Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Archivi per la categoria 'Pensioni Insegnanti'

ven, feb 8, 2013  Patrizia Caroli
Progetto Polis: Presentazione d’Istanze On line per Docenti
1 (20%) 1 Vota Questo Articolo

Progetto Polis: Il progetto Polis è un servizio on line del Ministero della Pubblica Istruzione, MIUR, per la presentazione di istanze online. Questo progetto, tra l’altro, ha l’obiettivo di velocizzare le procedure amministrative per l’invio di richieste e domande da parte del personale docente. Si basa nell’accesso ad un codice digitale, riservato e personale, che consente un’interazione tra docenti e amministrazione, per risolvere molte procedure che fino a qualche mese fa si potevano realizzare soltanto in modo cartaceo.
La password e l’username che permettono ai dipendenti di accedere e lavorare con il progetto Polis sono fornite dalla propria amministrazione, una volta, autentificata l’identità del docente che ha fatto la richiesta.

 

Progetto Polis-Istanze Online: Vantaggi

 

I principali vantaggi della realizzazione di richieste e domande tramite il progetto Polis e le domande online sono, soprattutto, la velocità e comodità. In quanto è possibile utilizzare il servizio durante le 24 ore e senza muoversi da casa. Nel caso specifico della scuola, del quale ci stiamo occupando, il progetto polis rappresenta un vantaggio molto importante per lo snellimento delle procedure per le supplenze e mobilità. A anche per la richiesta di pensionamento.

 

Passi per la registrazione nel Progetto – Polis:

 

Per registrarsi nel Progetto Polis e poter accedere al servizio d’istanze online, è necessario accedere al sito ufficiale e premere il tasto in fondo “Registrazione”.
-    Registrazione con l’inserimento di Username (Nome e cognome) e una password di accesso (codice alfanumerico)
-    Recezione di Codice Personale, PIN, alla propria mail per continuare con la registrazione. Questo pin deve essere modificato dopo il primo accesso al servizio progetto Polis.
-    Riconoscimento dell’identità: viene effettuato dall’ufficio centrale o periferico apposito per questo compito, ed è necessario per proteggere il servizio e la privacy dei docenti.

 

 

progetto polis

 

 

Prima di registrarsi al Progetto Polis è necessario avere una casella di posta elettronica sia istituzionale o privata. Presentare un documento di riconoscimento (carta d’identità, passaporto o patente guida) con foto e timbrato dallo Stato. Inoltre, sarà necessario fornire i dati del codice fiscale.

 
► Accedi ad una guida del Ministero per la presentazione di istanze on line

 

Patrizia Caroli

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, gen 23, 2013  Roberta Buscherini
Pensioni Insegnanti 2013: Nuova Data di Scadenza Per la Presentazione di Domande Online
2 (40%) 1 Vota Questo Articolo

Pensioni Insegnanti 2013: Il Miur ha pubblicato la proroga della data di scadenza per la presentazione di domande per le pensioni insegnanti 2013 al 5 febbraio. Nella nota, il Ministero ha annunciato la possibilità per i docenti in esubero, di accedere alle pensioni insegnanti con la normativa precedente alla Riforma Fornero. In ogni caso sarà necessario attendere nuove istruzioni.

 

Pensioni Insegnanti 2013: Docenti In Esubero

 

pensioni insegnanti 2013

 

 

 

 

 

Nuove date Pensioni Insegnanti 2013

In questo modo, le scadenze per la presentazione di domande di pensioni insegnanti 2013 viene fissata:

-          5 febbraio per personale docente e ATA

-          28 febbraio dirigenti scolastici

 

 

 

 

Vai alla nostra Guida su Come Presentare le Domande Online per le Pensioni Insegnanti 2013: Domande Online Pensione Insegnanti

 

Fonti: Professione Insegnante / Leotuccari.it

 

Roberta Buscherini

 

Per scaricare la tua busta paga online segue questo link: Stipendio Pubblica Amministrazione

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, gen 16, 2013  Patrizia Caroli
Cessazione Servizio Scuola 2013: Come Andare In Pensione a Settembre?
2 (40%) 4 Vota Questo Articolo

Cessazione Servizio Scuola 2013. La cessazione servizio scuola viene regolamentata dal Decreto Ministeriale n 97 del 20 dicembre 2012: Cessazione dal Servizio dal 1 settembre 2013. Trattamento di quiescenza. Indicazioni Operative.

Il personale della scuola (insegnanti, dirigenti, personale ATA e personale amministrativo) interessato ad accedere alla cessazione servizio scuola 2013, ovvero dal prossimo anno scolastico, deve fare domanda entro il 25 gennaio (personale docente) e il 28 gennaio (dirigenti scolastici).


Requisiti Cessazione Servizio Scuola 2013

 

cessazione servizio scuola 2013I requisiti necessari per la cessazione servizio scuola 2013 sono:

-          60 anni di età e 36 anni di contributi (maturati entro il 31 dicembre 2011)

-          61 anni di età e 35 anni di contributi, (maturati entro il 31 dicembre 2011)

In questo modo è possibile raggiungere la Quota 96 ma, in ogni caso, è assolutamente necessario presentare almeno 60 anni di età e 35 anni di contributi. L’anno mancante per ottenere la Quota 96 può essere ottenuto con la somma di frazioni di anni contributivi e mesi di età.

 

La cessazione Servizio Scuola 2013 è altrettanto accessibile ai docenti che, indipendentemente dell’età, abbiano maturato un’anzianità contributiva di 40 anni entro il 31 dicembre 2011.

 

Cessazione Servizio Scuola – Pensione di Vecchiaia

 

D’alta parte i requisiti per cessazione servizio scuola 2013 con pensione di vecchiaia sono di 65 anni di età per gli uomini e 61 anni per le donne con almeno 20 anni di anzianità contributiva (maturati entro il 31 dicembre 2011).

Nel caso di donne insegnanti che decidono di andare in pensione con il sistema contributivo, hanno la possibilità di accedere alla cessazione servizio scuola con 57 anni di età e 35 anni di contribuzioni (maturati entro il 31 dicembre 2012).

Per la cessazione servizio scuola 2013 nel caso di docenti che raggiungono i requisiti sopra elencati, viene applicata la norma sui trattamenti pensionistici previa alla Riforma Fornero. In questo modo, il personale della scuola che, entro il 31 dicembre 2011, ha maturato i requisiti necessari per accedere alla cessazione servizio scuola 2013, vigenti prima del decreto ministeriale n.201 del 2011 e compie 65 anni entro il 31 agosto 2013 accederanno alla pensione di ufficio.

Per il personale della scuola che invece, non raggiunge i requisiti visti prima, la norma prevede che potranno accedere alla pensione gli insegnanti con:

-          66 anni e tre mesi entro il 31 agosto 2013 (pensione d’ufficio) con 20 anni di contributi

-          66 anni e tre mesi entro il 31 dicembre 2013 (pensione a domanda) con 20 anni di contributi

-          Donne 41 anni e 5 mesi di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2013 (a domanda)

-          Uomini di 42 anni e 5 mesi di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2013 (a domanda)

 

Come presentare le domande per cessazione servizio scuola 2013

 

Il termine di presentazione della domanda via web è fissato per il 25 gennaio 2013 per il personale docente ATA e per il 28 febbraio 2013 per il personale dirigente. La domanda deve essere presentata in un’unica istanza tramite il sito ufficiale del ministero www.istruzione.it, con la procedura web POLIS “istanze on line”. L’unica eccezione è riservata al personale docente che lavora all’estero e al personale della scuola delle provincie di Trento, Bolzano ed Aosta, che possono presentare le domande per cessazione servizio scuola 2013 in cartaceo direttamente alla sede scolastica di servizio.

 

Guida alla compilazione di domanda online per cessazione servizio scuola 2013

 

Fonti: MIUR e TuttoScuola

 

Patrizia Caroli

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, gen 9, 2013  Patrizia Caroli
Pensioni Scuola 2013: Nuovi Requisiti In Vigore per Insegnanti
3.8 (75.56%) 9 Vota Questo Articolo

Pensioni Scuola: I nuovi requisiti per andare in pensione della riforma Fornero sono in vigore dal 1 gennaio 2013 e, per la prima volta, rispettano l’adeguamento automatico del sistema previdenziale al speranza di vita (il decreto ministeriale 6 dicembre 2011 ha incrementato di 3 mesi tutti i requisiti di accesso).

pensioni scuola

Foto: mediterraneanews

 

Una delle principali novità del nuovo regolamento di pensioni scuola è la soppressione delle pensioni di anzianità che permetteva andare in pdopo un certo periodo minimo di anzianità contributiva. D’ora in poi, andare in pensione prima dell’età prevista nelle pensioni scuola di vecchiaia è possibile soltanto quando si è superato un periodo minimo di contribuzioni ma con penalizzazioni se si sceglie di andare in pensione in età troppo giovane (dall’1 al 2 per cento sull’assegno di pensione per ogni anno di anticipo).

In questo modo, da quest’anno è necessario un minimo di 42 anni e 5 mesi di anzianità contributiva per i uomini e 41 anni e 5 mesi per le donne. Chi deciderà di andare in pensione prima dei 62 anni, perderà dall’1 al 2 per cento sull’assegno di pensione per ogni anno di anticipo.

 

 

Pensioni Scuola: Nuovi requisiti per la pensione di vecchiaia

 

Per accedere alle pensioni scuola di vecchiaia la nuova normativa prevede un incremento graduale dell’età in base all’adeguamento della speranza di vita.

ANNO REQUISITI
2013 62 anni
2014 63 anni e 6 mesi
2016 65 anni
2018 66 anni
2021 67 anni

 

Inoltre, è necessaria un’età di contributi minima di 20 anni per andare accedere alle pensioni scuola di vecchiaia. A chi ha cominciato a versare contributi dopo il 1° gennaio 2006 è richiesto che l’importo dell’assegno sia almeno pari a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale, con delle eccezioni per chi raggiunge i 70 anni di età.

 

Domanda Pensioni Scuola 2013: Quando e come presentare le richieste?

Scadenza per la presentazione di domande pensioni scuola: 25 gennaio 2013

 

Chi può fare domanda di pensioni scuola?

 

La domanda di pensioni scuola può essere presentata da tutto il personale docente che al 31 dicembre 2011 possedeva i requisiti della normativa anteriore alla riforma Fornero, ovvero:

-          Quota 96: somma tra età anagrafica e contributiva partendo da un minimo di 60 anni di età e 35 di contribuzione (vengono conteggiate anche le frazioni di anno).

-          Donne con 61 anni e 20 anni di contributi

-          Uomini con 65 anni e 20 anni di contributi

-          Personale con almeno 40 anni di contributi al 31 dicembre 2011.

 

I docenti che compiono alcuno di questi requisiti, se raggiungono i 65 anni entro il 31 agosto 2013, saranno collocati in pensione d’ufficio.

 

-          Le donne che con 57 anni di età e 35 di contributi entro il 31 dicembre 2012.

 

Inoltre, possono fare richiesta di pensioni scuola i docenti che raggiungono i requisiti previsti dalla Riforma Fornero visti in precedenza.

 

Le domande di pensioni scuola devono essere presentate all’ente pensionistico corrispondente direttamente dall’interessato, previa registrazione al sito ufficiale dell’ente; tramite Contact Center Integrato (n. 803164); oppure attraverso l’assistenza di un patronato.

 

Fonte: Orizzontescuola / UIL

 

Patrizia Caroli

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, nov 7, 2012  Roberta Buscherini
Pensioni Docenti: Sistema Previdenziale Scuola
Vota Questo Articolo

Pensioni docenti

pensioni docentiLa normativa sulla previdenza cambia per tutte le categorie di dipendenti pubblici e dipendenti statali. In questo modo, accedere alla pensione a decorrere del 2013 non sarà così semplice nel caso delle pensioni docenti. Pubblichiamo, a modo schematico, le modifiche alla legge, a seguito della riforma Fornero, riguardo le condizioni richieste al personale della scuola per cessare il servizio dal 1 settembre 2013 in poi.

 

 Pensioni Docenti: Vecchiaia e Anticipo

 

Pensione di Vecchiaia Docenti

 

Potranno accedere alle pensioni docenti, nello specifico, alla pensione di vecchiaia, i docenti e personale della scuola appartenenti ad una delle seguenti categorie:
-    Insegnanti nati dal 1/09/1946 al 31/08/1947 e quindi con 66 anni e tre mesi entro il 31 agosto 2013 potranno accedere alle pensioni docenti di vecchiaia
-    Insegnanti con almeno 66 anni e tre mesi entro il 31 dicembre 2013
-    Insegnanti che cessano il termine del periodo di proroga del collocamento riposo disposta dal dirigente scolastico
-    Insegnanti Maschi di almeno 65 anni e un’anzianità contributiva minima di 35 anni, hanno la possibilità di accedere alle pensioni docenti di vecchiaia
-    Insegnanti Femmine di almeno 65 anni e che ha maturato al 31/12/2011 un’anzianità contributiva di 19 anni, 11 mesi e 16 giorni, oppure 14 anni 11 mesi e 16 giorni qualora, però, al 31.12.1992, vanti almeno 1 giorno di contribuzione in conto tesoro
-    Inoltre, è possibile accedere alle pensioni docenti di vecchiaia nel caso di personale femminile, nato sino al 31/12/1950, sempre che al 31.12.2011 abbiamo maturato almeno 19 anni, 11 mesi e 16 giorni di anzianità lavorativa; ovvero 14 anni, 11 mesi e 16 giorni di anzianità contributiva, qualora, però, al 31.12.1992 abbia svolto servizio con almeno 1 giorno di contribuzione in conto tesoro.

 

 

Pensione Anticipata Docenti

 

Per accedere alle pensioni docenti, in questo caso ottenere in anticipo la pensione, invece, i nuovi requisiti a seguito della riforma Fornero sono:
-    Personale maschile con almeno 42 anni e cinque mesi di anzianità contributiva
-    Personale femminile con almeno 41 anni e cinque mesi di anzianità contributiva
-    Docenti con 60 anni al 31 dicembre 2011 e 35 anni di anzianità contributiva
-    Docenti con almeno 40 anni di servizio utile (a prescindere dell’età anagrafica)
Inoltre, la cessazione di servizio è possibile per gli insegnanti femmine, di almeno 57 anni e con un’anzianità contributiva di 35 anni. Se l’anzianità di 35 anni viene maturata nel 2013 il diritto al trattamento pensionistico slitta al 1 settembre 2014.

Fonte: Orizzonte Scuola

 

 Roberta Buscherini

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest