Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 
lun, mar 10, 2014  Marco Brezza
Congedo Straordinario Inps Dipendenti Statali: Ecco come vi si accede
4.2 (83.33%) 6 Vota Questo Articolo

Il congedo straordinario Inps dipendenti statali si configura come un permesso retribuito della durata di 2 anni, da adoperare nell’arco complessivo della vita lavorativa, che il lavoratore dipendente può utilizzare allo scopo di assistere un parente che abbia una disabilità di tipo grave. Va premesso che la situazione di gravità dell’handicap deve essere accertata dalla competente ASL (ai sensi dell’art. 3, commi 1 e 3 della legge n. 104 del 1992) mediante determinate commissioni mediche, integrate da un operatore sociale, da un esperto in servizio presso le aziende sanitarie locali e da un medico dell’Inps.

.

Fonte: www.ladyo.it

Fonte: www.ladyo.it

Congedo straordinario Inps dipendenti statali: la disabilità

,

È importante sottolineare, al fine di rendere più chiara la definizione complessiva della disciplina di questo importante istituto, che per  portatore di handicap si intende una persona che abbia delle minorazioni fisiche, sensoriali o psichiche, sia stabilizzate che progressive: tale disabilità assume gli aspetti del requisito di gravità se le minorazioni hanno ridotto l’autonomia della persona tale da rendere indispensabile un intervento di assistenza di carattere continuo.

.
La fascia di familiari del disabile grave che possono usufruire del congedo straordinario Inps dipendenti statali è ricoperta dalle categorie di coniuge, genitori, figli, fratelli e sorelle. Tra i requisiti necessari ai fini della fruizione di questa tipologia di permesso è necessario che, oltre alla situazione di handicap grave del parente, il rapporto di lavoro del dipendente sia in corso di svolgimento e che non vi sia un ricovero a tempo pieno per il disabile presso una struttura ospedaliera. Con tutta evidenza, durante il periodo di congedo straordinario è tassativamente vietato svolgere qualsiasi attività lavorativa.

,

Congedo straordinario inps dipendenti statali: Il requisito della convivenza

,

Per quel che riguarda la richiesta di congedo straordinario Inps dipendenti statali da parte di coniuge, fratelli, sorelle o figli del disabile grave, è decisivo il requisito della convivenza: quest’ultima fa riferimento alla residenza. Pertanto il parente deve risiedere nella stessa abitazione del disabile, non ritenendosi conciliabile con questo istituto la condizione di domicilio o la mera elezione di domicilio speciale. Un lieve temperamento a questo stringente requisito è stato apportato dal Ministero del Lavoro, il quale ha precisato che, in ossequio alla “ratio” della normativa (ovvero la tutela psico-fisica del disabile), la residenza nel medesimo stabile, ma in interni diversi, non pregiudica l’effettività e la continuità dell’assistenza al genitore disabile.

,

Congedo straordinario Inps dipendenti statali: come accedervi

,

Al fine di effettuare la domanda per accedere al congedo straordinario Inps dipendenti statali per assistere familiari disabili in situazione di gravità è necessario utilizzare uno tra questi canali: il servizio web accessibile nella sezione “Servizi OnLine” del sito internet dell’Inps attraverso un codice PIN, oppure presso i servizi telematici offerti dai patronati, o, infine, contattando il Center integrato attraverso il numero verde 803164. Al fine di vedersi riconosciuto il diritto al congedo straordinario risulta necessaria la seguente documentazione: certificazione  provvisoria di handicap (il cui accertamento viene effettuato come spiegato sopra), copia della ricevuta della richiesta di riconoscimento dell’handicap grave, dichiarazione liberatoria. Attraverso quest’ultima la persona che ha ottenuto la certificazione provvisoria si impegna a restituire le prestazioni ricevute qualora queste risultassero erogate in maniera indebita.

.
Il congedo straordinario per i dipendenti pubblici ha durata massima di due anni e non è possibile fruire di alcun raddoppio. L’indennità che viene corrisposta durante il periodo si parametra sulla quota della retribuzione percepita nell’ultimo mese di lavoro precedente al congedo. Il limite rapportato ad un anno ammonta alla cifra di circa 36mila euro: questa quota configura il tetto massimo complessivo annuo raggiungibile sommando le indennità di tipo economico e l’accredito della contribuzione.

,

Fonti: inps.it, abilitychannel.tv

,

Marco Brezza  

.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
ven, apr 5, 2013  Roberta Buscherini
Dirigenti Scolastici Stipendio: Struttura della Retribuzione
3 (60%) 1 Vota Questo Articolo

Dirigenti Scolastici Stipendio. Sei un dirigente scolastico o vuoi diventarlo? Conosci le diverse voci del dirigenti scolastico stipendio o sai come viene calcolato? Ecco alcune informazioni utili che potrebbero aiutarti a conoscere la struttura del dirigenti scolastico stipendio, ovvero la retribuzione della massima figura della scuola.

 

dirigenti scolastici stipendioDirigenti Scolastici Stipendio

 

I dirigenti scolastici sono dipendenti statali che rappresentano la scuola. Infatti sono i massimi responsabili della gestione delle risorse, finanziarie e umane, di ogni struttura scolastica. I dirigenti scolastici in Italia hanno competenze di direzione, coordinamento e valorizzazione degli strumenti e le risorse della scuola, inoltre devono organizzare tutte le funzioni e attività per raggiungere determinati risultati di efficienza ed efficacia. In base a tutte queste responsabilità viene calcolato il dirigenti scolastici stipendio che consta di diverse voci.

Struttura del Dirigenti Scolastici Stipendio

 

Il dirigenti scolastici stipendio viene diviso in diverse sezioni che conviene conoscere per ottenere il massimo risultato e poter gestire meglio la propria posizione lavorativa. Infatti, non tutti i dirigenti scolastici conoscono al dettaglio la propria retribuzione.

In questo articolo vogliamo far chiarezza sui vari parametri che formano  il dirigenti scolastici stipendio. In ogni caso, vogliamo sottolineare per quanto riguarda le cifre descritte, che si tratta soltanto di cifre approssimative e generali, che non devono tutte le volte rispondere alla realtà. Sono infatti un modo indicativo di avvicinarsi al dirigenti scolastici stipendio.

 

Le diverse voci che include il dirigenti scolastici stipendio sono:

 

-          Stipendio Tabellare

-          Retribuzione di Posizione

-          Retribuzione di risultato

-          Assegno ad personam

-          RIA (retribuzione individuale di anzianità)

-          Retribuzione incarichi aggiuntivi

 

Lo Stipendio Tabellare, del dirigenti scolastici stipendio, fa parte della retribuzione fissa di questi professionisti ed è inerente alla funzione svolta. Quindi, a questo stipendio tabellare si ha il diritto per il fatto stesso di essere un dirigente scolastico con funzioni di organizzazione del lavoro in una scuola.

Attualmente, lo stipendio tabellare in Italia è di 43.310,90 euro annui.

La retribuzione di posizione forma parte ugualmente della parte fissa del dirigenti scolastici stipendio. La retribuzione di posizione è a sua volta divisa in una parte fissa (3.556 euro) e una parte variabile (34.195,96 annui).

La retribuzione di risultato: questa voce della retribuzione remunera la “qualità” del lavoro svolto dai dirigenti scolastici. Infatti, premia i docenti che svolgono al meglio le loro funzioni e responsabilità. L’ammontare base del premio annuo non può essere inferiore al 20 % della retribuzione di posizione a cui si aggiungono gli importi relativi allo svolgimento degli incarichi aggiuntivi.

Assegno ad Personam: si tratta di una parte del dirigenti scolastici stipendio che percepiscono i dirigenti ex presidi incaricati per importi che oscillano da 3.500 euro a 12.000 euro annuo approssimativamente

RIA (retribuzione individuale di anzianità): conferita ai Dirigenti ex Presidi di ruolo i cui importi sono simili a quelli dell’assegno ad personam.

Retribuzione incarichi aggiuntivi: il dirigenti scolastici stipendio include una voce riservata a retribuzione per incarichi aggiuntivi, obbligatori o assunti liberamente. Alcuni degli incarichi aggiuntivi con diritto ad indennità più importanti sono:

-          Presidenza Commissioni Esami di Stato: da euro 1817 fino a euro 3519,

-          Insegnamento per adulti e alla terza area degli istituti professionali: 2% somme a tal fine stanziate,

-          Incarico di reggenza di ulteriori istituzioni scolastiche: circa 9.500 euro annui d’indennità a cui si aggiunge una integrazione della retribuzione di risultato pari all’80% della retribuzione di posizione parte variabile della scuola affidata in reggenza, per un totale che varia da circa 15.000 a 20.000 euro).

 

Fonti: Wikipedia / Governarelascuola.it

 

Roberta Buscherini

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, apr 3, 2013  Roberta Buscherini
Scuola: Le Scadenze di Aprile
Vota Questo Articolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per ulteriori informazioni vai alla nostra guida su Mobilità, Esami di Stato.

 

Fonti: MIUR / Orizzontescuola

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, mar 27, 2013  Patrizia Caroli
Scuola Digitale: Italia Verso la Scuola Online
2 (40%) 1 Vota Questo Articolo

Scuola Digitale: Il governo firma un decreto che prevede, dall’anno scolastico 2014 / 2015 solo libri digitali o misti e un tablet per ogni studente. Conclusione, meno libri, meno spese per le famiglie e zaini più leggeri per i bambini.

 

L’Italia fa un passo importante in avanti verso la scuola online, infatti ancora un anno di tempo e poi, nella scuola pubblica italiana entrerà soltanto materiale digitale o misto. Questo implicherà, secondo il MIUR, una riduzione della spesa per le famiglie di circa il 30 %, oltre un passo in avanti verso la scuola online. 

 

La normativa verrà applicata in modo progressivo. Inizialmente colpirà le classi di prima e quarta della scuola primaria, la classe prima della scuola secondaria di I grado, la prima e la terza classe della secondaria di II grado.

 

 

scuola digitaleScuola Digitale: meno spese per le famiglie

 

Il nuovo decreto firmato dal MIUR prevede importanti miglioramenti riguardo le tasche delle famiglie italiane: si parla di costi sostenuti.

 

Infatti, i prezzi di copertina dei libri definiti per il prossimo anno scolastico, 2013 / 2014, restano inamovibili anche per l’a.s 2014 /  2015. In questo modo, la riduzione dei tetti di spesa per le famiglie è del 20 %.  Ma, nel caso di famiglie con bambini a cui corrispondono soltanto libri digitali la riduzione arriva fino al 30%.

 

Le scuole potranno utilizzare i risparmi ottenuti, grazie alla scuola digitale, per dotare gli studenti dei supporti tecnologici necessari per leggere i libri digitali, ovvero tablet, personal computer, ecc….

 

Scuola Digitale: Formazione per i docenti

 

I docenti, in questo percorso verso la scuola digitale, avranno a disposizione una piattaforma formativa con informazione on line riguardo i libri di testo in versione mista e digitale, per poter usarli al meglio. Inoltre, è prevista l’attivazione di azioni di monitoraggio e di documentazione, da parte dall’INDIRE, sull’andamento dell’adozione di libri digitali e sulle proposte d’integrazione nella scuola digitale.

 

Questi passi in avanti verso la scuola digitale rispondono ad uno degli obiettivi fissati dall’Agenda Digitale Italiana. Si ricorda che la maggior parte degli studenti sta già usando a casa questi strumenti che ora utilizzerà nella scuola digitale.

 

Patrizia Caroli

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, mar 21, 2013  Roberta Buscherini
Morto capo della Polizia Antonio Manganelli
Vota Questo Articolo

Foto: queerblog.it

 

Antonio Manganelli, capo della Polizia, è morto ieri a Roma dopo aver sofferto un’emorragia cerebrale un mese fa. Manganelli, di 62 anni, era stato ricoverato all’ospedale San Giovanni di Roma per un intervento chirurgico ma, negli ultimi giorni, le sue condizioni di salute erano molto peggiorate.

 

Oggi la camera ardente sarà preparata alla scuola superiore di polizia, dalle 14 del pomeriggio. I funerali sono previsti sabato mattina nella basilica di Santa Maria degli Angeli, in piazza della Repubblica, a Roma.

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest