Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi per la categoria 'Graduatorie Insegnanti'

gio, ott 10, 2013  Roberta Buscherini
Graduatorie Scuola: Valutazione di Titoli e Servizi
4.3 (85.93%) 27 Vota Questo Articolo

Graduatorie Scuola: Nelle graduatorie scuola, oltre il punteggio e il risultato dei concorsi, vengono valutati titoli di studio e servizi che possono aiutare i docenti ad ottenere una posizione migliore. In questo articolo vogliamo far chiarezza su quali sono esattamente i titoli di studio che vengono tenuti in conto e il punteggio per ognuno di loro.

 

 

Valutazione dei Titoli di Studio nelle Graduatorie Scuola

 

 

Nelle graduatorie scuola vengono valutati i titoli di studio validi per l’accesso, i titoli specifici di idoneità, ma anche altri titoli di studio non utilizzati per l’accesso, non specifici per l’abilitazione oppure, altri titoli professionali.

Le abilitazioni specifiche sono quelle corrispondenti alla classe di concorso per il quale si sta facendo la richiesta mentre, le idoneità o le abilitazioni non specifiche sono quelle relative ad altre classi di concorso (queste ultime sono valutate solo tre punti). Le abilitazioni specifiche ottengono da 12 a 36 punti in base al voto.

Il punteggio base per questi titoli è fissato nei 12 punti più 0,5 per ogni punto da 76 a 110. A questo punteggio vengono aggiunti altri 4 punti se il voto ottenuto è il massimo.

La valutazione nelle graduatorie scuola viene sempre dato in centodecimi, se il voto dei titoli non è stato dato in questa misura viene fatta la proporzione.

Titoli ottenuti all’estero

Nel caso di titoli di studio ottenuti all’estero, nelle graduatorie scuola sono considerati i titoli in cui è stata dichiarata l’equipollenza. Se questa non ha definito il contrario, questi titoli vengono valutati con punteggio base di 12 punti.

 

Punteggio Specifico dei Titoli per le Graduatorie Scuola 

 

-          Abilitazione con concorso ordinario       30 punti in più

-          Titoli ottenuti nella Facoltà di Scienze della Formazione Primaria o le SISS           30 punti in più

-          Altre lauree per maestri              3 punti

-          Lauree in lingue e letterature straniere               6 punti

-          Specializzazioni per il sostegno 3 punti

-          Specializzazioni universitarie     1,5 punti per anno

-          Borse di studio 1,5 punti per anno

-          Dottorati             4 punti per anno

 

Valutazione dei Servizi nelle Graduatorie Scuola

 

Nelle graduatorie scuola il servizio è valutato fino al giorno di presentazione della domanda, pertanto viene conteggiato anche l’anno in corso. Questo però, è riservato soltanto ai docenti che non sono inseriti nella graduatoria permanente, ovvero ai docenti della seconda e della terza fascia. I docenti della prima fascia non devono aggiornare servizio visto che mantengono la stessa situazione dell’anno precedente.

 

Punteggio per i Servizi

-          Servizio Specifico: 12 punti all’anno ovvero 2 punti al mese

-          Servizio Non Specifico: 6 punti all’anno ovvero 1 punto al mese

-          Altri servizi: 3 punti all’anno ovvero 0,5 punti al mese

 

Il servizio specifico è il servizio prestato col titolo equivalente alla classe di concorso che si sta chiedendo. Mentre il servizio non specifico è il servizio prestato in altre classi di concorso o su un altro posto di un altro grado.

