Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Edilizia Scolastica : firmato l’acccordo



Edilizia Scolastica : firmato l’acccordo
4 (80%) 2 Vota Questo Articolo

“La firma di oggi è un ottimo passo avanti verso una gestione più semplice ed efficace dei fondi per l’edilizia scolastica”.

edilizia scolastica

edilizia scolastica

Sono le parole del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza a seguito del via libera in sede di Conferenza Unificata ad un’intesa in materia di edilizia scolastica. Nel dettaglio questo accordo prevede una maggiore collaborazione tra le istituzioni per l’assegnazione diretta dei finanziamenti agli enti locali al fine di superare quel modello di assegnazione dei finanziamenti che negli ultimi anni si è rivelato decisamente inefficace per i tempi  di attesa troppo lunghi ed insostenibili per rendere quindi immediatamente spendibili le risorse stanziate per l’apertura dei cantieri, risorse stanziate con il Decreto del fare ( di prossima speriamo approvazione definitiva da parte del Parlamento ) che vorrebbe la centralità dell’edilizia scolastica del governo di larghe intese guidato da Enrico Letta.

 

Sempre il ministro Carrozza è intervenuta alla summer scool organizzata ad Ischia da Tecnolid ed ha parlato tra l’altro proprio dei nuovi percorsi per rendere efficaci le norme sull’edilizia scolastica Il ministro ha quindi illustrato il piano del Governo: “la messa in sicurezza delle scuole e l’ edilizia scolastica sono il primo obiettivo, per il quale sono già state stanziate cospicue risorse” ha detto il Ministro.

 

Edilizia scolastica, accordi e sicurezza

 

Ha proposito della messa in sicurezza delle scuole mi viene da sottolineare anche la responsabilità delle istituzioni a far si che i prossimi interventi in materia di edilizia scolastica tengano in assoluta e debita considerazione la necessità di abbattere del tutto le barriere architettoniche al fine di consentire ai diversamente abili di poter accedere con assoluta serenità agli edifici scolastici senza la necessità di dover chiedere aiuti esterni.

 

Basta poco per dare un grande segno di civiltà e di crescita sociale…ricordandosi quando si fanno grandi e piccole opere di tenere in considerazione anche le esigenze dei meno fortunati cosa che del resto viene continuamente richiesto e sollecitato dalla Comunità Europea. All’uopo è necessario ricordare l’accusa del resto fondata secondo il parere dello scrivente di quanto poco si faccia in Italia per consentire ai diversamente abili una vita più agevole collocando l’Italia agli ultimi posti il che è tutto dire.

Quindi efficienza nell’edilizia scolastica per spendere al meglio i soldi stanziati dal governo Letta ma senza dimenticare che l’efficienza deve necessariamente sposarsi con la correttezza e il rispetto delle regole per il completo inserimento sociale di portatori di handicap.

 

Giancarlo Ranalli

Pinterest

Leave a Reply