Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 
lun, set 17, 2012  Roberta Buscherini
Vigili del Fuoco: modifiche nelle domande on line per i concorsi
Vota Questo Articolo

Il Ministero dell’Interno ha pubblicato alcuni chiarimenti riguardo i recenti aggiornamenti dell’uso della procedura informatica “concorsi interni” on line, per i concorsi di Capo Squadra e Capo Reparto.

 
L’obbiettivo dei cambiamenti è quello di facilitare l’inserimento di dei dati delle domande per i concorsi in questione e permettere di realizzare la completa domanda tramite Internet, con il programma informatico.

 
Le modifiche sono state effettuate dopo le segnalazione di diversi vigili del fuoco che trovavano delle difficoltà per eseguire le domande ai concorsi, in quanto il programma precedente non acconsentiva di inserire alcune tipologie di titoli come la patente, il brevetto o alcuni dati previsti nel modello di domanda.

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, ago 28, 2012  Roberta Buscherini
Concorso Aeronautica Militare: aggiornamenti
Vota Questo Articolo

Concorso interno per Marescialli A.M.

Concorso interno, per titoli ed esami, a 53 posti per l’ammissione al 12° corso allievi marescialli dell’ Aeronautica militare

 

Ripartizione posti:

 

  • 18 posti riservati agli appartenenti al ruolo dei sergenti dell’Aeronautica militare;

 

  • 35 posti riservati agli appartenenti al ruolo dei volontari in servizio permanente dell’Aeronautica militare.

 

Decreto Concorso Aeronautica Militare

 

Il Ministero di Difesa ha approvato la graduatoria finale di merito dei candidati sergenti idonei al concorso interno, per titoli ed esami, a 53 posti per poter partecipare al 12° corso allievi marescialli dell’Aeronautica Militare, dei quali 18 posti sono riservati agli appartenenti al ruolo dei sergenti.

Graduatoria 12° corso allievi marescialli

 

I candidati appartenenti al ruolo dei sergenti, di cui alla graduatoria approvata sono dichiarati vincitori ed ammessi, previa rinuncia al grado, alla frequenza del 12° corso interno.

 

Volontari Aeronautica Militare

 

Il Ministero di Difesa ha approvato la graduatoria di merito di candidati (Volontari in servizio permanente) che potranno partecipare al concorso interno per 53 posti per l’ammissione al 12° corso allievi marescialli dell’Aeronautica Militare –di cui 35 riservati agli appartenenti al ruolo dei Volontari in servizio permanente.

Ecco l’elenco:

 

Programma caricamento domande

 

Fonte: Difesa.it

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, ago 1, 2012  Roberta Buscherini
Dipendenti Pubblici: Forze dell’Ordine e Causa di Servizio
Vota Questo Articolo

La non coincidenza tra parere del comitato e giudizio della C.M.O, non vizia il diniego del riconoscimento della causa di servizio

 

Il principio è statuito nella Sentenza del Consiglio di Stato – Sez. IV – nr. 04049/2012 del 09/07/2012 relativa al ricorso di un appartenente all’Arma dei Carabinieri che impugnava la sentenza con la quale il T.A.R. del Lazio confermava il diniego opposto a una sua istanza di riconoscimento di causa di servizio ed equo indennizzo per patologie insorte durante il periodo di servizio per lungo tempo svolto dall’istante in qualità di “idraulico” e respinte su parere conforme del Comitato di Verifica per le Cause di Servizio, dopo che invece la competente Commissione Medica Ospedaliera si era espressa nel senso della dipendenza delle affezioni dal servizio.

 

Il Consiglio di Stato nel rigettare il ricorso di appello ha statuito il principio che dalla situazione di contrasto fra il parere del Comitato di Verifica e l’opposto avviso in precedenza espresso dalla Commissione Medica Ospedaliera non scaturisce un obbligo motivazionale particolarmente intenso in ordine alla conclusione della ritenuta non dipendenza dal servizio delle patologie accusate.

 

Al contrario, come affermato da una consolidata giurisprudenza in materia, la variegata e qualificatissima estrazione tecnica dei componenti del Comitato, organo nel quale sono presenti professionalità mediche, giuridiche ed amministrative, e la più completa istruttoria da questo esperita, non limitata ai soli aspetti medico-legali, sono garanzia circa l’attendibilità della determinazione assunta; con la conseguenza che l’Amministrazione non ha alcun obbligo di motivare le ragioni della preferenza accordata al parere obbligatorio reso dal Comitato (cfr. ex plurimis Cons. Stato, sez. III, 23 novembre 2011, nr. 6180; Cons. Stato, sez. VI, 23 febbraio 2011, nr. 1115; id., 17 ottobre 2008, nr. 5054; Cons. Stato, sez. IV, 10 dicembre 2007, nr. 6333).

 

Ne discende, fra l’altro, che la semplice non coincidenza tra il parere del Comitato e l’avviso espresso dalla C.M.O., proprio in ragione del ben diverso livello di approfondimento rimesso a ciascun organo, è inidonea a configurare un vizio del provvedimento di diniego suscettibile di sindacato da parte del giudice amministrativo.