 

Altri servizi:

-          Servizi su Insegnamento della religione cattolica             6 punti all’anno

-          Servizi di insegnamento senza il corrispondente titolo di studio                              3 punti all’anno

-          Insegnamento presso le università        3 punti all’anno

-          Servizi prestati presso gli ISEF, accademie o conservatori            3 punti all’anno

-          Servizi d’insegnamento come esperto in lingua               3 punti

-          Servizio militare               12 punti all’anno

-          Servizi nelle scuole di lingua italiana       6 punti all’anno

-          Servizio prestato nelle università straniere        3 punti all’anno

 

 

Fonte: Ecn.org

 

Roberta Buscherini

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, mag 7, 2013  Valentina
Tfa Scuola. Poca Luce All’Orizzonte
4 (80%) 3 Vota Questo Articolo

Quando si parla di tfa scuola c’è ancora molta confusione e malcontento nel settore. Il nuovo regolamento sul faf scuola che è andato a modificare il decreto 279/2010 ha introdotto infatti il divieto espresso di inserimento nelle graduatorie a esaurimento, senza che tale comma venisse prima vagliato e discusso all’interno delle commissioni parlamentari.

Proprio per questo motivo molte associazioni di categoria, in prima linea l’ANIEF – il giovane sindacato salito agli onori della cronaca per le battaglie in favore degli esclusi dal concorso scuola – hanno chiesto la mobilitazione degli iscritti al tfa scuola ordinario, senza che l’abilitazione sia ancora stata raggiunta.

 

tfa scuola

 

Lo scopo di questa mobilitazione di massa degli iscritti al tfa scuola ha lo scopo di produrre manifestazioni e rumore a livello nazionale affinché venga vagliato un emendamento legislativo necessario alla corretta regolamentazione dei tfa scuola.

A questo panorama sui tfa scuola si aggiunge in ultima analisi, ma non ultima in ordine d’importanza, la decisione dell’ex Ministro dell’Istruzione Profumo che ha dato il via libera al decreto per l’avvio dei tfa scuola speciale attraverso i quali circa 75 mila docenti non abilitati potranno accedere alle graduatorie per l’insegnamento, qualora avessero maturato un’esperienza almeno triennale nel ruolo.

 

Tfa Scuola. Tutto Iniziò Così

 

Va ricordato che i tfa scuola speciali sono stati introdotti al posto della Scuola di specializzazione all’insegnamento secondario e non sono altro che una sorta di condono per i non abilitati che hanno maturato un minimo di 180 giorni per ogni anno scolastico tra il 1999/2000 e il 2011/12. Attualmente coloro che accedono al tfa scuola ordinario e raggiungono l’abilitazione possono usufruire di un unico canale di reclutamento, ovvero le graduatorie ad esaurimento.

 

Tfa Scuola. Quali Prospettive e Quali Soluzioni

 

Le promesse istituzionali di nuovi concorsi, che pure ancora non hanno alcun aspetto concreto, non risolverebbe il problema dei tfa scuola, mantenendo di fatto una disparità di trattamento tra docenti. I tfa scuola non sono forse corsi abilitanti all’insegnamento tramite superamento di un esame finale secondo quanto stabilito dal DM 39/1998 e dal DM 22/2005? E allora come mai chi partecipa e supera i tfa scuola dovrebbe avere un acceso al ruolo limitato? È su questo che l’ANIEF in particolare ma anche molti altri sindacati della scuola si battono e stanno raccogliendo ricorsi da presentare al TAR per affrontare una battaglia che si annuncia molto dura.

Questo trattamento relativo ai tfa scuola viene considerato senza mezzi termini un’assurdità: perché i tfa scuola non possono usufruire di canali di reclutamento al pari degli iscritti Facoltà di Scienze della Formazione primaria nel 2012 e nel 2013 e a coloro che decideranno di intraprendere il percorso dei tfa scuola speciali? A questo si aggiunge anche che nel 2008/2012 con un emendamento speciale era stato consentito l’accesso ai tfa scuola nelle ex graduatorie permanenti degli specializzati e dei laureati in Scienze della Formazione primaria. Dunque cosa è cambiato da allora per i tfa scuola?

 

 

Fonte: orizzontescuola / lascuolaconvoi / leggioggi /ctzen / investireoggi

 

 

Valentina Stipa

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, apr 10, 2013  Ranalli
Graduatoria Scuola Materna: Guida ai Reclutamenti
1.5 (30%) 2 Vota Questo Articolo

Graduatoria Scuola Materna: Bisogna innanzitutto dire che esistono varie graduatorie, così come per tutti gli altri insegnamenti, ed ognuna di essa ha una funzione ben chiara.

