesso attraverso il pin riguardano la propria posizione previdenziale, ma è possibile anche accedere a tutta una serie di servizi online, con un risparmio di tempo e fila agli sportelli Inps, per buona pace di tutti.

Per poter accedere a prestazioni e benefici è necessario convertire il pin ordinari in quello che viene chiamato pin dispositivo.

 

Come fare per richieder pin inps dispositivo? Bisogna recarsi in una sede Inps e compilare il modulo MV35 – Richiesta assegnazione codice PIN dispositivo per il cittadino. Oppure si può utilizzare la procedura on line. In questo caso tramite il sito, si inserisce il pin ordinario, l’utente poi stampa e firma il modulo di richiesta, scansiona i documenti insieme a un documento di riconoscimento e li carica on line.

Se non si può eseguire la scansione dei documenti firmati, si possono anche consegnare presso il Contact center con posta ordinario, via fax al numero 800 803 164 o brevi manu in una qualunque delle sedi Inps dislocate sul territorio.

 

Una volta che il contact center verifica i documenti ricevuti, in automatico trasforma il pin ordinario in un pin dispositivo, dando di fatto al possibilità all’utente di eseguire procedure e prestazioni direttamente dal sito.

 

 

 

Revoca Pin INPS

 

 

 

Del pin Inps si può anche richiedere la revoca, sempre utilizzando la procedura telematica dal sito internet. Per effettuare la revoca serve il codice fiscale, i dati della tessera sanitaria e un indirizzo email o PEC.

Per chi non è molto pratico con le procedure on line, esiste anche la possibilità di avanzare richiesta di revoca tramite il contact center chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164164 da rete mobile (a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico).

 

 

Una delle motivazioni principali per la quale si avanza richiesta di revoca del pin Inps è il suo smarrimento. Prima di arrivare all’estrema decisione dei revocarlo per poi chiedere l’emissione di uno nuovo, è possibile anche eseguire la procedura di ripristino.

Per farlo sono necessari il codice fiscale e almeno due dei contatti inseriti al momento della registrazione tra cellulare, email e PEC; quest’ultima richiesta trova giustificazione solamente nella sicurezza del processo e nella tutela dei dati personali.

L’utente riceverà quindi una comunicazione con un link da cliccare; il nuovo pin seguirà la procedura della prima emissione: metà verrà comunicato tramite il numero di cellulare e le ultime 8 cifre invece tramite l’indirizzo pec. Anche dalla semplice procedura di ripristino si capisce l’importanza di tenere sempre aggiornati i propri recapiti personali.

 

 

 

 

 

Fonte: inps / lavoroediritti

 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, ott 12, 2017  Valentina
Indennità Temporanea Inail Dipendente Pubblico
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

inail-Il datore di lavoro senza distinzione se pubblico o privato, è obbligato ad assicurare i propri dipendenti contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, compresi i dipendenti che hanno un regime di collaborazione coordinata e continuativa. Questa tendenza si è estesa sempre di più grazie anche alle decisioni giurisprudenziali, che hanno di fatto ampliato questa tutela alla quasi totalità dei lavoratori dipendenti.

 

L’assicurazione viene stipulata tramite l’ente Inail, Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro, il quale nasce e garantisce per conto dello stato, il dipendente contro infortuni e malattie professionali.

In altre parole, se un dipendente, nell’esercizio delle proprie funzioni e non solo – anche in caso di evento legato all’imprudenza del lavoratore stesso purché non sfoci in un rischio gratuito – si ferisce, questo è tutelato dall’assicurazione Inail.

 

 

Cosa si intende esattamente per infortunio? Secondo quanto stabilito dall’inail, l’infortunio è un “evento occorso al lavoratore per causa violenta in occasione di lavoro e da cui sia derivata una inabilità temporanea che comporti l’astensione dal lavoro per più di tre giorni, una inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, la morte”.

 

 

 

Che cos’è l’Indennità Temporanea Inail

 

 

 

 

Dopo questo breve cappello introduttivo, andiamo a vedere insieme in cosa consiste nel concreto l’assicurazione inail in caso di infortunio.