 

Al riguardo, il Consiglio di Stato ha ribadito il principio che il sindacato giurisdizionale esperibile sulle valutazioni tecniche degli organi medico-legali circa la dipendenza da causa di servizio dell’infermità denunciata dal pubblico dipendente è limitato ai profili di irragionevolezza, illogicità o travisamento dei fatti. Di conseguenza al giudice amministrativo spetta una valutazione esterna di congruità e sufficienza del giudizio di non dipendenza, relativa alla mera esistenza di un collegamento logico tra gli elementi accertati e le conclusioni che da essi si ritiene di trarre, laddove l’accertamento del nesso di causalità tra la patologia insorta ed i fatti di servizio, in cui si sostanzia il giudizio sulla dipendenza o meno dal servizio, rappresenta un tipico esercizio di attività di merito tecnico riservato all’organo di verifica delle cause di servizio (cfr. Cons. Stato, sez. V, 13 aprile 2012, nr. 2093; Cons. Stato, sez. IV, 16 maggio 2011, nr. 2959; id., 6 maggio 2010, nr. 2619).

 

Più in generale, si è affermato che nelle controversie aventi ad oggetto il riconoscimento della dipendenza da causa di servizio delle infermità sofferte da pubblici dipendenti, anche ai fini della liquidazione dell’equo indennizzo, il sindacato che il giudice della legittimità è autorizzato a compiere sulle determinazioni assunte dagli organi tecnici, ai quali la normativa vigente attribuisce la competenza in materia, deve necessariamente intendersi limitato ai soli casi di travisamento dei fatti e di macroscopica illogicità, nonché alla verifica della regolarità del procedimento (cfr. Cons. Stato, sez. III, 27 gennaio 2012, nr. 404; id., 9 marzo 2010, nr. 3827).

 

Ne discende la mancanza di margini per l’effettuazione di ulteriori attività istruttorie (consulenze tecniche), non essendovi motivo per l’organo giurisdizionale di sovrapporre una propria valutazione medico-legale, espressa per il tramite del C.T.U., a quella riservata all’Amministrazione, esercitando così un non consentito sindacato di merito tout court.

 

(Snalppe Polizia Penitenziaria)

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, lug 31, 2012  Roberta Buscherini
Vigili del Fuoco: dedicato agli angeli con l’elmo e gli stivali.
Vota Questo Articolo

Questo video è dedicato a chi ogni giorno rischia la propria vita per aiutare chi ha bisogno e salvare chi è in difficolta. Questo video vuol’essere anche un omaggio a tutti i vigili del fuoco che ora ci guardano dall’alto.

(sarucciola 86)

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, lug 24, 2012  Roberta Buscherini
Polizia Penitenziaria: Manifestazione 12 settembre a Roma
Vota Questo Articolo

L’organizzazione sindacale autonoma di Polizia Penitenziaria, Osapp; annuncia una giornata di protesta a Roma, il 12 settembre, per denunciare “le condizioni di lavoro della Polizia Penitenziaria sul territorio nazionale” che, secondo l’Osapp, “non sono pessime solo in relazione al sovraffollamento e allo stato di usura delle infrastrutture penitenziarie, ma anche in relazione ad un assetto organizzativo che fa acqua da tutte le parti da più di 10 anni”.

 

Il sindacato afferma essere consapevole del fatto che “ le emergenze a cui il Governo è dedito, dallo spread al mercato del lavoro sono del tutto diverse da quelle riguardanti le carceri e il Corpo di Polizia che nel carcere difende sicurezza e legalità, oramai pressoché‚ esclusivamente sulle proprie spalle e senza alcun ausilio da parte dell’amministrazione, è assolutamente inammissibile che l’attuale Esecutivo, al pari dei precedenti, non abbia fatto alcunché‚ per uniformare le condizioni e l’assetto della Polizia Penitenziaria a quelli degli altri Corpi di Polizia dello Stato”.

 

L’Osapp ricorda che, almeno dal 2000 “è abissale il divario tra le carriere di un appartenente alla Polizia Penitenziaria e un appartenente alla Polizia di Stato o all’Arma dei Carabinieri, a partire dai ruoli dei sovrintendenti e degli ispettori per arrivare ai ruoli dei commissari”.

 

D’altra parte l’organizzazione sindacale denuncia che “visto che ancora si mantiene la qualifica iniziale di Vice Commissario di Polizia Penitenziaria, rispetto ai Commissari Capi degli altri Corpi,  un riallineamento di facile formulazione e, almeno per il periodo contingente, senza costi aggiuntivi, era stato già richiesto ai precedenti ministri e all’attuale Guardasigilli Severino, da quest’ultima ottenendo solo un assoluto silenzio”.

 

Per questo motivo l’Osapp, unitamente all’Anfap (Associazione Nazionale Funzionari Amministrazione Penitenziaria) hanno organizzato la pubblica manifestazione a Roma. Durante questa giornata, i Commissari dei Ruoli Direttivi della Polizia Penitenziaria restituiranno al Presidente della Repubblica, in quanto capo delle forze armate, i propri tesserini di riconoscimento.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest