Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Malattia Dipendenti Scuola: La disciplina delle assenze



Malattia Dipendenti Scuola: La disciplina delle assenze
5 (100%) 1 Vota Questo Articolo

Si tratta di un argomento molto delicato e le cui coordinate fondanti rivestono un ruolo di notevole importanza all’interno dell’apparato scolastico italiano: stiamo parlando delle assenze per malattia dipendenti scuola. Vari strumenti normativi disciplinano molteplici aspetti di questa tematica: tra gli altri anche un importante contratto collettivo nazionale di lavoro (stipulato nel 2007) il quale, attraverso gli articoli 17 e 19, delinea i tratti salienti della disciplina inerente alle assenze per malattia dipendenti scuola.

.

malattia dipendenti scuola

Malattia dipendenti scuola: la conservazione del posto

.

L’art.17 dello strumento di contrattazione, ai commi 1 e 2, recita il seguente assunto: “Il dipendente assente per malattia ha diritto alla conservazione del posto per un periodo di diciotto mesi. Ai fini della maturazione del predetto periodo, si sommano, alle assenze dovute all’ultimo episodio morboso, le assenze per malattia verificatesi nel triennio precedente. Superato il periodo previsto dal comma 1, al lavoratore che ne faccia richiesta è concesso di assentarsi per un ulteriore periodo di 18 mesi in casi particolarmente gravi, senza diritto ad alcun trattamento retributivo”.

.
Per quanto inerisce al trattamento economico da corrispondere al dipendente scolastico, la disciplina tratteggia il seguente dettato normativo: spetta al dipendente infatti l’intera retribuzione fissa mensile, con annessa la retribuzione professionale docenti ed il compenso individuale accessorio; con esclusione, tuttavia, di ogni altro compenso accessorio, qualunque denominazione esso abbia, per i primi nove mesi di assenza. All’interno di questo recinto disciplinare, per ciò che riguarda le malattie che hanno un decorso superiore ai 15 giorni lavorativi (oppure in caso di ricovero ospedaliero e per il successivo periodo di convalescenza post-ricovero) al dipendente scolastico è garantito anche ogni trattamento economico accessorio a carattere fisso e continuativo (con un 90% di retribuzione per i successivi 3 mesi di assenza e con un 50% di retribuzione per gli ulteriori 6 mesi).

.

Dipendenti scolastici: modifiche normative

.

Nel 2008 una lieve modificazione della disciplina ha implementato un cambiamento all’interno del trattamento economico da garantire in caso di assenze per malattia dipendenti scuola. Nei primi  10 giorni di assenza infatti al dipendente scolastico viene sì corrisposto il trattamento economico fondamentale: ma con l’esclusione di ogni indennità o emolumento aventi carattere fisso e continuativo, nonché di ogni altro trattamento economico accessorio. Va sottolineato che all’interno del trattamento fondamentale risiedono le voci del trattamento economico tabellare iniziale e di sviluppo economico, compresa la tredicesima e la retribuzione individuale di anzianità. Pertanto la decurtazione qui citata opera solo all’interno dei primi 10 giorni di assenza giustificata con certificati medici: una eventuale continuazione dell’evento morboso (senza interruzione, oltre la soglia dei 10 giorni iniziali) non provoca decurtazioni stipendiali di tale tipo.

.

Assenze per malattia dipendenti scuola: la voce della Consulta

.

In questo senso la Corte Costituzionale ha confermato la legittimità costituzionale di tale decurtazione attraverso la sentenza n. 120 del 2012: statuendo che la decurtazione retributiva si configura in relazione ai  primi 10 giorni di ogni periodo di assenza per malattia dipendenti scuola e non alla prima decade di giorni di assenza per malattia nel corso dell’anno. La stessa decurtazione opera per ogni episodio di assenza (anche di un solo giorno) e per tutti i 10 giorni, anche nel caso in cui l’assenza si dovesse protrarre per più di codesto lasso temporale; e sempre all’interno del dettato erogato dalla Consulta si può leggere che a partire dall’undicesimo giorno di malattia sarà ripristinata l’erogazione di tutti gli emolumenti e le indennità di tipo accessorio (di cui sopra).

.
Il corpo disciplinare della materia prosegue poi con le norme inerenti a visite fiscali e conteggio del periodo di comporto: ulteriori tasselli disciplinari che contribuiscono a comporre il quadro complessivo di una tematica composita.

.

Fonti: uilscuolabrindisi.it. orizzontescuola.it

.

Marco Brezza   

.

Pinterest

Leave a Reply