Quando un dipendente subisce un infortunio si parla di indennità temporanea Inail dipendente pubblico. Con questo termine di indica l’importo che l’ente appena citato eroga a partire dal quarto giorno e fino alla fine del periodo di infortunio al posto del datore di lavoro, il quale copre i primi 3 giorni. In questo modo il lavoratore riceve comunque la sua retribuzione, pur non essendo presente sul posto di lavoro.

 

 

L’indennità temporanea inail dipendente pubblico viene erogata per tutti i giorni compresi i festivi e può essere anticipata al dipendente direttamente dal datore di lavoro; inoltre precisiamo che si tratta di un importo che non può essere cumulabile con la malattia, maternità, cassa integrazione guadagni.

Nel caso peggiore di indennità temporanea inail dipendente pubblico, che ha come conseguenza la morte del lavoratore, la liquidazione verrà erogata agli eredi, in relazione al grado di parentela con il defunto.

In termini numerici l’indennità temporanea INAIL, dal quarto fino al novantesimo giorno ha un importo pari al 60% della retribuzione media giornaliera; dal novantunesimo giorno fino alla fine del periodo di infortunio, questa percentuale scende al 75%.

Anche per il datore di lavoro, in capo al quale c’è la liquidazione dei primi 3 giorni di infortunio, la percentuale da erogare non è sempre la stessa. Il giorno dell’accaduto, il datore di lavoro deve erogare il 100% della retribuzione, mentre per i giorni rimanenti solo il 60%, fatta eccezione per eventuali particolarità contrattuali previste nel CCNL di appartenenza.

 

 

 

Quando si parla di indennità temporanea inail pubblico impiego, non si può non affrontare il tema del danno biologico. Fino all’estate del 2000,  in realtà, si parlava di  l’indennità per danno permanente. Oggi invece con danno biologico si intende una lesione di carattere psichico o fisico, sottoposta a valutazione del medico legale. In questo caso, a differenza di quanto avviene per l’indennità temporanea Inail pubblico impiego, l’erogazione della liquidazione non va di pari passo con la retribuzione mensile e si basa invece su due parametri differenti:

 

-          Se la menomazione rientra tra il 6 e il 16% l’erogazione sarà in termini di capitale;

 

 

-          Se la menomazione invece supera il 16% si parla di rendita.

 

 

 

 

I Dipendenti Pubblici Hanno Diritto?

 

 

 

Anche nel caso di infortunio per un dipendente pubblico si parla di indennità temporanea inail e si prevede anche il diritto alla conservazione del posto di lavoro fino a un massimo di 36 mesi sia nel caso di infortunio che anche nel caso di malattia riconosciuta come dipendente da causa di servizio.

 

 

 

Per il periodo di assenza per infortunio, al dipendente pubblico spetta l’intero stipendio comprensivo del trattamento accessorio come determinato nelle tabelle allegate ai contratti collettivi nazionali.

Ciò significa che di fatto, il dipendente pubblico non ha diritto all’indennità temporanea inail, in quanto percepisce l’intera retribuzione.

 

 

 

Cosa accade se, passati i 36 mesi per la conservazione del posto di lavoro, il dipendente non sia più idoneo per lo svolgimento della sua mansione, ma sia comunque idoneo per essere reintegrato nell’ambito lavorativo? In questo caso l‘amministrazione pubblica, compatibilmente con la sua struttura interna, può inserirlo in altri contesti, purché con mansioni equivalenti, quindi o nell’ambito della stessa qualifica oppure, con il consenso dell’interessato, anche in mansioni di profilo professionale inferiore.

In questo ultimo caso, il lavoratore percepirà la retribuzione prevista per la nuova qualifica senza alcun adeguamento rispetto a quanto percepito in precedenza.

 

 

 

Esiste poi un obbligo in capo al datore di lavoro di garantire la conservazione del posto per quei lavoratori che al momento dell’assunzione non posseggono alcun tipo di disabilità, ma che l’abbiano acquisita per infortunio o malattia professionale.

 

 

 

 

 

 

Fonte: fpcgil / laleggepertutti

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest