Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Obblighi del docente: cosa deve fare quando sono finite le lezioni?



Obblighi del docente: cosa deve fare quando sono finite le lezioni?
5 (100%) 2 Vota Questo Articolo

Tutti gli insegnanti conoscono quali sono i loro doveri durante l’anno scolastico, sanno perfettamente cosa devono o non devono fare durante i mesi di lezione, ma quali sono gli obblighi del docente terminate le lezioni?

In questo articolo vogliamo chiarire questi punti e parlare degli obblighi del docente che, secondo la normativa in vigore, devono essere rispettati durante i mesi estivi.

 

obblighi del docenteObblighi del docente

 

Gli obblighi del docente vengono perfettamente definiti negli articoli 28 e 29 del CCNL/2007.

Secondo l’articolo 28, una volta finite le lezioni, il docente non ha più dovere di attività obbligatoria in quanto non ci sono più gli allievi a cui insegnare. Ma, secondo l’articolo 29, ci sono attività funzionali all’insegnamento che il docente deve rispettare. Queste attività vengono suddivise in:

-          40 ore annuali per la partecipazione alle riunioni del collegio docenti

-          40 ore annuali per la partecipazione ai consigli di classe, di interclasse e di intersezione.

-          Attività obbligatorie per lo scrutinio e gli esami

Secondo la normativa, una volta raggiunte le 40 ore annuali per la partecipazione a riunioni del collegio docenti, gli insegnanti, se sono previsti altri incontri, hanno diritto al pagamento delle ore aggiuntive o all’esonero dalla partecipazione.

 

 

Obblighi del docente durante l’estate

 

Secondo la normativa in vigore, gli unici obblighi del docente nel periodo di sospensione delle lezioni sono le attività funzionali all’insegnamento relative alla valutazione di esami, riunioni di collegio docenti e consigli di classe, ma unicamente se programmate e comprese nel piano scolastico approvato a inizio dell’anno.

In questo modo, una volta finite le lezioni ed escludendo le attività previste nel piano scolastico, non possono essere obbligati a:

-          Presenza a scuola secondo il normale orario di lezioni

-          Firmare la presenza tutte le mattine

-          Attività di riordino di biblioteca

-          Attività richieste dal dirigente scolastico ma non previste nel piano annuale

 

Obblighi del docente durante l’estate: eccezioni

 

L’art. 11 dell’OM. n. 41 dell’11 maggio 2012 prescrive come eccezione che: “Il personale utilizzabile per le sostituzioni, con esclusione del personale con rapporto di lavoro di supplenza breve e saltuaria, deve rimanere a disposizione della scuola di servizio fino al 30 giugno, assicurando, comunque, la presenza in servizio nei giorni delle prove scritte.”

In questo caso è necessario specificare che “rimanere a disposizione” non significa essere presenti tutte le mattina a scuola, ma essere reperibili e assicurare la presenza in servizio, come dice l’articolo, nei giorni delle prove scritte.

 

Fonte: Miur / Orizzontescuola

 

Patrizia Caroli

 

 

Pinterest

Leave a Reply