 

-       GRADUATORIA AD ESAURIMENTO

-       GRADUATORIA DI CIRCOLO O D’ISTITUTO

-       GRADUATORIA CONCORSO ORDINARIO

-       GRADUATORIA INTERNA DI CIRCOLO.

 

Graduatoria Scuola Materna: ad esaurimento

 

graduatoria scuola maternaLa graduatoria scuola materna ad esaurimento è quella, a livello provinciale, che viene formulata integrata ed aggiornata ad ogni biennio. Possono entrare a far parte di questa graduatoria i vincitori di concorsi ordinari, quanti hanno le abilitazioni all’insegnamento, quanti oltre all’abilitazione hanno anche la possibilità di far valere il servizio.

La graduatoria ad esaurimento è funzionale ad ottenere la nomina a tempo indeterminato ovvero si può ottenere facendone richiesta anche la nomina a tempo determinato. E’ utili ricordare che quanti sono inseriti nelle GAE sono automaticamente per effetto dell’allineamento automatico nella prima fascia delle graduatorie di circolo o d’istituto.

 

 

Graduatoria Scuola Materna: di circolo o d’istituto

 

Si tratta di una graduatoria scuola materna cosiddetta “derivata” almeno in parte. Infatti in essa entrano a far parte per noma tutti quelli che sono inseriti nelle graduatorie ad esaurimento. Il loro inserimento avviene in prima fascia ragion per cui hanno probanti possibilità di ottenere un incarico ( il residuo che resta dopo tutte le altre nomine ) . Nelle altre due fasce ovvero la secondo e la terza vengono invece inseriti quanti non sono inseriti nelle graduatorie ad esaurimento e che quindi possono far valere un servizio o un abilitazione ed infine quanti hanno uno solo dei due titoli.

 

Graduatoria Scuola Materna: da concorso ordinario

 

Si tratta ovviamente di quella graduatoria riservata solo ed esclusivamente ai vincitori del concorso ordinario. La sua funzione unica è finalizzata all’assunzione a tempo indeterminato. A tal proposito giova ricordare che l’attuale graduatoria scuola materna sarà a breve sostituita da quella che sarà formulata con la conclusione del nuovo concorso ordinario ancora in itenere e di cui si è in attesa della prova orale per quanti risultano aver superato oltre alla preselezione anche la prova scritta.

 

 

Graduatoria Scuola Materna: Interna di Circolo

 

Si tratta di un elenco prevalentemente interno al circolo o all’istituto che serve a stabilire eventuali  situazioni di sovrannumerarietà rispetto all’organico. In questo elenco per norma non possono essere inseriti quanti sono titolari per se o per interposta persona della legge 104/92 con connotazione di gravità ovvero sofferenti di gravi patologie anche se non diversamente invalidi debitamente certificate. I casi in questione sono vari  e si parte da chi è titolare di legge 104/92  con l’articolo 21. Costui  oltre a non rientrare nell’elenco non può nemmeno essere trasferito se non a domanda. Le altre situazioni ovvero soggetto affetto da gravi patologie, titolare di legge 104/92 personale ( art. 33 comma 6 ) e titolare di legge 104/92 indiretta  ( art. 33  comma 5 e 7 ) valgono per non essere individuati quale personale soprannumerario.

Alla formazione di detto elenco concorre ovviamente il servizio di ruolo e pre-ruolo ( gli anni di ruolo valgono sei punti per anno ) mentre il pre-ruolo vale per i primi quattro anni 3 punti il resto degli anni 2 punti per anno. Concorre anche ovviamente la continuità nella stessa istituzione scolastica , le situazioni di famiglia, i titoli culturali.

 

Giancarlo Ranalli

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, mar 26, 2013  Roberta Buscherini
Passaggio di Ruolo e di Cattedra 2013/2014: Requisiti, Tempistica e Precedenze.
3.2 (63.33%) 6 Vota Questo Articolo

Ci sono alcune novità rispetto il passaggio di ruolo e/o di cattedra per il nuovo anno scolastico, infatti anche gli insegnanti assunti con decorrenza giuridica 1/9/2011 potranno richiedere trasferimento di ruolo interprovinciale.

