Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 

Archivi per la categoria 'Stipendi insegnanti'

mer, mag 17, 2017  Lasagna Giovanna
Graduatorie di istituto; aggiornamenti 2017
5 (100%) 1 Vota Questo Articolo

Maggio era stata dato come il mese utile per l’aggiornamento e la riapertura della II e III fascia delle graduatorie di istituto dei docenti. La data era trapelata proprio nel corso degli incontri tra Miur e sindacati. Purtroppo, ad oggi, per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto, non c’è ancora una data certa. A complicare la situazione c’è l’estenuante attesa di un indispensabile decreto di transizione sulle nuove classi di concorso: quello esistente infatti presenta numerose pecche , tra cui quella di escludere migliaia di insegnanti  dalla III fascia delle  graduatorie di istituto.

Graduatorie d'istitutoTre anni fa il problema era stato risolto facendo presentare la domanda ai docenti nel periodo maggio – giugno e al personale ATA tra settembre e ottobre. Quest’anno, a   partire da lunedì 8 maggio e fino al 29 maggio, il personale ATA (collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici, direttori dei servizi), può presentare la domanda di mobilità via web utilizzando la piattaforma http://www.istruzione.it/polis/Istanzeonline.htm.

Il personale ATA, in base alle mansioni svolte, è suddiviso in diversi profili professionali, raggruppati in quattro aree, alle quali si accede con determinati requisiti: per chiarimenti consultare : http://www.istruzione.it/urp/come_diventare_ata.shtml

Possono presentare domanda anche i DSGA ( Direttori dei servizi generali e amministrativi )  con rapporto di lavoro a tempo indeterminato. La mobilità continuerà comunque.

La data di maggio – giugno, per procedere alle domande degli insegnanti per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto,o sarebbe stata ideale per scongiurare il balletto di supplenti, con inesorabile ricaduta sulla continuità didattica.

 

Riportiamo innanzitutto alcuni brani salienti tratti dall’Articolo 7 (Graduatorie di istituto) dello  “SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO DI RIORDINO, ADEGUAMENTO E SEMPLIFICAZIONE DEL SISTEMA DI FORMAZIONE INIZIALE E DI ACCESSO NEI RUOLI DI DOCENTE NELLA SCUOLA SECONDARIA […] DELLA LEGGE 13 LUGLIO 2015, N. 107 “:

Articolo 7 (Graduatorie di istituto):

  • “1. In ciascuna sede concorsuale e per le tipologie di posti di cui all’articolo 3, comma 4, lettere a) e b), la graduatoria di merito per ogni classe di concorso è compilata sulla base della somma dei punteggi riportati nelle prove di cui all’articolo 6, commi 2, 3 e 4, e nella valutazione dei titoli, effettuata per i soli candidati che hanno superato tutte le prove previste.
  • 2. In ciascuna sede concorsuale e per i posti di sostegno di cui all’articolo 3, comma 4, lettera c), la graduatoria di merito è compilata sulla base di un punteggio calcolato per il 70% in base al punteggio riportato nella prova aggiuntiva di cui all’articolo 6, comma 5, e per il restante 30% in base alla somma dei punteggi riportati nelle prove di cui all’articolo 6, commi 2, 3 e 4, e nella valutazione dei titoli, effettuata per i soli candidati che hanno superato tutte le prove previste.
  • 3. I candidati che hanno superato tutte le prove previste per ciascuna tipologia di posto, iscritti nelle graduatorie di cui ai commi 1 e 2, sono dichiarati vincitori nel limite dei posti messi a concorso, fermi restando gli eventuali scorrimenti di cui al comma 4.
  • 4. I vincitori del concorso che, alla data del 30 giugno, risultano presenti in posizione utile in più graduatorie sono tenuti a optare per una sola di esse e ad accettare di avviarsi al relativo percorso FIT. Effettuata l’opzione, essi sono cancellati da tutte le altre graduatorie ove sono presenti. Coloro che non effettuano alcuna opzione sono cancellati da tutte le graduatorie già pubblicate alla data del 30 giugno. I posti del primo scaglione corrispondenti alle cancellazioni sono recuperati nel medesimo scaglione per scorrimento delle relative graduatorie, purché entro il termine perentorio del 31 agostoI posti del primo scaglione rimasti ancora liberi a questa data, ovvero i posti corrispondenti a vincitori che, pur avendo               optato, non si avviano al percorso FIT, sono recuperati l’anno successivo per l’avvio dei relativi vincitori al percorso FIT con il secondo scaglione. I posti del secondo scaglione rimasti eventualmente liberi per qualunque motivo alla data del 31 agosto, sono disponibili per i concorsi successivi. Le modalità e i termini di esercizio delle opzioni e dello scorrimento delle                     graduatorie sono stabiliti dal bando di concorso.
  • 5. I vincitori scelgono, in ordine di punteggio e secondo i posti disponibili, l’ambito territoriale nella regione in cui hanno concorso, tra quelli indicati nel bando, cui essere assegnati per svolgere le attività scolastiche relative al percorso FIT “

Relativamente al suddetto percorso “FIT”, l’ispettore del Miur (Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca ) Max Bruschi , sottolinea come  i nuovi percorsi FIT, non debbano  essere negati agli abilitati, inseriti nelle graduatorie di merito regionali, e agli abilitati all’estero siano essi italiani o stranieri.

 

Ricordiamo che il cosiddetto percorso FIT è un percorso formativo, cui il docente potrà accedere in seguito a selezione tramite concorso a scadenza biennale. Inoltre chiariamo che il primo anno di detto percorso, consisterà in specializzazione e tirocinio e darà diritto a 60CFU. Superato l’esame finale si otterrà il diploma di specializzazione e si potrà accedere al II anno.

 

Con la mobilità e le immissioni in ruolo del 2017/18 i docenti si vedranno assegnate le nuove classi di concorso. Le OOSS( associazioni sindacali)  hanno sottolineato l’imminenza del problema  del calcolo del punteggio per i docenti che nelle GaE( graduatorie ad esaurimento), avendo svolto  servizio svolto in più classi di concorso, e dovendo transitare dalle vecchie alle nuove (circa 440 insegnanti), dovranno ricalcolare il punteggio di graduatorie di istituto. Le OOSS hanno chiesto una bozza di provvedimento per la discussione , in una prossima riunione, al fine di tutelare questi docenti.

 

Ricordiamo che proprio in relazione alle GaE, il Miur è già stato condannato per violazione della normativa primaria con sentenza ottenuta dall’ANIEF presso il Tribunale del Lavoro di Cagliari.

 

In seguito a tale Sentenza diviene chiaro come debba “escludersi che, nella attuale situazione normativa, la mancata presentazione della domanda di permanenza o aggiornamento determini la cancellazione definitiva dalle graduatorie a esaurimento” […]Si evidenzia anche – come da sempre sostenuto dall’Anief – come possa essere evidentemente “difficile ipotizzare che la mera mancata presentazione della domanda nei termini stabiliti possa costituire espressione della volontà del docente di farsi cancellare dalla graduatoria in contestazione (quella ad esaurimento, n.d.r.), né una tale volontà può ritenersi implicita nel comportamento tenuto nel caso di specie dai ricorrenti”. Il Tribunale del Lavoro di Cagliari, che consente così il reinserimento nella graduatoria di chi sia stato cancellato per non aver presentato tempestiva domanda di aggiornamento” e condanna il Ministero dell’Istruzione anche al pagamento delle spese di lite quantificate in 3.090 Euro oltre accessori.”

 

 

Graduatoria terza fascia come iscriversi.

 

Figlia del decreto Milleproroghe, ce n’è proprio una  riguardante l’iscrizione alla terza fascia delle graduatorie d’istituto. Per i prossimi tre anni quindi anche i laureati non abilitati, purché siano in possesso dei requisiti (Dpr del 23 febbraio 2016), possono candidarsi come supplenti, facendo l’iscrizione alla terza fascia delle graduatorie d’istituto. Ciò darà  un’opportunità maggiore di essere chiamati rispetto all’invio della sola domanda di messa a disposizione.

Ma come fare per iscriversi alla terza fascia graduatorie d’Istituto?

 

graduatoriadiistitutoterzafasciaPer la procedura ufficiale bisogna attendere che il Miur pubblichi il decreto con tutte le norme e le scadenze riguardanti l’iscrizione alle graduatorie d’istituto.

Le anticipazioni possibili riguardo al come iscriversi alla terza fascia, si possono presumere facendo riferimento al procedimento utilizzato per il precedente triennio: sia riguardo a come procedere, che per farci un’idea sulle scadenze per poter avere diritto di accesso: per esempio, come nel 2014, sarà probabilmente possibile presentare la domanda in modalità cartacea.

Chi si iscrive per la prima volta in terza fascia e ha solamente il titolo di studio per l’accesso all’insegnamento, deve utilizzare il modello A2. Lo trovi al seguente link che puoi copiare e incollare sul tuo browser (  http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/496ebb34-90b0-4bfc-a030-cc625259517a/dm62_11_all_modello_a2_2011.pdf)

Il modello di domanda, dovrà essere consegnato con :

-raccomandata con ricevuta di ritorno;

-oppure consegna a mano all’istituzione scolastica;

- o anche invio per Posta Elettronica Certificata all’indirizzo PEC della scuola.

Lo stesso modello va inoltrato alla scuola capofila dell’Istituto per cui ci si vuole iscrivere in graduatoria. Se ci si volesse iscrivere in più istituti, la scuola che riceve il modello di domanda sarà capofila dell’istituzione scolastica con il grado superiore.

Innanzitutto accedere ad “Istanze Online” escaricare il Modulo di Adesione inserendo il proprio indirizzo mail, la tessera sanitaria e il documento di riconoscimento valido per l’iscrizione alle graduatorie d’istituto.

 

Quindi selezionare “Accetta” per l’iscrizione alla terza fascia. Inoltre l’aspirante docente può esprimere la propria preferenza per un massimo di 20 istituzioni scolastiche, purché siano appartenenti alla stessa provincia. Per la scuola d’infanzia e primaria, invece, vige il limite di 10 istituti. La scelta delle scuole  riguarda i docenti di primo inserimento, mentre chi è già inserito  in I, II o III fascia può soltanto cambiare alcune scuole già selezionate all’atto della domanda precedentemente presentata tramite le finestre semestrali.

 

Per essere inseriti in III fascia delle graduatorie d’istituto: entro quando bisogna conseguire il titolo richiesto?

Possiamo basarci  su quanto prescritto nel 2014, anno in cui la scadenza venne fissata a Se anche nel 2017 venisse confermata questa scadenza, sarebbero esclusi dall’iscrizione alle graduatorie d’istituto sia i diplomandi che i laureandi a luglio 2017. Perché per  la III fascia delle graduatorie d’istituto non è possibile iscriversi con riserva, quindi il titolo richiesto deve essere conseguito entro la data stabilita dal Miur.

 

Una eventuale soluzione, per chi conseguirà il titolo entro agosto 2017, potrebbe essere quella di permettere loro l’iscrizione con riserva . Probabilmente i sindacati ne discuteranno con il MIUR nelle prossime settimane, anche perché questa sarà l’ultima possibilità per iscriversi alla terza fascia delle graduatorie d’istituto per poter insegnare anche senza abilitazione.

Per l’elenco completo dei titoli di accesso richiesti per l’iscrizione alle graduatorie d’istituto per una particolare classe di concorso, potete scaricare la Tabella A allegato al DPR del 14 febbraio 2016, che trovate di seguito:  http://www.istruzione.it/allegati/2016/D.P.R.14_febbraio_2016_n.19_Tabella_A.pdf

Quanto descritto corrisponde alla attuale situazione, attendendo , oltre alle graduatorie d’ istituto,il rinnovo dei contratti per dipendenti delle pubbliche amministrazioni e quindi anche per gli insegnanti e il mondo della scuola : sarà veramente entro il 2017 come filtra dalle dichiarazioni sia della titolare del Miur, che dei Ministri Madia e Fedeli ?

 

Giovanna Lasagna

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, lug 27, 2016  Patrizia Caroli
Vota Questo Articolo

Scuola statale, operazione merito docenti, come stanno procedendo le cose con l’erogazione dell’apposito fondo di 200 milioni di euro istituito dalla legge 107/2015 (la c.d. “Buona Scuola”) per valorizzare e incentivare i docenti meritevoli?

 

bonus-merito-docenti

Bonus merito docenti scuola: l’assegnazione degli incentivi

 

La nuova legge “Bonus merito docenti” voluta dal Governo Renzi nel grande disegno relativo alla “Buona Scuola” individua alcuni parametri di massima (suddivisi in 3 aree, ovverosia:

 

1) la qualità della didattica

2) la partecipazione al miglioramento,

3) la formazione in servizio

4) il coordinamento

 

ed affida successivamente la procedura di assegnazione degli incentivi economici a una “valutazione motivata” del dirigente scolastico, sulla base dei criteri definiti dal Comitato di valutazione dell’istituto. Si tratta di un approccio sperimentale, che vale per i prossimi tre anni, al termine dei quali il Ministero effettuerà delle valutazioni sull’attività effettuata dalle singole scuole ed adotterà un protocollo di carattere nazionale (sentito il parere delle parti sociali).
In questo senso va infatti detto che lo stanziamento di 200 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2016, distribuito sui circa 8.500 istituti sparsi per il territorio, ha prodotto la formazione dei comitati di valutazione che hanno a loro volta realizzato i criteri di accesso ai finanziamenti ministeriali.

 

Il Bonus merito docenti e i dubbi sollevati dai Comitati

 

Comitati che in rappresentanza dei docenti contribuiscono a sollevare numerosi dubbi rimasti dell’aria sul” bonus merito docenti” e che gli addetti ai lavori si stanno trovando ad affrontare: qual è la platea auspicabile dei beneficiari? E quali le evidenze oggettive che dovrebbero accompagnare la valutazione del dirigente? Dubbi di rilievo a cui tuttavia nemmeno il Ministero dell’istruzione ha saputo fornire una risposta tramite la nota 1804 emessa lo scorso 19 aprile.

Il Ministero ha nel frattempo avviato una prima forma di monitoraggio per rilevare le scelte che i comitati di valutazione e i dirigenti scolastici stanno adottando in materia, anche alla luce della attualmente in corso raccolta di firme per sottoporre a referendum abrogativo alcune parti della legge 107/2015, ad iniziare proprio dal meccanismo di assegnazione del bonus per il merito.

 

Bonus merito insegnanti: risposte operative ai dubbi

 

Tra le FAQ analizzate e chiarite almeno in parte dal MIUR sul tema dell’assegnazione del bonus merito docenti, segnaliamo al seguente: come dare trasparenza alle scelte e come pubblicare i dati sull’assegnazione del bonus? Su tale specifico dubbi il Ministero afferma che dopo aver pubblicato “i criteri stabiliti dal Comitato, in merito alla pubblicazione dei premi per i singoli docenti, mancando un’indicazione di riferimento specifica per la scuola, risulta opportuno fare riferimento al d.lgs. 33/2013 come aggiornato dal d.lgs. 97/2016″ (in vigore dallo scorso 23 giugno) all’art. 20, comma 1 e comma 2, in cui si evidenzia che: “Le pubbliche amministrazioni pubblicano i dati relativi all’ammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e l’ammontare dei premi effettivamente distribuiti”.

 

Di conseguenza, “le pubbliche amministrazioni pubblicano i criteri definiti nei sistemi di misurazione e valutazione della performance per l’assegnazione del trattamento accessorio e i dati relativi alla sua distribuzione, in forma aggregata, al fine di dare conto del livello di selettività utilizzato nella distribuzione dei premi e degli incentivi, nonché i dati relativi al grado di differenziazione nell’utilizzo della premialità sia per i dirigenti sia per i dipendenti”.

 

Fonti: leggioggi.it, tecnicadellascuola.it

 

Patrizia Caroli

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, lug 21, 2016  Patrizia Caroli
Vota Questo Articolo

Meno insegnanti in Italia, ed un po’ più poveri. Questa l’istantanea tracciata dalla Corte dei conti nella sua Relazione resa nota la scorsa settimana. Anche se le azioni della “Buona Scuola” di matrice renziana rendono il “passivo” meno drastico di quello che sarebbe potuto essere. L’ultima Relazione sul Pubblico Impiego elaborata dalla Corte dei conti ha infatti posto la sua lente d’ingrandimento in particolar modo su scuola ed insegnanti, denunciando, fra le altre cose, l’impoverimento strutturale dell’Istruzione nel nostro Paese.

 

dv1453015.jpg

Insegnanti scuola pubblica: i dati della Relazione

 

Le sezioni riunite in sede di controllo hanno infatti preso in esame i 6 anni della più grande crisi del dopoguerra, dal 2008 al 2014, sovrapponendoli in una comparazione anche alle due legislature di “austerity” condotte dai Governi Monti e Letta: in tale frangente l’accorpamento delle scuole italiane ha tolto all’istruzione un dirigente scolastico ogni tre, ora sono 7.440. Per risparmiare 63 milioni da questa voce, solo nel Lazio si sono persero 109 autonomie. In tutto, da 50mila plessi scolastici ne sono rimasti 41mila. In quel raggio di tempo (6 anni) sono usciti dalla scuola quasi 100mila dipendenti, mai sostituiti: l’8,1% del totale. Gli insegnanti in sei anni sono scesi del 9,2%, mentre sono cresciuti in maniera esponenziale gli insegnanti di sostegno, nel tentativo di mettere rimedio a un noto ritardo italiano: all’ultima data considerata erano 75mila, il 48% in più.

Altro dato rilevante evidenziato dalla relazione targata Corte dei conti è quello concernente la quota di personale impiegato nella scuola facente parte del Pubblico Impiego: gli occupati della scuola coprono la fetta più grande della Funzione pubblica italiana, ovverosia il 32% (da oggi inserito nel comparto “Istruzione e ricerca” dopo la firma intercorsa tra ARAN e sindacati in relazione all’accordo sulla riduzione dei comparto contrattuali del Pubblico Impiego).

 

L’andamento della retribuzione insegnanti tra 2008 e 2014

 

Tuttavia, e qui vengono le note dolenti, nei 6 anni di “lacrime e sangue” sopra menzionati, il milione abbondante (in discesa) dei dipendenti del settore “Istruzione” ha visto la sua retribuzione in calo rispetto al costo della vita, in maniera davvero rilevante. La spesa generale per gli stipendi è scesa del 16% nel periodo menzionato, da 33,5 a 28,2 miliardi, con la busta paga media di un insegnante con dieci anni di anzianità, nel 2014, che ammontava a 1280 euro il mese (esattamente la metà di quella un preside, ed un sesto di quella di un dirigente statale di primo livello).

 

Prospettive per il futuro prossimo

 

La Relazione 2016 della corte dei conti, gettando uno sguardo sulle recenti mosse del Governo Renzi in materia di “Buona Scuola“, riconosce tuttavia che nello scorso mese di novembre sono stati immessi in cattedra 47mila nuovi docenti “in relazione alla creazione dell’organico dell’autonomia scolastica”, invertendo certamente la tendenza del taglio sul personale, tuttavia “non riuscendo a sanare le limitazioni di organico determinate nei 6 anni precedenti”. Elementi che inseriscono in circolo un po’ di metaforiche “endorfine” positive ad un corpo docente complessivo che negli ultimi anni ha visto ridursi in maniera cospicua il complessivo potere d’acquisto.

 

Fonte: la Repubblica

 

Patrizia Caroli

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, giu 29, 2016  Roberta Buscherini
Vota Questo Articolo

Sblocco retribuzioni e contratti dei dipendenti del Pubblico Impiego: non è più un pensiero impossibile. Sembra infatti palesarsi il sospirato momento dell’agognato sblocco delle retribuzioni impantanate nelle sabbie mobili dall’ormai lontano (sì, il tempo passa) 2009. La notizia, filtrata da indiscrezioni di palazzo convergenti sul ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia, parla infatti in concreto di un vero e proprio sblocco stipendi per i dipendenti pubblici che possiedono un reddito inferiore ai 26mila euro annuali. Un concetto che ha tuttavia scatenato alcune velate polemiche dei sindacati.

 

Sblocco stipendi PA

Sblocco stipendi PA: a chi spetta nel triennio 2016-2018?

“Mai detto aumenti solo a chi sta sotto i 26mila euro – afferma il ministro Madia rispondendo via Twitter a indiscrezioni pubblicate da Repubblica, sul tema dei rinnovi contrattuali nel pubblico impegno. -, ho detto che chi ne guadagna 200mila può aspettare”. Nelle ultime dichiarazioni in materia, rilasciate dal ministro della Pubblica Amministrazione la scorsa settimana, si ribadiva infatti la necessità di “sostenere prima i lavoratori che hanno subito di più la crisi” mentre, appunto, “chi guadagna 200 mila euro l’anno può aspettare”. Nell’atto di indirizzo che il ministero della Pubblica Amministrazione invierà all’Aran dopo la ratifica in Consiglio dei ministri dell’accordo sui comparti non prenderà alloggio un’indicazione su alcun tipo di soglia ma solo il principio per cui occorre prima occuparsi di chi ha uno stipendio più basso. Saranno successivamente le parti (ARAN per la PA e i sindacati per i dipendenti pubblici) ad individuare le modalità specifiche attraverso cui distribuire le risorse ai 3,2 milioni di dipendenti pubblici al lavoro nel nostro Paese.

 

Sblocco contratti nella pubblica amministrazione: le novità dal Ministero

 

Per comprendere le modalità che caratterizzeranno lo sblocco dei contratti sarà necessario tuttavia attendere gli stanziamenti che saranno messi insieme nella prossima Legge di Stabilità: in questa direzione va sottolineato come il rinnovo sarà valido per il triennio 2016-2018. L’ipotesi palesata in apertura di articolo si plasma attorno al modello “Federmeccanica” dove gli aumenti salariali a livello nazionale sono stati decisi solo per gli operai che si trovano al di sotto dei minimi salariali. Uno degli artifici più probabili per implementare lo sblocco a favore dei dipendenti pubblici potrebbe essere quello del ricorso ad una distribuzione proporzionale delle risorse, secondo una formula capace di modulare gli aumenti in misura inversa rispetto al reddito.

 

E le pensioni per gli statali? Arriva l’Ape

 

Nel frattempo anche la riforma delle pensioni 2016 mette in evidenza possibili novità di rilievo per coloro che sono impiegati nella Pubblica Amministrazione. Nel tavolo di confronto con i sindacati in questi giorni si discuterà infatti di pensionamenti anticipati, con specifico riferimento alla possibilità di estensione dell’Ape anche ai dipendenti pubblici: il cosiddetto piano Ape elaborato dal Governo Renzi potrebbe infatti recuperare le coperture per mandare in pensione anticipata anche i dipendenti del pubblico impiego. Ricordiamo che l’Ape (Anticipo pensionistico) consente agli over 63 di andare in pensione in anticipo prevedendo un taglio tra l’1 e il 3% per ogni anno di anticipo, in connessione con un prestito che sarà garantito dalle banche (sotto forma di cessione di prestito individuale) con un’assicurazione sui rischi collegati al processo di restituzione.

 

Fonti: blastingnews.com

Roberta Buscherini

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, giu 23, 2016  Patrizia Caroli
Anticipo pensionistico (APE): calcoli e ipotesi, ecco come funziona
4 (80%) 4 Vota Questo Articolo

E’ un 2016 di fitti e importanti cambiamenti per il Pubblico Impiego in Italia. Lo sblocco dei contratti e delle retribuzioni in arrivo per la fine dell’anno (ministro Madia dixit), le novità contenute nella riforma della Pubblica Amministrazione in materia di licenziamenti disciplinari, il ricollocamento personale delle province e le nuove norme in materia di trasparenza, senza dimenticare la modifica del numero di comparti del Pubblico Impiego. Una mole di cambiamenti che, come abbiamo visto nelle scorse settimane anche su queste pagine, va a toccare un corpo di lavoratori che si configura come un dei più anziani in Europa: l’età media dei dipendenti pubblici in Italia è infatti una delle più alte a livello comunitario, e quest’anno, complice il blocco del turn-over, supererà la soglia dei 50 anni. Un dato che deve far riflettere sulla salute del complessivo corpus delle risorse umane presenti nel Pubblico Impiego in Italia.

 

Anticipo pensionistico (APE) anche per i dipendenti pubblici: i calcoli

 

Calcolo pensione anticipata APE

Fonte: Elaborazioni -Progettica – Repubblica.it

All’interno di questo mare magnum di novità si allinea proprio dalla scorsa settimana una ulteriore misura di amplissimo rilievo: la possibilità di estendere l’istituto dell’APE (l’Anticipo Pensionistico appena coniato dal Governo Renzi per l’impiego privato) anche ai dipendenti pubblici.

In questo momento si tratta solo di un’ipotesi, ma le possibilità che tale novità penetri all’interno del piano definitivo per rendere flessibili le uscite verso la pensione sono concrete. Un piano che dovrebbe confluire nella prossima Manovra di bilancio autunnale: un’operazione che dovrebbe comportare oneri per le casse dello Stato non superiori ai 500-600 milioni.

 

APE (Anticipo pensionistico): che cos’è

 

L’APE (Anticipo pensionistico) si configura come l’istituto che consente l’uscita anticipata dal lavoro (anche di un triennio) con conseguente taglio dell’assegno pensionistico che può variare tra l’1 e il 3% per ogni anno di uscita anticipata, potendo anche raggiungere quota 4% per gli assegni più elevati. La percentuale di assegno pensionistico smarrita potrà essere recuperata dal dipendente tramite un prestito garantito dagli istituti bancari con un’assicurazione sui rischi collegati al processo di restituzione. Uno strumento che consente pertanto una ampia flessibilità in uscita idonea anche a creare necessario spazio per la riattivazione del fondamentale turn-over che consentirà di riaprire le porte delle assunzioni presso la PA per nuovi lavoratori (ovvero i giovani).

 

Esempi di prepensionamento con APE: L’applicazione anche al Pubblico Impiego.

pensione anticipata APE

Elaborazione “La Stampa” su proiezioni UIL

 

L’APE dovrebbe cominciare la sua sperimentazione a breve, anche se ancora non vige chiarezza assoluta su diversi punti. La compagine governativa non ha chiarito bene chi saranno i beneficiari del piano pensionistico anticipato, come verrà restituito il prestito e (soprattutto) se si riuscirà a modularlo in base al reddito del lavoratore uscente.

Sotto la lente d’ingrandimento c’è anche il ricorso alla cosiddetta “Rita”, la Rendita integrativa temporanea anticipata, destinata a consentire al lavoratore “over 63”, che abbia aderito alla previdenza complementare e sia intenzionato a utilizzare la flessibilità in materia pensionistica, la possibilità di incassare parte della pensione integrativa per ridurre l’impatto dell’APE. Con il consequenziale vantaggio di ridurre il “prestito” bancario necessario per usufruire dell’assegno previdenziale anticipato.
Un test di efficacia di tale misura verrà in prima battuta fatta con l’impiego privato, per poi transitare in tempi brevi anche ai dipendenti pubblici.

 

Fonte: Sole 24Ore / La  Stampa

 

Patrizia Caroli

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest