Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Province. Un Futuro mai così incerto



Province. Un Futuro mai così incerto
3.7 (73.33%) 3 Vota Questo Articolo

Fonte: ilcapoluogo.it

Fonte: ilcapoluogo.it

La Manovra Finanziaria in termini di province prevede un piano di tagli che si aggira intorno ai 650 milioni di euro a fronte di un trasferimento di 150 milioni di euro, mentre per le Città Metropolitane i tagli previsti di 250 milioni di euro vengono reintegrati con parti trasferimento di fondi.

 

La controprova che il governo non crede nel futuro delle province e nella possibilità che queste diventino enti territoriali efficienti e ben strutturati.

 

Se l’impatto della Manovra sulle Province non viene modificato in Senato, allora non possiamo più garantirne l’attuazione della legge Delrio. Non possiamo garantire l’attuazione della Legge di riordino degli enti di area vasta, in quanto è innanzitutto il governo a dimostrare di non crederci”. Questo il commento amaro del presidente della Provincia di Pescara De Marco all’indomani della presentazione della nuova Manovra Finanziaria.

 

 

Province. Come Promesso Si Scende In Piazza

 

 

Le segreterie nazionali della Funzione Pubblica Cgil, Cisl e Uil hanno indetto, per martedì 27 ottobre, una giornata di mobilitazione dei lavoratori delle Province “soprattutto a causa del diverso iter legislativo che ha portato ad una riduzione delle dotazioni organiche ed alla conseguente emanazione del decreto di mobilità per i lavoratori in esubero” e non ultimo anche per il forte ridimensionamento delle risorse finanziarie legate alla legge di stabilità, il quale renderà presumibilmente molto  critico il processo di riordino degli enti territoriali.

 

Ed è notizia fresca che le Regioni che, entro gennaio 2016, non avranno adempiuto all’obbligo di riordino delle funzioni in base alla riforma Delrio, verranno sottoposte a commissariamento, al fine di ottenere che entro la fine di giugno il personale in esubero delle Province venga riassorbito all’interno delle Regioni stesse. Niente di nuovo in effetti. Era previsto nella Legge di Stabilità.

 

 

Province. Lo Spauracchio Peggiore Rimane La Mobilità

 

 

Ma la mobilità rimane uno dei peggiori incubi dei dipendenti provinciali poiché non c’è via di uscita e coloro che ci finiranno dentro saranno costretti ad accettare un nuovo incarico in un’altra amministrazione pubblica che si trova nell’arco di 100 km di distanza.

 

Se entro due anni dal piano mobilità il lavoratore non avrà accettato un nuovo incarico, potrebbe scattare il licenziamento. Per chi volesse capire di più sul tema della mobilità, http://www.mobilita.gov.it è il sito di riferimento.

 

 

Fonte: businessonline / siracusanews / tgcom

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

Pinterest

Leave a Reply