Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Infermieri. Cives In Continua Evoluzione



Infermieri. Cives In Continua Evoluzione
Vota Questo Articolo

 

Quando accadono tragedie e catastrofi naturali, in prima linea, insieme ai militari e ai civili comuni, ci sono anche gli infermieri volontari che prestano servizio e primo soccorso ai feriti.

 

civesSi tratta del Cives, Coordinamento infermieri volontari per l’emergenza sanitaria Onlus, nato nel 1998 come espressione operativa e qualificata della Federazione dei Collegi Ipasvi.

Dalle parole del presidente nazionale del CIves Michele Fortuna, gli infermieri che fanno parte di questa organizzazione onlus sono “la nuova immagine di un’infermieristica moderna e manageriale, capace di valutare, pianificare, coordinare e operare nelle più diverse attività di Protezione Civile”.

 

 

 

Infermieri Cives. Nasce Il SARI

 

 

 

Uno dei fiori all’occhiello del Cives è il SARI, sistema avanzato risposta infermieristica, ovvero un progetto per il soccorso alle popolazioni colpite da maxi-emergenze, catastrofi e calamità naturali in Italia e all’estero, promosso nel 2011 dal Cives a seguito del terremoto in Abruzzo, approvato dal Dipartimento della Protezione civile (DPC) e compartecipato dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi.

 

Proprio il SARI è la parte del Cives più evoluta e in continua progressione; l’ultima novità in questo contesto è l’unità essenziale per le prestazioni sanitarie post fase acuta a garanzia della continuità assistenziale della popolazione, anche per coloro che richiedono quella domiciliare integrata.

 

In concreto si tratta di un sistema di coordinamento dei dati sanitari attraverso strumenti elettronici, che si va a integrare a un sistema invece più operativo, creato da una tenda infermieristica suddivisa in 5 compartimenti, ognuno dei quali attrezzato con lettino visita, lampada scialitica, armadietto, sedia, carrello e con impianto elettrico individuale.

A questo si aggiungono una serie di strumenti indispensabili come l’autoclave per la sterilizzazione dei ferri, il depuratore di acque per la fornitura di acqua sterile  e gli impianti di smaltimento.

 

 

 

 

Infermieri Cives. Da Lampedusa Ai Terremoti

 

 

 

Il Coordinamento infermieri volontari per l’emergenza sanitaria Onlus è in grado di gestire l’attività di circa 5-6000 infermieri volontari, in situazioni di pericolo e in disastri naturali.

 

Ecco alcuni esempi: li abbiamo visti In Italia durante il terremoto in Abruzzo e durante l’eruzione dell’Etna nel 2001-2002-2003. E poi all’estero in Sri Lanka dopo lo Tsunami o ad Haiti dopo il terremoto. E sono sempre stati in prima linea durante le esercitazioni internazionali di protezione civile come Eurost 2005, Mesimex 2006, Valtellina 2007, Sardina 2008, Terex 2010, Calabria 2011, Basilicata 2012, Nord Est 2013, Twist 2013.

 

Negli anni, questa realtà, ha portato il suo contributo e la sua professionalità in tragedie naturali e non solo, creando dei veri e propri centri sanitari ed evolvendosi nel corso del tempo.

 

 

 

Fonte: quotidianosanità / ipasvi

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

Pinterest

Leave a Reply