Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Ricorso Blocco Stipendi Forze Di Polizia: Una questione aperta



Ricorso Blocco Stipendi Forze Di Polizia: Una questione aperta
2.8 (56%) 5 Vota Questo Articolo

C’è grande fermento attorno al ricorso blocco stipendi forze di polizia che sta tenendo banco in questi ultimi mesi. È infatti dell’ottobre 2013 il Decreto che contiene il “Regolamento in materia di proroga del blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti”. Tale Decreto (nello specifico Il Decreto del Presidente della Repubblica n. 122 del 2013) disciplina la questione introducendola nel seguente modo: il blocco degli stipendi inerente ai pubblici dipendenti (ed anche riguardante magistrati, avvocati dello Stato, personale militare e forze di polizia) viene prorogato fino al 31 dicembre 2014.

k

Fonte: forzearmate.org

Fonte: forzearmate.org

k

Ricorso blocco stipendi forze di polizia: tutti fermi al 2010

k

Pertanto gli stipendi delle forze di polizia nel nostro paese rimangono fermi alla quota raggiunta nel corso del 2010: un blocco doloroso per tutti coloro che lavorano per le forze dell’ordine. In questo senso il grado del malcontento interno ai corpi delle forze dell’ordine si è fatto pesante: perciò va affrontata la tematica del ricorso blocco stipendi forze di polizia. A questo riguardo interessante è il ricorso elaborato dal Sappe, il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, il quale ritenendo non giusto il blocco di ogni aumento contrattuale ha elaborato appunto un ricorso blocco stipendi forze di polizia con l’ausilio di una consulenza legale. La prima fase dell’atto di ricorso si delinea attorno all’assegno di funzione relativo ai poliziotti che abbiano maturato scatti stipendiali o di tipo “parametrale” a seguito di avanzamento di carriera. Per questa tipologia di dipendenti ricorrenti si tratta di rivendicare il pagamento per intero delle indennità, mediante il calcolo integrale effettuato sulla struttura centrale costituita dalla base pensionistica.

k

Dentro il dettato della legge

k

Analizzando analiticamente al questione del blocco stipendiale attinente ai pubblici dipendenti si possono notare alcuni particolari. L’art. 9 del Decreto Legge n. 78 del 2010, al comma 1, afferma testualmente: “Per gli anni 2011, 2012 e 2013 (ed ora anche il 2014 grazie alla proroga, ndr) il trattamento economico complessivo dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, ivi compreso il trattamento accessorio, previsto dai rispettivi ordinamenti delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, come individuate dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT) ai sensi del comma 3 dell’articolo 1 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, non può superare, in ogni caso, il trattamento in godimento nell’anno 2010 ordinariamente spettante per l’anno 2010, al netto degli effetti derivanti da eventi straordinari della dinamica retributiva, ivi incluse le variazioni dipendenti da eventuali arretrati, conseguimento di funzioni diverse in corso d’anno, fermo in ogni caso quanto previsto (…)  per le progressioni di carriera comunque denominate, maternità, malattia, missioni svolte all’estero, effettiva presenza in servizio”.

k

Ricorso blocco stipendi forze di polizia: cosa dice la Consulta?

k

La situazione, pertanto, fino al 2015 rimane congelata alla radiografia dei trattamenti economici risalenti all’ormai lontano 2010: già nel 2012 la Corte Costituzionale (attraverso la sentenza n. 223) aveva bocciato un precedente ricorso blocco stipendi forze di polizia affermando la necessità, in tempi di ingenti difficoltà per il bilancio statale, di contenere e razionalizzare la spesa pubblica anche attraverso gravosi sacrifici per i dipendenti pubblici (compresi i membri delle forze dell’ordine ovviamente). La Corte, in particolar modo, si era soffermata sulla non trascurabile lunghezza del periodo all’interno del quale sarebbe stato possibile effettuare il congelamento stipendi: i 5 anni che si stanno concretizzando probabilmente cominciano a diventare un intervallo di tempo molto ampio. Cosa accadrà nel 2015?

k

Fonti: poliziapenitenziaria.it, jobfanpage.it

k

Roberta Buscherini

k

Pinterest

Un Commento a “Ricorso Blocco Stipendi Forze Di Polizia: Una questione aperta”

  1. paolo Says:

    Buongiorno,

    segnalo un’altra attività che stiamo portando in porto qui ad Herat noi Carabinieri

    http://www.ladigetto.it/permalink/39567.html

    cordiali saluti,

    p.s. prego non citare mio nome

Leave a Reply