Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 

Archivi per la categoria 'Stipendi insegnanti'

lun, lug 28, 2014  Marco Brezza
Quota 96, per 4mila insegnanti il giorno della pensione è arrivato 2.71/5 (54.29%) 7 Vota Questo Articolo

Quota 96, il giorno dello sbarco: nella notte di venerdì è finalmente giunto il sospirato nulla osta all’approvazione dell’emendamento al testo di Riforma della Pubblica Amministrazione: tradotto dal lessico parlamentare, si spalancano le porte della pensione per i circa 4mila insegnanti che erano rimasti incagliati nelle “secche” normative delle Legge Fornero sui pensionamenti. La attesa pensione scatterà dal primo settembre 2014, tra poco più di un mese.

 

Quota 96, ecco l'emendamento per la pensione

Quota 96: il “numero magico” che finalmente consente la pensione

 

Un raggiungimento giunto dopo mesi di “tira e molla” nelle aule parlamentari per la vicenda quota 96. L’approvazione, come detto è giunta nella tarda serta di venerdì: l’emendamento contiene infatti le disposizioni atte a rimediare all’errore della legge Fornero, nella quale non venne definito come i lavoratori della scuola in scadenza al 31 agosto potessero usufruire della pensione consentita a chi avesse i requisiti al precedente 31 dicembre.
Penetrando più puntualmente dentro i gangli disciplinari dell’emendamento, si comprende come in questo modo vadano in pensione coloro i quali abbiano raggiunto i 60 o i 61 anni di età in combinazione con una anzianità di servizio di 36 o 35 anni (ovverosia anni di contributi versati): il tutto da raggiungersi entro l’anno 2012. Una delle conseguenze di tale approvazione (oltre al meritato raggiungimenti della pensione da parte de suddetti dicenti) sarà quella inerente alla possibile l’assunzione di 4mila giovani insegnanti. Una opzione fondamentale nell’odirno momento di crisi ce sta attraversando il mondo del lavoro (vedi tasso di occupazione tra i giovani).
Buone notizie che però devono oltrepassare un ulteriore ostacolo (seppur, questa volta di minore entità): prima che l’emendamento possa essere legittimamente approvato dal Parlamento, sarà necessario anche il via libera della Commissione Bilancio, presieduta dal deputato Pd Francesco Boccia, uno dei principali sostenitori dell’emendamento. Questo ovviamente riempie di fiducia il clima attorno all’approvazione definitiva del provvedimento che manda in pensione i 4mila insegnanti.

 

Quota 96: gli ultimi aggiustamenti al provvedimento

 

Quota 96: Una volta terminata la procedura parlamentare, si dovranno poi attendere le istruzioni operative dell’Inps: gli interessati avranno 15 giorni per presentare la domanda di pensione. Una volta presentata la domanda, lo stesso Istituto previdenziale dovrà compilare una graduatoria applicando un criterio progressivo risultante dalla somma dell’età anagrafica e dell’anzianità contributiva vantata dai singoli richiedenti alla data del 31 dicembre 2012.

 

Una Riforma della Pubblica Amministrazione nel segno del ricambio generazionale

 

L’emendamento rientra chiaramente dentro l’ordine di idee generale che sovrintende ai lavori per la grande riforma della Pubblica Amministrazione lanciata dal Governo Renzi: “svecchiamento” è la parola chiave che funge da “ratio” all’affresco complessivo, “ricambio generazionale” è il concetto che viene impresso a caratteri cubitali sulla ideale copertina del Decreto che contiene gli articoli della riforma. Sparisce infatti quasi definitivamente dal pubblico impiego italiano il vecchio istituto del trattenimento in servizio (la proroga al lavoro concessa talora ai dipendenti pubblici). La rivoluzione renziana (brandita a mo’ di vessillo del presidente del Consiglio nei suoi intendimenti programmatici) pare pertanto essere vicina a giungere, almeno in parte, attraverso l’approvazione dei Decreti su Riforma Pa e Competitività, provvedimenti gemelli, momentaneamente spacchettati e che verranno probabilmente convertiti in legge in tempi diversi.

 

Fonti: leggioggi.it, Repubblica

 

Marco Brezza

 

 

Per visionare e scaricare il cedolino stipendio PA seguire il link: stipendi pa

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, lug 24, 2014  Marco Brezza
Insegnanti: in busta paga arrivano gli incentivi in base al merito? 3.00/5 (60.00%) 1 Vota Questo Articolo

Il merito come principale discriminante tra chi guadagna di più e chi guadagna di meno: dovrebbe essere questo il requisito principale nell’attribuzione dello stipendio, sotto forma di premio, incentivo, in ultima istanza di stimolo positivo di carattere economico, per quanto riguarda il pubblico impiego. Ed in particolar modo per la categoria degli insegnanti.

 

Insegnanti, incentivi merito

Fonte: universando.com

 

Docenti scuola pubblica: più importanza al merito

 

Non si tratta di pensieri in libertà o di insondabili quanto teorici auspici per un futuro lontano: si tratta di un’idea che, in parte, potrebbe essere realizzata dal Ministero della Pubblica Istruzione nel nostro paese: il Miur infatti, nel confermare le note anteriori in merito alla proroga dei contratti per scrutini ed esami per il personale assunto fino al termine delle lezioni ha stabilito come obiettivo la volontà reale di conferire “premi concreti a chi li merita”. Il virgolettato va attribuito al  Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, la quale ha affermato in una recente intervista che “per il momento purtroppo non vengono in alcun modo valorizzati, ai fini della carriera e dello stipendio, né il merito, né l’impegno, né la passione degli insegnanti. Non si può fare carriera nella scuola solo per anzianità: non è giusto e non è utile a rendere efficace ed efficiente il sistema formativo”.
Parole sante, oseremmo dire, quelle del Ministro: anzi rivoluzionarie in un settore, quello della scuola, dove  a fronte di docenti appassionati e pronti a dare il massimo della disponibilità e della passione, esistono professori che lavorano col freno a mano tirato, puntando a faticare il meno possibile.

 

Merito e anzianità: due criteri da combinare per i bonus?

 

L’apertura sul requisito del merito spalanca nuove prospettive per un ruolo, quello del professore, destinato a mutare e ad evolversi con i cambiamenti in atto tra le giovani generazioni. Il merito dovrà essere un criterio che permetterà ai docenti di essere premiati per i loro miglioramenti, “tenendo anche conto che le loro retribuzioni sono tra le più povere in Europa, e che gli scatti d’anzianità danno semplicemente ristoro a stipendi inadeguati”, queste le dichiarazioni dei sindacati in risposta alle dichiarazione della Giannini.
“La mia proposta – ha spiegato il Ministro- sarà sul tavolo molto presto e conterrà al suo interno tutti gli elementi per una buona valutazione che non può essere solo teorica, ma deve tradursi anche in premi concreti a chi li merita“. E per ciò che riguarda la fondamentale questione della copertura finanziaria, ha affermato che il denaro verrà trovato, dal momento che è imprescindibile per dare svolgimento alla proposta.

 

L’idea del Ministro Giannini

 

La Giannini si è infine soffermata sulla scansione e la definizione strutturale della inedita (e si spera concreta in un futuro molto vicino) progressione di stipendio in base al merito, auspicando il superamento del meccanismo degli scatti automatici: questi ultimi sono definiti dal Ministro come “il frutto di un mancato coraggio politico del passato”.
Per adesso si tratta solo di idee e visioni virtuose ma non utopiche: il merito come requisito decisivo per gli scatti stipendiali anche per i docenti della scuola. Non resta che attendere azioni concrete.
Fonte: orizzontescuola.it

 

Marco Brezza

 

