Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Scuola: concorso 24 settembre



Scuola: concorso 24 settembre
Vota Questo Articolo

L’Italia riparte dalla scuola. E così il primo consiglio dei ministri dopo la pausa estiva e nove ore di riunione fiume ha decretato il via libera alle assunzioni in ambito scolastico, tornando a una prassi che non si conosceva più dal lontanissimo 1999.
“Se vogliamo mettere il Paese al centro, dobbiamo porre la scuola al centro. Perché la scuola è il cuore del Paese e migliorarla è utile a tutti – genitori, insegnanti, studenti – ma anche alla politica ”. Le parole del sottosegretario Elena Ugolini riassumono lo spirito con il quale si è svolto il primo consiglio dei ministri e spiega le decisioni prese.

 

 

Concorsi docenti

 

Già il prossimo 24 settembre verrà pubblicato un bando di concorso per le scuole statali di qualunque ordine e grado per 12 mila cattedre; altrettante poi verranno assegnate in base alle graduatorie. Più in generale il decreto approvato dal consiglio dei ministri, oltre a bando di concorso di settembre, ha predisposto oltre 21.000 assunzioni, con 1213 dirigenti scolastici e 134 trattenimenti in servizio di dirigenti scolastici .
Ma gli insegnanti però non sembrano essere molto felici di questa decisione e protestano ardentemente poiché come si legge in una nota: “Sprecare soldi pubblici per esaminare chi già è stato abbondantemente esaminato è un paradosso tutto italiano. Costringere chi da decenni ha studiato e superato un’infinità di concorsi, selezioni ed esami rappresenta un violento accanimento contro il precariato storico ”. Si preannuncia dunque un autunno caldo e ben lontano da un’intesa che accontenti tutte le parti in causa.

 

 

Sistema valutazione: novità

 

Durante il consiglio dei ministri di pochi giorni fa è stato anche deciso che entro questo 2012 poi potrebbe addirittura entrare in vigore il famoso sistema nazionale di valutazione, pensato nel 2001 dal Ministro Moratti, rimpastato dal Ministro Fioroni e sperimentato dal Ministro Gelmini.
Tale sistema esiste già in molti paesi europei da diverse decine di anni e viene utilizzato non come semplice banca dati ma come una vera e propria centrale, nella quale i dati raccolti vengono elaborati per confrontarli con le altre realtà interne ed estere e per studiarne gli effetti sul mondo del lavoro e sulle diverse professionalità sviluppate a livello didattico.

 

Fonti: Repubblica.it / Il resto del Carlino

Foto: mondo24.it

 

 

Pinterest

Leave a Reply