Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 

Legge di Stabilità 2016: ecco il bonus 80 euro per le forze dell’ordine



Legge di Stabilità 2016: ecco il bonus 80 euro per le forze dell’ordine
5 (99.65%) 57 Vota Questo Articolo

La Legge di Stabilità 2016 esce dal lungo percorso parlamentare (costellato di numerosi momenti di tensione e caos) in un formato “extralarge” costituito da 999 commi: all’interno della sterminata costellazione di novità si fanno strada importanti misure per le persone impiegate presso le forze dell’ordine. Osserviamole con attenzione.

 

Legge di Stabilità 2016

Bonus 80 euro per le forze dell’ordine

 

La compagine governativa ha stanziato la cifra di 1 miliardo al fine di garantire nel 2016 il bonus da 80 euro mensili alle forze dell’ordine, alle forze armate e al personale delle Capitanerie di porto (nel complesso carabinieri, poliziotti, militari, vigili del fuoco): l’obiettivo è implementare e potenziare l’attività di cyber-security, condurre interventi straordinari anti-terrorismo ed anticipare dal 1° ottobre al 1° marzo le assunzioni delle forze dell’ordine e dei militari. Il bonus stabilito per le forze dell’ordine impegnate in prima linea sul territorio si struttura in maniera svincolata rispetto al reddito. Si tratta di una misura non strutturale, prevista solo per i prossimi 12 mesi e finanziata con l’aumento del deficit: potrebbe tuttavia divenire una misura strutturale in seguito. L’importo della maggiorazione è netto, cioè non ci saranno trattenute ai fini previdenziali o fiscali ed essa non contribuirà alla formazione del reddito in ottica Irpef. Il percorso seguito dal Governo per attribuire questo bonus di 80 euro per le forze dell’ordine si inserisce nel contesto del “riconoscimento dell’impegno profuso al fine di fronteggiare le eccezionali esigenze di sicurezza nazionale”, e si struttura della replica del bonus fiscale che dal mese di maggio dello scorso anno coinvolge circa 10 milioni di lavoratori con un reddito tra 8mila e 26mila euro.

 

Le altre novità nella Legge di Stabilità per i dipendenti pubblici

 

Sempre con riferimento alla materia della sicurezza viene previsto nella manovra anche un credito d’imposta per cittadini e imprese che installano impianti di videosorveglianza o di allarme.
Rimanendo sempre in tema di dipendenti statali, affiorano novità anche in materia di sanità: con le corsie d’ospedale scoperte per l’applicazione dei nuovi turni di lavoro in ossequio ai dettami dell’Unione europea, parte un piano di assunzioni che dovrebbe portare nelle corsie degli ospedali circa 6mila dipendenti in più, a metà tra medici e infermieri, con una riserva del 50% per gli attuali precari. Le Regioni saranno tenute a bandire i concorsi dopo aver stabilito il fabbisogno e, in attesa dei concorsi stessi (ma solo fino al 31 ottobre prossimo), potranno ricorrere a forme di lavoro flessibile.

 

Una visione d’insieme sulla Manovra 2016

 

Va ricordato che che la Legge di Stabilità 2016 è divenuta legge dello Stato lo scorso 22 dicembre, con la versione fuoriuscita dalla Camera profondamente rivisitata dal Senato: 162 “sì”, 125 “no” e nessun astenuto il computo totale dei voti relativi alla manovra che definisce la distribuzione della spesa per il prossimo anno in tanti settori. Tra i più rilevanti si allineano: tasse sulla casa, fondi comunitari e previdenza per i professionisti, canone tv, limiti alla circolazione di contante, finanziamenti alle Regioni, correttivi e risorse per le aziende pubbliche. Dal Senato è giunto contestualmente anche l’ok al Ddl Bilancio (con 154 voti favorevoli e 9 contrari). L’impatto sui conti pubblici di questa manovra? In termini reali il valore si assesta tra i 32 e i 33 miliardi.

 

Fonte: Sole24Ore

 

Patrizia Caroli

 

Pinterest

Leave a Reply