Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Inpdap Assegni Familiari 2012-2013: Cosa sono e quando possono essere richiesti



Inpdap Assegni Familiari 2012-2013: Cosa sono e quando possono essere richiesti
4.3 (86.67%) 6 Vota Questo Articolo

Inpdap Assegni Familiari: L’assegno familiare è una forma di sostegno al reddito prevista ed erogata ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, ma anche ai lavoratori in mobilità o in cassa integrazione. In particolare i dipendenti o i pensionati INPDAP possono godere anche di un assegno mensile destinato al nucleo familiare, anche se composto dal solo soggetto beneficiario: si tratta degli Inpdap Assegni Familiari.

 

inpdap assegni familiariI requisiti per poter accedere all’Inpdap Assegni Familiari da parte dei membri dell’INPDAP prevedono che il reddito del nucleo familiare sia inferiore al limite annuale stabilito per legge; va precisato che si considera il reddito relativo all’anno solare che precede l’inizio del periodo di riferimento stabilito dalla legge ovvero il lasso di tempo che va dal primo luglio al 30 giugno.

 

Importo Inpdap Assegni Familiari

 

L’importo dell’Inpdap Assegni Familiari per i dipendenti e i pensionati INPDAP varia in misura proporzionale ai componenti del nucleo familiare: maggiore è il numero dei componenti e più alto sarà l’Inpdap Assegni Familiari. A bilanciare questo parametro c’è la variabile del reddito complessivo del nucleo familiare che ha l’effetto opposto, ovvero più è alto minore sarà l’importo dell’assegno rilasciato dall’INPDAP.

 

Nel calcolo del reddito del nucleo familiare incide anche la presenza di eventuali soggetti affetti da handicap o vedovi. Inoltre vengono incluse anche le pensioni sociali e di invalidità e gli interessi sui depositi e sui conti correnti.

 

A chi vengono destinati gli Inpdap assegni familiari?

 

L’importo dell’assegno destinato ai dipendenti e ai pensionati INPDAP non è soggetto ad alcuna trattenuta di tipo fiscale e può essere destinato non solo al soggetto beneficiario ma anche a :

-      Il coniuge purché non sia separato

-      I figli legittimi o riconosciuti fino al compimento del loro 18 anni di età e i figli inabili al lavoro indipendentemente dall’età raggiunta.

-      Tutti i discendenti in linea collaterale ed equiparati di età inferiore ai 18 anni purché orfani e non beneficiari di pensione come superstiti

-      Nipoti in linea retta che non abbiano ancora compiuto la maggiore età e che siano a carico del pensionato

 

Come fare per avanzare domanda di Inpdap assegni familiari se si è dipendenti o pensionati INPDAP?

 

Sul sito dell’ente previdenziale è presente il modulo di presentazione della domanda. Una volta inviata la domanda, l’assegna viene concesso dalla successiva decorrenza della pensione.

 

Valentina Stipa

 

 

Pinterest

5 Commenti a “Inpdap Assegni Familiari 2012-2013: Cosa sono e quando possono essere richiesti”

  1. Andrea Says:

    Sono dipendente Comunale.
    A me non vogliono darli in quanto non risulto residente assieme a mio figlio, che porta il mio cognome.
    Io sono convivente con lui e sua mamma ma ho la residenza in altra via dello stesso paese.
    Come si spiega sta cosa ?
    Il Comune si appella alla Circolare INPS 36 del 2008, che a mio vedere, ora che i “figli naturali” non esistono più, no ha neanche senso di esistere.
    Tra l’altro ci sono sentenze che bocciano l’INPS su questa cosa, dato che la Legge che ha creato gli ANF, di convivenza non parla.
    Saluti
    Andrea

  2. NuRul Says:

    ho lavorato dall’11 agtoso 2003 al 5 giugno 2011 per un’azienda e poi MI SONO LICENZIATA per andare a lavorare dal 6 giugno 2011 per un’altra azienda che MI HA LICENZIATA il 7 novembre 2011. avevo chiesto qua sul sito se avevo i requisiti per la disoccupazione e mi e8 stato detto di NO. Sono andata all’INPS e mi hanno accettato la domanda. sto prendendo tutt’ora la disoccupazione ordinaria!!! anche se dal precendente lavoro mi sono licenziata, adesso sono stata licenziata! e negli ultimi 2 anni ho versato contributi!!! quindi se avete dei dubbi telefonate l’inps o recatevi presso un centro INPS!!! le informazioni della rete possono essere sbagliate!!

  3. emilio deri Says:

    L’assegno al nucleo familiare spetta al genitore indipendentemente dalla convivenza con il figlio. Spetta anche ad un genitore che conviva con il figlio ma non lavora, richiedendolo al datore di lavoro dell’altro genitore(modello inps anf/fn). le circolari sono nel sito http://www.inps.it

  4. Mariabeatrice Says:

    Buongiorno, sono legalmente separata con due figli conviventi rispettivamente di 21 e 24 anni, la più grande è laureata, ma non lavora, il più piccolo si vuole iscrivere all’università, il mio reddito annuo lordo per il 2012 è stato di circa € 33.000,00. Ho i requisiti per chiedere gli assegni familiari per l’anno 2013, ed eventualmente il rimborso di quelli del 2012?

  5. antonio Says:

    CHIEDO ALLA SV UN CONSIGLIO …MIO FIGLIO UNIVERSITARIO LAVORA A TEMPO PERSO…PARLA POCO O QUASI NIENTE DELLE SUA VITA UNA VOLTA TANTO UN INCONTROSCONTRO PER CHIEDERE COSA FA E MI DICE CHE LAVORA E IL DATORE DI LAVORO LO METTE IN REGOLA UN PERIODO SI UN PERIODO NO ECT E ECT COME FACCIO IO A SAPERE SE RAGGIUNGE LA SOMMA DI 2.700 EURO PER NON AVERLO A CARICO’?????? ….. CREDO CHE NEANCHE LUI SAPPIA… COSA FANNO IL DATORE DI LAVORO DOVE LUI LAVORA MA IO COME FACCIO A SCARICARLO DAL NUCLEO FAMILIARE ?????? PEWR QUESTO ENTRA ED ESCE DALLA MESSA IN REGOLA ??????
    GRAZIE DI CUORE

Leave a Reply