Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Enam Rimborso spese mediche insegnanti



Enam Rimborso spese mediche insegnanti
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

enam-rimborso-spese-medichePer capire come poter attivare la procedura di rimborso delle spese mediche all’Enam, cioè all’ente nazionale di assistenza magistrale, bisogna spendere due parole proprio su questo organo. Si tratta infatti di un ente pubblico a tutti gli effetti, che detiene personalità giuridica e risponde delle proprie azioni al ministero dell’istruzione.

Il suo scopo primario è quello di occuparsi di sussidi, sovvenzioni, borse di studio e assistenza scolastica e sanitaria dei propri iscritti.

 

 

 

E chi sono gli iscritti all’enam? Sono i dipendenti delle scuole elementari e materne statali, senza distinzione di servizio, cioè siano essi in pensione oppure ancora in ruolo. Tanto per dare un’idea numerica di quello di cui stiamo parlando oggi ci sono oltre 320 mila insegnanti in ruolo tra scuole primarie e dell’infanzia, a cui si aggiunge tutta la schiera dei pensionati del settore che conservano il diritto alle prestazioni grazie ai versamenti effettuati quando erano in servizio. Il versamento di cui parliamo è di 150 euro annue in media.

Se sommiamo insegnanti in servizio, pensionati, vedovi e orfani si parla di mezzo milione di persone.

 

 

Enam modulistica rimborso spese mediche insegnanti.

 

 

 

Precisiamo che enam rimborso spese mediche insegnanti riguarda solo i costi superiori ai 20 euro; a questa regala fanno eccezione tutti i medicinali utilizzati per la cura di malattie croniche, per i quali non viene indicato un limite di prezzo.

 

 

La domanda di richiesta enam rimborso spese mediche insegnanti deve essere compilata solamente in stampatello e presentata o al comitato provinciale o alla sede centrale dell’inps. Il primo caso vale per una spesa complessiva che non superi i 3000 euro. Per gli importi maggiori invece la domanda deve arrivare direttamente alla sede centrale di Trastevere.

 

 

La domanda può essere presentata sia dall’iscritto che anche da alcuni familiari, tra cui i conviventi a carico fiscale, coniuge non legalmente separato, figli purché non siano sposati, genitori, fratelli o sorelle maggiorenni e abili al lavoro, vedovo non risposato a patto che, al momento dl decesso, risultasse a carico dell’iscritto, e gli orfani.

Le spese incluse in questa domanda devono essere state effettuate non prima di un anno dalla data della domanda e devono essere tutte accompagnante dalle fatture del medico curante e intestate all’iscritto o al familiare a carico.

La documentazione deve essere sempre consegnata all’enam in originale. Qualora si voglia invece utilizzare delle copie, queste devono essere autenticate presso il proprio comitato provinciale, il quale verifica gli originali e autorizzerà un autocertificazione nella quale si dichiara appunto l’autenticità dei documenti.

Se la documentazione o parte di essa è avvenuta fuori dai confini italiani, va consegnata nella lingua originale e va accompagnata da una traduzione.

 

 

Oltre alla documentazione attestante la parte medica, la domanda di rimborso spese mediche insegnanti deve essere accompagnata anche da una copia del documento di identità e dell’ultimo cedolino dello stipendio; qualora sia il caso dalle certificazioni che attestino la presenza di un’invalidità o di una malattia grave cronica.

 

 

Rimborso sanitario ENAM e 730

 

 

Il rimborso che l’iscritto ottiene con questa domanda deve poi essere riportato nella denuncia dei redditi in maniera da poter ottenere la detrazione.

 

 

La percentuale di contribuzione per enam rimborso spese mediche insegnanti varia in base alla fascia di appartenenza ISEE del beneficiario della prestazione. Tanto per essere maggiormente esplicativi, sul sito dell’Inps è stata pubblicata una tabella  che indica le fasce in base al reddito Isee

 

 

 

Enam e insegnanti. Un rapporto difficile

 

 

 

Al di là della parte amministrativa e burocratica, gli appartenenti al settore e diretti interessati al tema, cioè gli insegnanti non sembrano essere particolarmente soddisfatti dell’operato enam. La trattenuta infatti, nasceva come un vero e proprio contributo da parte del comparto scuola al fine di garantire servizi e opportunità legate alla professione.  Una specie di assicurazione parallela insomma.

 

 

Con l’esproprio però dell’enam da parte dell’inps, le prestazioni prima garantite sono diminuite in qualità e quantità. Questo almeno è quanto denuncia il settore scuola. Dall’altra parte le istituzione e l’Inps sottolineano con forza come questo cambio di ente non abbia in alcun modo inciso sull’erogazione dei servizi.

 

 

 

Vogliamo infine ricordare a questo proposito che con cadenza annuale, l’enam organizza due bandi di concorso, che riguardano Soggiorni invernali e Soggiorni primaverili presso le case del maestro. I bandi vengono pubblicati sul sito sotto nella parte di Iniziative Welfare, assistenza e mutualità.

All’interno del bando vengono indicate tutte le informazioni sia sulle strutture ospitanti che anche sulle modalità di compilazione della domanda.

 

 

A fronte del cambio enam/inps per poter accedere ai servizi riservati agli iscritti all’ente defunto, una volta entrati nel sito dell’inps, è necessario avere il proprio pin personale, cliccando in alto verso il centro pagina e poi seguire le istruzioni.

Una volta entrati nella sezione corretta, per poter prendere visione delle offerte di assistenza, vi consigliamo di utilizzare il tasto “cerca” posizionato in alto a destra e scrivere “ex enam”. Vi si aprirà in questo modo una pagina con tutte le informazioni sia su enam rimborso spese mediche insegnanti, che su tutte le altre iniziative e bandi previsti.

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

Pinterest

Leave a Reply