Per scaricare la tua busta paga cedolino pa stipendi pa segui queste istruzioni.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, lug 22, 2014  Marco Brezza
Vota Questo Articolo

Nei cieli della scuola pubblica italiana continua a volare alta la polemica contro il progetto (ancora in embrione) di complessiva ed importante riforma del sistema scolastico: nelle scorse settimane il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ed il sottosegretario Roberto Reggi avevano palesato gli aspetti più rilevanti di un’idea volta a condurre la scuola italiana in prossimità degli orizzonti programmatici già raggiunti in altre realtà europee (come ad esempio l’esperienza virtuosa della Germania). Ad essere modificato in particolare sarebbe il contratto degli insegnanti della scuola pubblica: e proprio su questo tema si stringe il nodo delle polemiche di questo caldo (soprattutto in senso metaforico) mese di luglio.

 

Riforma scuola pubblica: contratto insegnanti

Insegnanti scuola pubblica: in quale direzione vanno le critiche

 

I punti centrali della riforma avvolti dalle critiche sono presto detti: innalzamento delle ore lavorative insegnanti da da 18 a 36 ore, 6 ore di supplenze senza straordinario pagato, formazione obbligatoria più accentuata, 22 giorni di lavoro più per posizionare in equilibrio il saldo dei giorni lavorativi annuali da 208 a 230,  fare ricorso in maniera massiccia alle chiamate interne rispetto alle esterne per quanto riguarda il sistema delle supplenze, scuola aperta fino alle otto di sera ed anche nel mese di luglio.
Un diniego generalizzato ha accolto queste proposte: la maggioranza delle sigle sindacali che tutelano i diritti degli insegnanti e dei lavoratori della scuola stanno organizzando (parole testuali del comunicato rilasciato da Unicobas) una “adeguata controffensiva unitaria a tutela dei lavoratori e della scuola tutta per l’organizzazione dal basso di un grande, pacifico, colorato ma determinato corteo nazionale di tutta la categoria”.

 

Riforma scuola pubblica: i sindacati sulle barricate

 

La linea delle rappresentanze sindacali si assesta sul seguente concetto: l’impianto governativo è tutto da rigettare, soprattutto a partire dall’idea dell’idea (fatta aleggiare nell’aria) dei quattro anni di scuole superiori al posto di cinque: “Così taglieranno sessantamila cattedre” affermano. Mentre più definita  è la voce dell’Anief, l’importante Associazione Sindacale Professionale: “Non è caricando gli insegnanti di nuove mansioni che si garantisce la loro produttività: questa è una logica puramente aziendale. Il docente ha bisogno di tempo per calibrare i suoi impegni, per preparare le lezioni e valutare gli elaborati”. Nel frattempo la Cgil rincara la dose: “Altroché precari da cancellare, chi ha prestato più di 36 mesi di servizio ha diritto alla stabilizzazione e al pagamento degli scatti di anzianità”.

 

Prospettive di riforma scuola pubblica: dove sta la scelta giusta?

 

La linea della resistenza sindacale sembra pertanto tracciata con vigore sul terreno vulcanico di quello che potrebbe configurarsi alla stregua di un campo di battaglia nei mesi che ci separano dall’inizio dell’anno scolastico 2014-15. Ma la domanda è: sono giuste le rivendicazioni e le reiterate difese a spada tratta da parte dei sindacati nei confronti dello status quo insegnanti? Oppure è necessario riflettere su un percorso di modifica della disciplina scolastica (non necessariamente nelle forme suggerite dalla attuale compagine governativa) che probabilmente non può essere in alcun modo differito nell’odierna temperie storica? La domanda rimane sospesa ed aleggia nell’aria, proprio sopra quel terreno eletto a campo di battaglia dalle sigle sindacali in questa estate 2014.

 

Marco Brezza

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, lug 14, 2014  Marco Brezza
Insegnanti, Quota 96: le prospettive verso la pensione 5.00/5 (100.00%) 2 Vota Questo Articolo

La lunga e tribolata strada dei Quota 96 verso la pensione giunge finalmente al traguardo? La risposta sembrerebbe finalmente essere positiva grazie alla presentazione dell’emendamento in materia al Decreto sulla Riforma della PA. Pare a questo punto quasi certa la possibilità della pensione per oltre 4mila tra insegnanti e dipendenti impiegati come personale ATA. Si tratta della tanto sospirata modifica alla (famigerata è dir poco) Legge Fornero che permette finalmente di colmare quella voragine che ha impedito la ordinaria fuoriuscita dal servizio dei docenti scolastici.

 

Insegnanti, Quota 96

Insegnanti e Quota 96: cosa sta accadendo?

 

Gli insegnanti e i dipendenti Ata coinvolti nella vicenda sono stati, in concreto, privati del diritto all’assegno previdenziale a causa di uno smottamento disciplinare presente nella legge sul welfare, che non aveva considerato il fatto che l’anno di lavoro tra i banchi si conclude non il 31 dicembre, bensì il 31 agosto. Una svista di proporzioni “epiche” tale da richiedere ai 4mila coinvolti, altri due anni di lavoro alla mercé dell’incertezza di non poter raggiungere la meritata pensione.
Ma andiamo a vedere chi sono le figure coinvolte nel provvedimento: sono coloro che, allo scadere del 2012, avevano raggiunto la (ormai proverbiale) Quota 96, sommando gli anni di servizio e di contributi versati nelle casse della previdenza.

 

L’emendamento al Decreto sulla Riforma PA

 

Ora la transizione in Parlamento dovrebbe risolversi in una pura formalità, visto che il testo è stato per lungo tempo atteso ed infine portato innanzi tramite l’appoggio di pressoché tutte le forze politiche. Nelle ore che hanno preceduto la presentazione dell’emendamento, è stata la deputata Ghizzoni del Partito Democratico, già in passato sostenitrice della causa dei Quota 96, a confermare la modifica in arrivo al testo che dovrebbe riformare gli apparati dello Stato ed innovare ampi settori della Pubblica Amministrazione (il testo sarà in aula il prossimo 23 luglio per l’approvazione definitiva).
Sulla questione ha detto la sua il Ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia: “Per quanto riguarda gli insegnanti della cosiddetta Quota 96 – ha affermato il Ministro – sarei onorata che la questione si risolvesse con l’apposizione di una firma. Quegli insegnanti con la legge Fornero hanno subito un’ingiustizia per una svista”. La Madia però appone una piccola condizione: “Ma esiste un problema di coperture, quindi aspetto di sapere se le coperture ci sono”.

 

Quota 96 scuola : i tempi sono stretti

 

Rimane il fatto che quella di inserire la tematica dei Quota 96 all’interno del Decreto Pubblica Amministrazione è stata una scelta dettata e scandita da tempi piuttosto stretti: al fine di permettere il ritiro dalla cattedra entro l’inizio del prossimo anno scolastico (2014/2015) è infatti necessario inserire l’emendamento in questione in un provvedimento che venga rapidamente convertito. Un’altra opzione poteva essere quella di provvedere ad un decreto “ad hoc” sul tema.
Al fine di attivare le pensioni degli aventi diritto però la procedura sarà un po’ più lunga: tra le domande di riconoscimento e le risposte che dovrà fornire l’Inps dovranno intercorrere gli ovvi tempi tecnici di svolgimento.
L’inserimento e l’approvazione dell’emendamento sugli insegnanti Quota 96 potrebbe divenire un’altra stella sul metaforico petto del Governo Renzi, che fin dal momento dell’entrata in carica ha certamente scosso l’ordinamento con una serie di provvedimenti di immediata esecuzione. Resta certamente da vedere se questa settimana, in effetti, la questione riuscirà a pervenire alla soluzione tanto attesa.
Fonte: leggioggi.it
Marco Brezza

 

 