 

Passaggio di ruolo o di cattedra: definizione

passaggio di ruolo

Foto: Gildafc

 

Il passaggio di ruolo nella scuola pubblica è il trasferimento dei docenti dall’infanzia alla primaria o alla secondaria e viceversa. Oppure il passaggio di ruolo del personale educativo ad altri ruoli diversi.

Il passaggio di cattedra invece, è il trasferimento dei docenti da una classe di concorso ad un’altra, sempre dello stesso ruolo.

 

Chi può richiedere il passaggio di ruolo o di cattedra?

 

Per richiedere il passaggio di ruolo e/o di cattedra, è necessario rispettare alcuni requisiti. In questo senso, per accedere alla mobilità, è necessario:

-          Aver superato il periodo di prova (180 giorni) nel ruolo di appartenenza

-          Possedere l’abilitazione per il ruolo o la cattedra richiesta

 

Per quel che riguarda il diploma magistrale, Il CCNI consente il passaggio di ruolo della scuola primaria con il titolo di studio ottenuto a termine dei corsi quadriennali e quinquennali sperimentali dell’istituto magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/02, ai sensi del DM 10 marzo 1997.

 

Passaggio di ruolo e Mobilità Professionale

 

Il 50 % dei posti disponibili ogni anno per trasferimenti scuola sono riservati alla mobilità professionale che riguarda la III fase, mentre l’altro 50 % va alla mobilità interprovinciale.

E’ possibile presentare domanda di passaggio di ruolo mobilità interprovinciale ma è concessa soltanto nel caso di posti disponibili residui dopo la mobilità professionale della provincia in questione.

 

Domanda Passaggio di Cattedra, Ruolo e Mobilità

 

I docenti interessati hanno la possibilità di presentare contemporaneamente domanda di mobilità, passaggio di ruolo e passaggio di cattedra. Vediamo come:

Il passaggio di ruolo può essere richiesto per un solo grado di scuola, per una sola provincia e per una o diverse classi di concorso. Nel caso di richiesta di passaggio di ruolo per la scuola secondaria di II grado, può essere richiesto anche per più province.

 

Passaggio di ruolo, quando prevale?

 

Secondo la legge in vigore, il passaggio di ruolo prevale se si presenta:

  1. Domanda di Trasferimento + domanda di passaggio di cattedra + passaggio di ruolo

In questo caso, prevale il passaggio di ruolo che rende inefficace la domanda di trasferimento e il passaggio di cattedra. Per fare questo tipo di richiesta è necessario compilare la domanda di trasferimento e tante domande come passaggi richiesti.

 

Passaggio di Ruolo: Precedenze e Punteggi

 

In merito alle precedenze valide per la mobilità professionale ed il passaggio di ruolo, l’articolo 7/1 del CCNI 2013/2014 prevede che: “Le precedenze riportate nel presente articolo sono raggruppate sistematicamente per categoria e sono funzionalmente inserite, secondo il seguente ordine di priorità, nelle sequenze operative delle tre fasi della mobilità territoriale per le quali trovano applicazione. Per ogni tipo di precedenza sottoelencata viene evidenziata la fase o le fasi del movimento a cui si applica. In caso di parità di precedenza e di punteggio, prevale chi ha maggiore anzianità anagrafica.”

In questo modo, l’unica precedenza valida per la mobilità professionale è rappresentata per i docenti:

-          Non vedenti

-          Emodializzati

Da segnalare e documentare nel modello di domanda di passaggio di ruolo o di cattedra.

 

Rinuncia al Passaggio di Ruolo o di Cattedra

 

In termini generali, non è ammessa la rinuncia ad un passaggio di ruolo concesso. Le uniche eccezioni sono:

-          Motivi gravi documentati

-          Che il posto di provenienza sia rimasto vacante

-          Che la rinuncia non abbia delle conseguenze negative sulla gestione dell’organico

 

Per accedere ai moduli per la richiesta di passaggio di ruolo o mobilità 2013/2014, segue questo link: Mobilità docenti e Passaggio di ruolo – Modelli di domanda 
Fonti: Miur / Orizzontescuola

 

Roberta Buscherini

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, gen 29, 2013  Ranalli
Graduatorie Ad Esaurimento: Tutto Quello Che C’è Da Sapere
4.5 (90%) 8 Vota Questo Articolo

Graduatorie ad esaurimento. In questo articolo è mia intenzione darvi qualche notizia che forse non sapete sulle graduatorie ad esaurimento ex graduatorie permanenti. Non è mia intenzione ripercorrere tutti gli aspetti normativi che hanno determinato la loro istituzione quelli annoiano e tanti di voi li conoscete già. Ma a me piace la praticità per cui passo immediatamente alla trattazione dell’argomento parlandovi dell’utilizzo che di esse viene fatto.

 

Graduatorie ad esaurimento: Le diverse fasce

 

Le graduatorie ad esaurimento (GAE) inizialmente prevedevano quattro fasce ridotte poi a tre a seguito di una copiosa ed insistente diatriba anche a livello legale. Ma chi aveva diritto ad essere inserito nelle graduatorie ad esaurimento. Nella prima fascia tutti coloro che provenivano dal cosiddetto doppio canale ( vale a dire servizio in aggiunta ai titoli ).

Questa fascia oggi è ormai esaurita presso tutti i CSA.

Nella seconda fascia avevano diritto invece ad essere inseriti coloro che in assenza del doppio requisito potevano vantare uno di essi. Anche questa fascia oggi risulta esaurita presso molti CSA.

La terza fascia.

Oggi tutti i docenti abilitati e con servizio sono inseriti in questa fascia che è molto lunga.

Tutti i vincitori di concorso a seguito di ordinanze di aggiornamento o nuovi inserimenti sulle graduatorie ad esaurimento potevano entrarci a far parte e quindi avere la doppia possibilità per un assunzione a tempo indeterminato oppure a tempo determinato.

La provincia è unica per cui chi vuole essere inserito nelle graduatorie ad esaurimento può optare per una provincia e trasferire eventualmente la propria posizione in quella provincia venendo inserito a pettine e non più in coda come avveniva in precedenza.

L’aggiornamento delle GAE così come i nuovi inserimenti hanno cadenza biennale e a volte anche triennale, mentre le precedenze vanno aggiornate ogni anno.

L’inserimento nelle graduatorie ad esaurimento qualsiasi essa sia la fascia per effetto del cosiddetto allineamento automatico determina l’inserimento del docente nella prima fascia delle graduatorie di circolo o d’istituto con il punteggio relativo..

Le successive due fasce delle graduatorie di circolo o d’istituto sono riservate a quanto non sono inseriti nelle graduatorie ad esaurimento e sulla base delle loro specifiche abilitazioni o servizio.

A far data dall’anno 2012 è stata reintrodotta la quarta fascia per le GAE.

Essa è riservata a quanti sono inseriti nelle graduatorie ad esaurimento con la riserva e quanti in possesso di nuove abilitazioni ( ad esempio vincitori o utilmente collocati nei TFA).

 

Perché inserire le graduatorie ad esaurimento?

Con l’indizione dell’ultimo concorso ancora in itinere mi preme sottolineare l’importanza che riveste l’essere inseriti nelle GAE: Infatti con la nascita delle nuove graduatorie per merito derivanti dal concorso ordinario, tutte le vecchie graduatorie ad esaurimento cesseranno di avere effetto ad eccezione delle GAE.

Una mia valutazione mi sia consentita.

Il governo voleva risolvere il problema del precariato. Mi sa tanto che con la perdita di efficacia delle vecchie graduatorie unita al settanta per cento dei bocciati alla preselezione del concorso…si è liberato di parecchi potenziali docenti.

Meno male che un articolo della costituzione dice che l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro.

 

Giancarlo Ranalli

Per scaricare online il tuo cedolino fai click: Stipendi Pa

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest