Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 

Archivi per la categoria 'Pensioni Privilegiate'

ven, ott 26, 2012  Roberta Buscherini
Polizia Penitenziaria: Pensione Privilegiata di Reversibilità
1.33 (26.67%) 3 Vota Questo Articolo

La pensione privilegiata di reversibilità è una prestazione che viene erogata ai familiari superstiti del personale della polizia penitenziaria che ha perso la vita in attività di servizio o per una causa che potrebbe essere collegata al lavoro in qualche modo.

 

Pensione Privilegiata di Reversibilità: Chi Ha il Diritto?

 

Hanno il diritto alla prestazione i superstiti del dipendente in questo ordine:

 

-          Coniuge

 

-          Figli minori o studenti

 

-          Orfani inabili a carico del dipendente

 

-          Genitori con almeno 65 anni di età, non titolari di pensione

 

-          Genitori inabili, non titolari di pensione

 

-          Fratelli celibi e sorelle nubili inabili senza pensione e a carico del dipendente

 

Pensione Privilegiata: Come si Ottiene la Prestazione?

 

La pensione privilegiata di reversibilità può essere ottenuta in due modi: d’una parte d’ufficio, se il dipendente è deceduto in attività di servizio per causa violenta. Dall’altra, è possibile ottenere la prestazione su istanza di parte, entro due anni dalla data del decesso, per non incorrere nella prescrizione dei pagamenti.

 

Come viene Calcolata?

 

Se il dipendente è deceduto in attività di servizio, il coniuge e gli orfani minori ricevono un trattamento pari alla pensione di prima categoria, durante i tre primi anni, e successivamente, la pensione privilegiata di reversibilità.

 

Ai superstiti del dipendente della Polizia Penitenziaria deceduto in pensione, per infermità collegate con il servizio invece, spetta la pensione privilegiata di reversibilità nella misura corrispondente alla percentuale di riversibilità applicata al trattamento privilegiato teorico di prima categoria che sarebbe spettato al dante causa.

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, ago 7, 2012  Roberta Buscherini
Pensioni Privilegiate: Polizia di Stato
1 (20%) 1 Vota Questo Articolo

La pensione privilegiata della Polizia di Stato è una prestazione che ricevono i familiari degli appartenenti alla Polizia di Stato deceduti in attività di servizio, ma anche i familiari di poliziotti mancati in riposo nel caso in cui la causa della morte è riconducibile a fatti di servizio o interdipendente con infermità già riconosciute tali.

 

 

Pensione Privilegiata Polizia di Stato: chi ha il diritto?

 

Hanno diritto alla prestazione di pensione privilegiata i superstiti degli agenti deceduti in quest’ordine:

-          Coniuge

-          Figli minori di anni 18 o studenti (sino al compimento del 21° anno d’età per gli iscritti alla scuola media superiora e del 26° anno per gli studenti universitari),

-          Orfani inabili a carico del dipendente,

-          Padre o, in mancanza padre, sempre che siano inabili a proficuo lavoro o in età superiore a 60 anni nonché nullatenenti e a carico del dipendente ed in mancanza dei precedenti aventi causa

-          Fratelli e sorelle se minorenni o inabili o in età superiore a 60 anni, nonché conviventi a carico del dante causa e nullatenenti.

 

 

Pensione Privilegiata Polizia di Stato: come si ottiene?

 

Per ottenere la pensione privilegiata è necessario andare sul sito ufficiale dell’Inpdap e cercare la sezione relativa alla modulistica.

Le domande vengono presentate da parte degli eredi o superstiti alla corrispondente sede dell’Inpdap oppure al Dipartimento di Polizia di Stato.

 

 

Decorrenza Pensione Privilegiata:
Dal primo giorno del mese successivo del decesso a quello della presentazione della domanda, qualora quest’ultima sia stata presentata oltre due anni dalla data del collocamento a riposo.

 

 

Come viene calcolata?

 

Coniuge e orfani minori:

-          Primi tre anni: trattamento speciale di importo pari a quello della pensione di prima categoria, ovvero il 100 %.

-          Anni successivi: pensione privilegiata di reversibilità secondo quote percentuali corrispondenti.

 

Superstiti di agente deceduto in pensione, per infermità collegata al servizio:

-          pensione privilegiata di riversibilità nelle misure corrispondenti

 

 


 

Fonte: Polizia di Stato

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest