Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Sciopero Vigili Del Fuoco. Ecco Le Motivazioni



Sciopero Vigili Del Fuoco. Ecco Le Motivazioni
4.8 (95.9%) 39 Vota Questo Articolo

 

I vigili del fuoco sono stanchi di una politica inconcludente che si perde in discussioni che poco importano a chi non riesce più a mantenere le proprie famiglie, i nostri iscritti sono pronti per questa campagna di sensibilizzazione perché’ anche i vigili del fuoco vogliono fare la loro parte con responsabilità per garantire la sicurezza dei cittadini“.

 

sciopero VVF

I Vigili del fuoco incrociano le braccia per 4 ore.

Queste le parole rilasciate da Fabio Cioni, segretario provinciale di Arezzo del Conapo, sindacato autonomo vigili del fuoco. Con queste motivazioni si spiega lo sciopero di oggi, ennesimo atto compiuto nella speranza di bloccare i tagli e dare nuovamente dignità professionale a questa categoria di forze armate che tutti i giorni è in prima linea per la nostra sicurezza. Uno sciopero che si traduce in 4 ore di presidi davanti alle prefetture di tutta Italia e anche in piazza Montecitorio.

 

Nonostante la crisi politica e la situazione disastrosa delle istituzioni, i Vigili del fuoco e le sue associazioni di categoria chiedono a gran voce una maggiore sensibilizzazione verso le riforme più urgente da portare a termine per il 2014, per evitare il rischio di commissariamento da parte dell’Unione Europea e il conseguente e molto peggiore rischio di dover effettuare ulteriori tagli alla spesa pubblica, che si tradurrebbe di un nuovo blocco delle assunzioni di vigili del fuoco e polizia. Se ciò accadesse, la sicurezza dei cittadini sarebbe davvero in grave pericolo: un’ulteriore mancanza di organico in settori come questi, già decurtati dalla spending review, significherebbe agire da irresponsabili.

 

Le richieste avanzate anche dal segretario generale del Conapo Antonio Brizzi sono ben definite e costanti nel tempo: sblocco delle assunzioni mediante ripristino del turnover al 100%, riforma del servizio volontario, legge di riordino delle carriere e parificazione dei trattamenti retributivi e pensionistici dei vigili del fuoco con quelli delle forze di polizia.

 

La chiara accusa che viene mossa alle istituzioni e che ha provocato lo sciopero riguarda l’incontro che lo scorso 19 settembre il premier Enrico Letta ha convocato per discutere di misure per il comparto sicurezza e difesa, tagliando fuori dal confronto tutte le questioni riguardanti i vigili del fuoco. “Questo è un fatto gravissimo, un affronto del governo ai pompieri, se pensiamo alla già grave sperequazione di cui soffre il nostro personale rispetto agli altri Corpi, ovvero circa 300 euro in meno al mese di retribuzione e 5 anni di lavoro in più per raggiungere il diritto al pensionamento, per non parlare delle carriere bloccate e della mancanza di personale qualificato” è il commento indignato di Brizzi.

 

Che serva concretamente o no, lo sciopero rimane sempre un segnale forte, tanto più quando a metterlo in atto sono categorie sensibili come i vigili del fuoco.  Se avrà, come ci auguriamo in molti, un esito costruttivo, ne gioveremo tutti, a partire da noi cittadini e dalla nostra sicurezza ancora prima che dalle tasche degli stessi pompieri.

 

 

Fonte: grnet / ivg / lanazione / cgilct

 

 

Valentina Stipa

Pinterest

Leave a Reply