Per dipendenti statali e pubblici prestiti inpdap in convenzione

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, lug 7, 2014  Marco Brezza
Riforma contratto insegnanti: arrivano i cambiamenti? Le anticipazioni 2.00/5 (40.00%) 4 Vota Questo Articolo

La riforma del contratto degli insegnanti prosegue ad ampie falcate verso il pieno percorso di realizzazione, o così pare almeno. Per il momento si tratta solo di bozze programmatiche, una sorta di radunarsi di idee, di brainstorming programmatico che però accoglie nel suo grembo il seme del cambiamento reale in una prospettiva di riforma che potrebbe concretizzarsi sul piano legislativo da qui al mese di ottobre.

 

Riforma contratto insegnanti: arrivano i cambiamenti?

Fonte: italianpost.info

 

Riforma contratto insegnanti: tempo di sterzate decise

 

I “rumors” che si stanno susseguendo in questi giorni convergono sull’idea generale di una reale sterzata di cambiamento nei confronti di diversi aspetti che interessano molto da vicino i docenti impiegati nella scuola pubblica: già nelle scorse settimane il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini aveva palesato l’idea (a dir poco rivoluzionaria) degli scatti stipendiali per insegnanti basati sul merito (e non più soltanto sull’anzianità). Ora appaiono in controluce alcune rilevanti novità che, se confermate, andrebbero a modificare sensibilmente il volto della disciplina relativa all’insegnamento nella scuola pubblica. Ma andiamo a vedere più da vicino alcune anticipazioni affiorate in merito alla riforma contratto insegnanti.

 

Cambia il meccanismo delle assunzioni?

 

Una delle novità di più ingente rilievo riguarda certamente il meccanismo delle assunzioni insegnanti: la priorità assoluta nell’inserimento in ruolo dei docenti ancora in attesa di un posto fisso sarà quella di  provvedere al quasi totale svuotamento delle graduatorie d’istituto (all’interno delle quali sono ancora presenti più di 150mila docenti). Sarà inoltre previsto un esame per l’abilitazione, propedeutico all’accesso ai concorsi a cattedre: la primavera 2015 è il probabile periodo in cui verrà dislocato temporalmente per il concorso.

 

Nuovo contratto insegnanti: calendario, orari e supplenze

 

Altri cambiamenti dovrebbero (il condizionale è d’obbligo) riguardare l’obbligo per i professori di recuperare i 22 giorni di scarto tra i 230 stagionali e i 208 dell’anno scolastico nel corso del mese di giugno. Mentre per ciò che inerisce alle supplenze (settore molto composito) l’idea è quella di fare ricorso in maniera massiccia alle chiamate interne rispetto alle esterne, cercando di ottenere un cospicuo risparmio in termini economici per il bilancio del Miur. Da non trascurare infine la prospettiva dell’innalzamento delle ore lavorative insegnanti da 18 a 36 ore: ovviamente non si tratterà di un aumento reale, ma solo di un ribilanciamento complessivo delle ore di lavoro che i docenti utilizzano per fare fronte ai propri doveri e mansioni. Verrà infatti incluso nell’orario di lavoro totale il tempo che gli insegnanti spendono, non solo per le lezioni in aula, ma anche per la loro preparazione, la correzione dei compiti e l’aggiornamento professionale.
Nel frattempo i sindacati non fanno mancare il loro parere che definire sdegnato è un eufemismo: Gilda Insegnanti ha emesso una nota in cui afferma di non gradire il “metodo d’autorità” intrapreso dal Ministro Giannini per questo embrione di riforma: si tratterebbe di un vero e proprio tentativo di cambiare le regole del gioco scavalcando a piè pari il parere delle rappresentanze sindacali. Da settembre sarà guerra di trincea tra Ministero e sindacati? Chissà. Quello che conta sarebbe l’edificazione di una impalcatura di riforma davvero importante ed idonea a superare discipline attuali scarsamente efficienti.
Marco Brezza

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest