Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Guida Utile Al Fondo Pensione Scuola Espero Per I Dipendenti Scolastici



Guida Utile Al Fondo Pensione Scuola Espero Per I Dipendenti Scolastici
2.8 (56%) 10 Vota Questo Articolo

I chiari di luna non lasciano presagire un’evoluzione molto positiva per il sistema pensionistico del nostro paese: è per questo che notevole importanza viene oggi ricoperta dai fondi pensione complementari. Uno di questi è il fondo pensione scuola Espero. Ma che cos’è il fondo scuola Espero? Per illustrarne le caratteristiche più importanti è necessario fare una piccola introduzione al tema: nel nostro paese infatti, come in molti altri, il sistema pensionistico sta affrontando un periodo di evidente transizione.

La vita media si allunga sempre più, la popolazione invecchia, la crisi accentua la disoccupazione: pertanto il numero complessivo dei pensionati è in vertiginosa ascesa rispetto alla quota di persone che lavorano. Risulta allora importante accedere a strumenti di integrazione complementare della pensione obbligatoria al fine di poter usufruire di una rendita accettabile negli anni della vecchiaia, vista la difficoltà di ottenere nel futuro un trattamento pensionistico decente con il solo strumento obbligatorio.

È chiaro che iniziando il prima possibile ad edificare una pensione complementare, sarà possibile mantenere un tenore di vita analogo a quello condotto durante l’età lavorativa.

fondo pensione scuola espero

Fonte foto:  Marco Beltrametti

Che cos’è il fondo scuola Espero

.

Ecco quindi venire in soccorso del lavoratore dipendente i fondi pensionistici complementari; e con particolare riferimento al settore dei dipendenti statali occupati nel settore scuola, cerchiamo di analizzare le caratteristiche del fondo pensione scuola Espero. Va innanzitutto premesso che Espero è un’associazione senza fini di lucro che si prefigge l’obiettivo di permettere al lavoratore dipendente di costruire una pensione complementare utile a bilanciare l’abbassamento della pensione pubblica obbligatoria; ed è inoltre uno dei maggiori fondi negoziali in Italia con all’attivo quasi 100mila iscritti. Lo scopo del fondo pensione complementare Espero, come si affermava in precedenza, è quello di raccogliere le somme versate a contributo complementare e di investirle in strumenti finanziari ricorrendo ad investitori professionali, nell’esclusivo interesse del contribuente e secondo le indicazioni da quest’ultimo fornite.

.

Ma come fare per accedere al fondo pensione scuola Espero?

.

Ecco come accedere al fondo pensione complementare: sul sito di Espero è infatti possibile compilare e sottoscrivere il modulo di adesione; è necessario poi stampare le copie del modulo necessarie per l’iscrizione che andranno inviate ai diversi destinatari previsti, tra cui il datore di lavoro.

Successivamente bisogna procedere alla spedizione del modulo ad Espero, non prima però di avere controllato che in ciascuna copia del modulo siano presenti la firma del dipendente, quella del datore di lavoro e la data. Successivamente alla ricezione del modulo Espero si preoccuperà di inviare una lettera di conferma di avvenuta ricezione volta all’attivazione del fondo pensione scuola.

.

Come funziona il fondo pensione

.

Il finanziamento del fondo pensione scuola Espero avviene mediante i versamenti dei contributi a carico del dipendente pubblico. I contributi versati, conteggiati al netto degli oneri trattenuti al momento del versamento – comprensivo di quota di iscrizione “una tantum” e quota associativa annua – vengono quindi investiti in strumenti finanziari (titoli obbligazionari, per fare un esempio) sulla base della politica di investimento definita per ciascun comparto, e producono, nel corso degli anni, un rendimento di tipo variabile a seconda dell’andamento dei mercati e delle scelte gestionali. È importante sottolineare che tutte le risorse appartenenti al fondo pensione scuola Espero vengono depositate presso una banca definita “depositaria”, la quale si occupa di custodire il patrimonio, con il ruolo di controllore in merito alla regolarità delle operazioni di gestione. Altro elemento importante è quello rappresentato dal fatto che Espero non effettua direttamente i suddetti investimenti ma affida la gestione a specialisti selezionati secondo le regole dettate dalla COVIP: i gestori specialisti sono comunque sempre tenuti ad operare in ossequio alle politiche di investimento deliberate dall’organo di amministrazione del fondo pensione.
Insomma, il fondo pensione scuola Espero aiuta il dipendente pubblico, in particolare quello più giovane, ad edificare una pensione aggiuntiva a quella obbligatoria, contribuendo a far maturare al lavoratore  prestazioni pensionistiche aggiuntive a quelle già erogate dal sistema pubblico: un accorgimento di non poco conto, fondamentale per il futuro.

.

Fonte: Nota informativa del fondo scuola Espero

.

Marco Brezza

 

 

 

Pinterest

Leave a Reply