Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 

Orari Visite Fiscali 2013: Le nuove regole per i dipendenti pubblici



Orari Visite Fiscali 2013: Le nuove regole per i dipendenti pubblici 4.12/5 (82.41%) 108 Vota Questo Articolo

Orari Visite Fiscali dipendenti pubblici, la normativa vigente per il 2013. La legge che regola gli orari visite fiscali 2013 è la n.300/70, Statuto dei Lavoratori.

Secondo questo Statuto, i datori di lavoro hanno diritto a richiedere la visita fiscale, all’amministrazione di appartenenza, in questo caso l’Inps ex Inpdap, dei propri dipendenti per verificare l’effettivo stato di malattia del lavoratore in questione, assente per motivi di salute. In questo modo viene effettuato un controllo sul lavoratore malato che, in determinati orari, non può allontanarsi dal proprio domicilio.

I dipendenti pubblici in malattia infatti possono aspettarsi, già nel primo giorno di assenza, la visita fiscale del medico incaricato.

 

Orari Visite Fiscali dipendenti pubblici: Le Nuove Regole

 

orari visite fiscali 2013Ecco tutte le informazioni su regole e orari visite fiscali 2013 per dipendenti pubblici e per dipendenti statali. La normativa sugli orari visite fiscali presenta piccole variazioni a seconda che i lavoratori oggetto delle visite fiscali siano dipendenti pubblici, militari, carabinieri, dipendenti locali o insegnanti. In ogni caso, non cambiano le fasce di reperibilità, ovvero gli orari visite fiscali veri e propri.

 

I dipendenti statali, dipendenti pubblici, docenti, militari, dipendenti di ASL o Enti locali, in malattia, sono obbligati a rispettare una reperibilità di 7 giorni su 7, inclusi giorni non lavorativi, week end, festivi e prefestivi, nelle seguenti fasce orarie:

 

 

  • dalle ore 9.00 alle ore 13.00;
  • dalle ora 15.00 alle ore 18.00.

Questi lavoratori dipendenti devono essere reperibili, presso l’indirizzo domiciliare, indicato al momento della dichiarazione di stato di malattia.

 

Orari Visite Fiscali: Eccezioni

 

La legge sugli orari visite fiscali prevede alcune eccezioni. Ad esempio, possono essere esclusi dall’obbligo di reperibilità i dipendenti pubblici con malattie gravi che richiedano terapia salvavita o altri trattamenti in ospedale:

 

-          infortuni sul lavoro,

-          malattie per le quali è stata riconosciuta la causa di servizio,

-          stati patologici legati all’invalidità riconosciuta o

-          gravidanza a rischio.

 

Orari visite fiscali: Conseguenze di infrangere le regole

 

Le visite fiscali, come abbiamo detto prima, hanno l’obbiettivo di verificare il reale stato di malattia del lavoratore dipendente. Il medico dell’Inps, tramite queste visite, deve esaminare il dipendente e controllare il suo stato di salute per:

 

-          prolungare la diagnosi

-          confermare la diagnosi

-          modificare la diagnosi in base a miglioramenti ed invitare il dipendente a rientrare al lavoro

-          richiedere ulteriori esami obbligatori dal medico specialista

 

Ma, cosa succede se il lavoratore non viene trovato presso l’indirizzo comunicato durante gli orari visite fiscali?

 

Tutte le assenze dal domicilio del dipendente malato devono essere giustificate. Infatti, il dipendente è obbligato a recarsi presso la ASL, su richiesta di una comunicazione ufficiale, nel giorno e nell’orario indicato dal medico fiscale per giustificare quella assenza.

Se si tratta di un motivo giustificato, ad esempio una visita medica o qualcun altro impegno ragionevole e serio che non può essere rimandato, non ci sono conseguenze per il dipendente.

 

Se invece si tratta di un motivo non giustificato come assenza senza motivo, distrazioni del dipendente che forse non ha sentito il campanello,… le conseguenze, in base all’art. 5 del D.L. 12/9/1983, nr.463 convertito con modificazioni nella legge 11/11/1983, n.638, sono:

 

-          perdita del diritto all’indennità di malattia per i primi 10 giorni di malattia

-          riduzione dell’indennità di malattia del 50% per il restante periodo di malattia, ad esclusione dei periodi di ricovero in ospedale.

 

 

Per ulteriori informazioni puoi accedere alla nota dell’Inps: Orari Visite Fiscali Dipendenti Pubblici

 

Roberta Buscherini

 

Pinterest

2 Commenti a “Orari Visite Fiscali 2013: Le nuove regole per i dipendenti pubblici”

  1. stefania Says:

    e bravo!!! visto che non ti sei fatto riconoscere lo stato di invalidita’ uno dei pochi diritti ancora vigenti di cosa ti meravigli?? Pensi che i 37 anni di lavoro siano uno scudo acquisito??

  2. Dipendenti statali -il Blog- » Blog Archive » Visite Fiscali per Malattia: ecco quante se ne possono ricevere Says:

    […] la riduzione del 50% dell’indennità per i giorni successivi, e così via per tutte le ulteriori visite fiscali di […]

Leave a Reply