Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 
mer, mar 22, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte: italia2tv.it

Fonte: italia2tv.it

La decisione della procura di Roma di aprire un fascicolo contro ignori per indagare sulla vicenda che ha visto una fuga di notizie coperte da segreto istruttorio nell’ambito dell’inchiesta Consip ha fatto chiaramente scalpore.

 

 

Ancora di più ha fatto scandalo la revoca dell’indagine ai carabinieri del NOE, in favore del Nucleo investigativo dei carabinieri di Roma. Un’azione che di fatto sottolinea il dubbio che la fuga di notizie derivi dall’interno.
“Gli accertamenti fin qui espletati hanno evidenziato che le indagini del procedimento a carico di Alfredo Romeo ed altri, sui fatti (poi) di competenza di questa Procura, sono state oggetto di ripetute rivelazioni di notizie coperte da segreto sia prima che dopo la trasmissione degli atti a questo ufficio, sia verso gli indagati o comunque verso persone coinvolte a vario titolo, sia nei confronti degli organi di informazione”. Si legge in una nota della Procura di Roma.

 

 

 

Carabinieri. Una revoca che lascia molti dubbi

 

 

A molti non è sfuggito un particolare: questa vicenda riguarda in primo piano il nucleo NOE al cui vertice, fino al suo discusso trasferimento, c’è Sergio De Capro, meglio conosciuto come Capitan Ultimo.
I dubbi su questa vicenda in realtà sono molti. Il primo in assoluto è di logica: perché un reparto che dovrebbe dedicarsi ai reati ambientali come il Neo viene destinato ad indagare un reati legati alla corruzione.

 

 

 

Questa è senza dubbio la prima grande anomalia. Da ricondurre a capitano Ultimo, il quale grazie alla alle sue capacità di operare sotto copertura sfrutto il NOE proprio per ottenere mandati investigativi, che permisero di svolgere controlli anche all’interno della pubblica amministrazione stessa.
Si capisce che Capitan Ultimo è sempre stato un personaggio scomodo, fino a raggiungere l’apice della scomodità interna, lavorando sull’indagine che vide tra gli indagati anche il comandante Del Sette.
Una serie di strani trasferimenti e cambi di ruolo videro poi protagonista De Caprio, fino alla notizie della revoca delle indagini sul CONSIP, a causa della fuga di notizie.
Una fuga di notizie gravissima che dovrà trovare per forza un colpevole. Ma che lascia anche molti, moltissimi dubbi sui vertici dell’Arma, sulla politica e sulle due cose insieme.

 

 

 

 

Fonte: la stampa / adnkrnosos

 

 

 
Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, mar 13, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte: bbc.com

Fonte: bbc.com

Si tratta di una onorificenza che viene concessa dal presidente della Repubblica, su proposta del Ministro della Difesa o delle finanze attraverso l’emissione di un decreto agli ufficiali e marescialli “particolarmente meritevoli”, che abbiano compiuto 50 anni di servizio, con valenza doppia per gli anni di comando.

 

A ricevere dalle mani del Comandante Interregionale “Ogaden”, Gen. C.A. Giovanni Nistri le medaglie, sono stati i militari della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, accompagnati dalle parole dello stesso che ha ricordato come “i sacrifici e l’abnegazione del Carabinieri di ogni ordine è grado, è anche frutto dell’appoggio e dei sacrifici che le famiglie dei militari accettano con consapevole affetto e senso di responsabilità per l’impegno richiesto ai propri congiunti”.

 

 

 

Carabinieri. Onore e formazione

 

 

 

Se da un lato non ci si dimentica di quanto sia importante l’apporto e l’appoggio delle famiglie per ogni militare, non può passare in secondo piano neanche la formazione della società civile al rispetto della legalità. È con questo scopo che va avanti il progetto nazionale che impegna l’arma dei carabinieri nelle scuole di tutto lo stivale, che coinvolge gli alunni delle quinte classi delle Scuole Primarie, i quali vanno in visita presso le caserme.

 

Queste visite mirano ad avvicinare questo mondo ai ragazzi, i quali convivono nel quotidiano con la divisa, ma non ne conoscono a fondo il significato né le modalità operative. Parte di queste visite viene dedicato anche alla spiegazione delle apparecchiature in uso ai carabinieri, come gli strumenti necessari ai rilevanti per gli incidenti stradali o per impostare un posto di blocco.

 

La parte finale di questi incontri viene poi dedicata alle raccomandazioni in termini di rispetto delle regole di circolazione stradale ad esempio ma ampio spazio viene dedicato anche ai reati commessi verso le fasce deboli, come gli anziani.

 

 

 

Carabinieri.  Sempre più vicini a noi

 

 

 

Dalle parole del ministero, in generale lo scopo di questo progetto nelle scuole è quello di “creare e diffondere il concetto di sicurezza economica e finanziaria affermare il messaggio della convenienza della legalità economico-finanziaria; stimolare nei giovani una maggiore consapevolezza del delicato ruolo rivestito dal Corpo, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche”.

 

Di pari passo con il progetto, c’è anche il concorso “insieme per la legalità”, che vuole coinvolgere in modo ancora più diretto i giovani nel mondo che porta la divisa.

Partire dalle scuole è certamente un passo logico e importante per creare quella cultura di legalità e rispetto che negli ultimi anni in Italia si sta perdendo. La speranza è quella, per le generazioni future, di recuperare sicurezza nelle istituzioni e nei militari, senza inquinamenti di cronaca e politica.

 

 

 

 

Fonte: ilmessaggero / lanotiziaquotidiana

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, mar 7, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte: forzearmate.org

Fonte: forzearmate.org

L’approvazione della riforma sul riordino delle forze armate che ha visto la luce lo scorso 23 febbraio cambierà per sempre la carriera e le retribuzioni per circa 500 mila persone impegnate ogni giorno per la sicurezza di tutti.
I numeri snocciolati dal ministro Pinotti sono certamente rassicuranti: 621 milioni di euro per il 2017 e di 1 miliardo e 27 milioni per il 2018 immediatamente utilizzabili. Una quota parte di queste cifre dovrebbe andare a coprire il bonus di 80 euro mentre circa 140 milioni saranno destinati alle assunzioni e alla formazione delle risorse umane.

 

 

 

 

 

Riordino FFAA: Cosa cambierà nel concreto

 

 

 

 

I punti salienti di quanto accadrà con l’entrata in vigore di questa riforma, in attesa chiaramente ancora dei testi di legge, possono essere riassunti nei seguenti punti:

 

- adeguamento e rimodulazione degli organici nei diversi ruoli;
- semplificazione dell’ordinamento e valorizzazione del percorso formativo;
- facilità di carriera in base al merito e alla professionalità e non solo in base all’anzianità di servizio;
- valorizzazione dei ruoli intermedi (cioè sovrintendenti o brigadieri, ispettori o marescialli a seconda dell’appartenenza) per i quali sarà prevista la laurea breve;
- ampliamento delle funzioni per chi ha gradi apicali sia nelle fasce intermedie che in quelle dirigenziali; possibilità di passare da una qualifica all’altra più velocemente.

 

 

Solo i vigili del fuoco rimangono in un limbo piuttosto bizzarro. Per loro infatti si parla genericamente di ottimizzazione dell’efficacia. Frase dal significato davvero troppo generico. Quasi una semplice indicazione di intenti.

 

 

Riordino FFAA: Tutti contro. Ora e anche dopo

 

 

 

Che questo riordino non accontenti molte delle parti in causa lo sapevamo già. Tra i più agguerriti oppositori alla riforma c’è senza dubbio Luca Comellini, segretario del Partito per la tutela dei diritti di militari, secondo il quale “il trattamento economico delle forze armate subirebbe una illogica modifica che amplia ancora di più le distanze tra truppa e generali”.
Anche la posizione del Cocer è piuttosto chiara su questa riforma: “se dobbiamo subire una nuova riforma per 20 anni con le sue ricadute e l’insoddisfazione dei colleghi, è preferibile dire NO ad un riordino che potrà scontentare molti per molto tempo e accontentare pochi per poco tempo”.

 

 

 

 

 

Fonte: formiche / businessonline
Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, feb 22, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte: lookoutnews.it

Fonte: lookoutnews.it

E’ manifesta la stretta dipendenza tra il reato commesso e la morte e le lesioni riportate dalle vittime“. Con queste parole viene condannato in sede civile l’ex Generale Bruno Stano, comandante in carica all’epoca dei fatti di Nassiriya, in quel 12 novembre 2003, quando un camion bomba si fece esplodere all’ingresso della base dei carabinieri “Maestrale” lungo le rive del fiume Eufrate, uccidendo 28 persone, 19 italiani e 9 iracheni.

 

Dopo la condanna in primo grado a due anni di reclusione con la condizionale inflitta nel 2008 dal tribunale militare, arriva ora la sentenza della corte di cassazione di Roma.

 

 

 

 

Carabinieri Nassiriya. Una condanna che farà discutere

 

 

 

 

La colpa del generale, secondo i giudici della cassazione è stata quella di aver ignorato gli allarmi del Sismi – oggi Aise – i quali annunciavano un imminente attacco contro le nostre forze presenti nel presidio iracheno.

 

In particolare, si legge: “il 23 ottobre i servizi segnalarono un attacco in preparazione al massimo entro due settimane, il 25 ottobre misero in guardia da un camion di fabbricazione russa con cabina più scura del resto ed il 5 novembre avvertirono che un gruppo di terroristi di nazionalità siriana e yemenita si sarebbe trasferito a Nassiriya“. Chiari allarmi che, secondo quanto scritto nella sentenza furono ignorati ed ebbero come estrema conseguenza quelle 28 tragiche morti.

 

Su questa responsabilità in capo al comandate non ci sono dubbi. Ma va sottolineato però che Stano era al comando di quella base da un mese, dunque di fatto si è trovato a ereditare una linea già intrapresa dal suo predecessore.

Non solo.

 

L’altro aspetto che certamente fa discutere è che il comandante di fatto è stato condannato solo in sede civile a risarcire le famiglie delle vittime. Una decisione bizzarra, considerando tra le altre cose anche il fatto che gli indennizzi sono già stati erogati dallo stato.

 

 

 

Carabinieri Nassiriya. Un precedente da non sottovalutare

 

 

 

Questa condanna ha anche un altro effetto meno eclatante ma che certamente avrà effetti ben più pesanti e più a lungo termine sui diretti interessati.

 

Alla luce di quanto sta accadendo quale generale si sentirà libero e sereno nel prendere decisioni sul campo in situazioni critiche, dal omento che rischia, nel caso di valutazioni errate, di dover pagare di tasca propria?

 

Il mondo dell’arma, e più in generale quello militare, ha una giustizia parallela e uno stato che risponde anche in termini economici in caso di vittime in servizio.

Aver creato un precedente, per il quale a pagare è concretamente chi dirige le operazioni in un contesto di delicatissima missione internazionale, sarà un grande freno psicologico per tutti comandanti a venire.

 

 

 

Fonte: tgcom / analisidifesa / ilprimatonazionale

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, feb 13, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte: militariassodipro.org

Fonte: militariassodipro.org

Dopo la tanto dibattuta fusione tra arma dei carabinieri e corpo forestale, che ha suscitato proteste e una valanga di ricorsi, i cui effetti veri si vedranno nei mesi più avanti, diventa naturale iniziare a pensare a una tutela sindacale anche per quelle categorie, alle quali fino a ora tale prerogativa era negata.

 

 

 

 

Sindacato Carabinieri. Un passato da superare

 

 

 

Il didattico sulla sindacalizzazione delle forze armate in generale e dei carabinieri in particolare arieggia da molti anni in realtà. Lo sa bene la Ficiesse, un’associazione dedicata che da molto si batte per una riforma della rappresentanza militare, con particolare attenzione alla Guardia di Finanza.

Al fianco della Ficiesse c’è anche il sindacato Cgil, il quale, è storia di pochi giorni fa, ha addirittura presentato un reclamo al Comitato Europeo dei Diritti Sociali.
Va ricordato che in Italia la libertà sindacale vige dal lontano 1981 non senza una dura lotta di classe e di potere. E all’epoca anche le rappresentanze delle forze armate si batterono lungamente per poter vedere riconosciuto il loro diritto. Ma prevalse il compromesso e ci si accontentò di una sindacalizzazione limitata che di fatto è praticamente inesistente.
Basta leggere gli articoli 82 e 83 della legge 121 per capirlo: “gli appartenenti alla Polizia di Stato hanno diritto di associarsi in sindacati che non siano diversi da quelli del personale in divisa” e che “gli stessi debbano essere formati, diretti e rappresentati solo da appartenenti alla stessa Polizia di Stato”.

Parziale modifica a questa legge è del 2013, con il quale è stato invece prevista la possibilità per i soggetti in quiescenza, quindi non più assoggettabili ad obblighi di servizio, di esercitare il diritto alla rappresentanza sindacale.

Carabinieri. È tempo di adeguarsi

Le premesse per le quali le forze di polizia e militari come i carabinieri non hanno diritto alla rappresentanza sindacale nelle medesime condizioni degli altri lavoratori sono tutte decadute ormai.

E lo dimostrano anche le esperienze dei nostri vicini tedeschi, per i quali il sindacato non è un taboo da molti anni ormai.

 

 

E’ tempo dunque di adeguarsi, di cambiare. per il buon nome dell’Italia e di chi, nei secoli fedele, la rappresenta.

 

 

 

 

 

Fonte: nonsolomarescialli / huffingtonpost

 

 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest