Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 
gio, feb 9, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte: scuolainforma.it

Fonte: scuolainforma.it

 

Il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha finalmente trovato un intesa con le sigle sindacali  Flc Cgil, Cisl e Uil Scuola, Snals-Confsal in tema di contratto integrativo di mobilità sul personale docente.
La notizia è di pochissimi giorni fa e ha portato a una dichiarazione soddisfatta e orgogliosa del neo ministro Fedeli. “Ringrazio le organizzazioni sindacali e l’amministrazione per il lavoro svolto. Come ho sottolineato anche in Parlamento, illustrando le Linee programmatiche di questo Ministero, dobbiamo tutti lavorare per centrare tempestivamente e nel migliore dei modi possibili tutti i passaggi necessari per iniziare, senza le difficoltà del passato, il prossimo anno scolastico”.
 

 

Mobilità Scuola. Cosa prevede il contratto

 

 
Di fatto rispetto a quanto era stato accordato lo scorso dicembre non è cambiato molto.
Il tutto dovrà svolgersi in una fase unica per ogni grado scolastico; ogni docente senza distinzione di anzianità di servizio potrà presentare domanda ed esprimere fino a 15 preferenze, indicando gli ambiti che le scuole fino a un massimo di 5 per queste ultime.
Queste regole sono valide sia per gli spostamenti all’interno della stessa provincia che fuori.
Questo contratto avrà validità esclusivamente per l’anno 2017/2017 e prevede tra le altre cose anche lo svincolo dall’obbligo di permanenza triennale nel proprio ambito o nella propria scuola; questo è possibile grazie a quanto è stato deciso nella legge di stabilità ovvero il passaggio di una parte dell’organico di fatto in organico di diritto comporterà una variazione dell’organico della scuola.

 

 

Tale svincolo non prescinde però dalla garanzia della continuità scolastica, prerogativa decantata e prevista dalla Buona Scuola.
 

Mobilità Scuola. Non tutti sono però contenti

 

 

 

 

Nonostante l’accordo segni un punto di tregua tra le parti, tra i sindacati di categoria c’è chi coerentemente, ha deciso di non accettare di buon grado questa intesa.

È il sindacato della Gilda che grida tutta la sua insoddisfazione: “per noi si tratta di coerenza. Siamo stati in piazza contro la buona scuola contro gli ambiti, la chiamata diretta, il licenziamento dei precari dopo 36 mesi ora non possiamo abbassare la testa. I colleghi hanno ottenuto qualche risultato ma non basta”.
Al di là delle prese di posizione però non si può non riconoscere che questo accordo, se non altro, cancella definitivamente l’algoritmo, nelle mani del quale era la scelta dei docenti. Questo è senza dubbio un passo avanti positivo.

 

 

 

 

 

 

Fonte: rainews / ilfattoquotidiano

 

 

 

 

 
Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, gen 26, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte: giurdanella.it

Fonte: giurdanella.it

È di pochi giorni fa l’approvazione da parte del consiglio dei ministri di 8 decreti facenti parte della riforma passata alle cronache come Buona Scuola, in tema di precariato.

 

 

Secondo le nuove regole cambieranno le condizioni per poter diventare docente all’interno degli istituti di primo e secondo grado. E’ stata infatti inserita la laurea come requisito obbligatorio, oltre al fatto di dover essere vincitori di un concorso.

 

 

La professione di docente però, anche in presenza di questi requisiti, non sarà immediata; ci sarà infatti un percorso formativo della durata di 3 anni, dei quali, i primi due si svolgeranno obbligatoriamente all’interno della scuola. Allo scoccare del terzo anno ci sarà l’immissione in ruolo a tempo indeterminato.

 

 

 

Scuola. Possibile riapertura Gae

 

 

 

Che cosa ne sarà dei dicenti precari inseriti nelle graduatorie d’istituto? Secondo quanto previsto dalla normativa dovranno attraversare una fase intermedia e non si esclude che possano essere inseriti in coda nelle graduatorie a esaurimento.

E proprio nell’ottica di aggiornamento delle Gae, l’inserimento dovrà coinvolgere i docenti precari iscritti alla seconda fascia delle graduatorie d’istituto e anche cloro che si iscriveranno negli elenchi della prossima primavera.

 

 

In effetti la riapertura delle Gae non sarebbe poi una sorpresa. Fin dai suoi primi discorsi il nuovo ministro all’istruzione Valeria Fedeli, ha fatto trapelare la volontà, pur nel rispetto dei principi della riforma, di adattare la stessa almeno ad alcune delle esigenze del corpo docente.

Lo stesso ministro aveva riassunto in 4 punti gli obiettivi del 2017 e il secondo recitava proprio così: “valorizzazione dei docenti, anche tramite il rinnovo del contratto statale“.

 

 

 

 

 

Scuola. Presidi vicini alla protesta

 

 

 

 

L’approvazione di questi 8 decreti attuativi della Buona Scuola non è stata però affatto digerita dai presidi, attori principali per ciò che concerne la pratica della chiamata diretta.

Per il presidente Anp, associazione nazionale presidi e alte professionalità, Giorgio Rembado il quale afferma che “se la riforma della Buona Scuola non va avanti, con la chiamata dagli ambiti territoriali dei docenti e la permanenza triennale nella stessa sede di servizio, salta anche la valutazione dei dirigenti: si sono pregiudicate le condizioni per arrivare a una giusta valutazione del preside”.

 

 

Nonostante i buoni propositi iniziali, si mette male dunque per il neo ministro; è probabile infatti che la povera Fedeli sia costretta a ricorrere alle sue arti diplomatiche per evitare il blocco di attuazione alla riforma. Le prossime settimane saranno senza scampo decisive in questo senso.

 

 

 

 

 

Fonte: blastingnews / tecnicadellascuola

 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, gen 17, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte: scuolainforma.it

Fonte: scuolainforma.it

Se lo chiederanno in molti. Tutti quelli che hanno creduto davvero nella possibilità di far scomparire una delle peggiori malattie che affligge la scuola italiana di oggi, la supplentite. E invece niente. Nulla è cambiato.

 

E così si parla di Settemila posti in Veneto, seimila in Piemonte, 11 mila in Lombardia, 2 mila rispettivamente in Friuli Venezia Giulia e in Liguria assegnati a insegnanti del sud, immessi in ruolo grazie all’attuazione del piano straordinario della Buona Scuola, nelle sue fase B e C, per pochi giorni.

 

Ed ecco che subito si parla di “furbetti delle cattedre vuote”, come li ha definiti il quotidiano Libero

 

 

 

Scuola. Lo sfogo del Presidente Zaia

 

 

 

 

Si tratta di neoassunti mai neppure arrivati a prendere servizio dalle nostre parti, perché nello scorso anno scolastico è stato consentito loro di continuare a fare i supplenti nelle scuole vicine a casa, mentre per l’anno in corso hanno ottenuto dal giudice il riconoscimento del diritto di rimanere nelle province in cui risiedono anche se non esistono ore di lezione da svolgere tali da giustificare lo stipendio fisso che ricevono”. Lo denuncia il presidente del Veneto, Luca Zaia, ritornando sul tema della drammatica carenza di docenti al nord.

 

Zaia non ne fa solo una questione di risorse umane, ma anche di risorse economiche: i 28mila supplenti che devono sostituire i docenti del Sud assunti al Nord ma che per vari motivi sono rientrati subito su sedi logisticamente meno disagiate chi li pagherà? Con quali entrate? domande senza risposta.

 

 

 

 

Scuola. Mancato uno dei maggiori obbiettivi della Buona Scuola

 

 

 

Lo sfogo del presidente Zaia, anche non volendo entrare nel merito diretto della questione, ricorda a tutti che uno dei maggior scopi della Buona Scuola è stato amaramente mancato, ovvero la cancellazione del precariato tra i docenti.

Dunque la supplentite non solo non è stata sconfitta, ma rimane un problema forte, spinoso e a quanto pare molto lontano dall’essere debellato.

 

 

 

 

Fonte: tencicadellascuola / blastingnews

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, gen 11, 2017  Valentina
Vota Questo Articolo

Fonte contattonews.it

Fonte contattonews.it

E tra un referendum una crisi di governo in corso, la legge di bilancio è stata comunque approvata. Con buona pace di tutto il comparto scuola.

Ovviamente l’esito del quesito popolare non poteva non avere ripercussioni e infatti la maggioranza, nell’approvazione al senato, ha rinunciato a alla presentazione di alcuni emendamenti, tra i quali anche quello in tema di trasformazione delle 25 mila cattedre dall’organico di fatto a quello di diritto.

 

Rimane prerogativa del Mef quella di autorizzare il numero di cattedre che presumibilmente si attesteranno intorno alle 10 mila, considerati i dubbi che lo stesso aveva già espresso in termini di risorse per coprire l’operazione.

 

 

Scuola. I punti fermi della legge

 

 

 

Iniziamo ad analizzare a legge dai punti che sono stati confermati.

Primo tra tutti quello riguardante le risorse destinate al fondo per l’organico dell’autonomia: si avranno quindi 140 milioni per il 2017 e 400 milioni dal 2018. invece un aumento di circa due milioni di euro per il fondo risarcimenti supplenze e confermati 128 milioni per il 2017 per il programma di edilizia scolastica ‘Scuole belle’.

 

Un dato positivo per il comparto è lo stop alle supplenze oltre i 36 mesi a partire da settembre 2016.   Sempre in termini economici aumenta il contributo aggiuntivo per le scuole d’infanzia paritarie, che passa quindi da 25 a 50 milioni di euro.

Si riduce invece l’importo massimo detraibile per costi in ambito di frequenza delle scuole statali e non. Il contributo invece per le scuole materne paritarie, pari a 25 milioni di euro, dovrà essere erogato entro il 31 ottobre 2017.

 

Il cosiddetto school bonus invece – il credito d’imposta che i privati cittadini potranno donare in favore delle scuole – subirà un’imposta del 10% verso lo stato, il quale, provvederà a ridistribuire equamente verso gli istituti scolastici che hanno ricevuto di meno.

 

Posticipata invece al biennio 2019/2020 l’eliminazione della possibilità di collocazione fuori ruolo di docenti e dirigenti scolastici, all’interno di ambiti sociali, come formazione e della ricerca educativa e didattica.

 

 

 

 

Fonte: blastingnews / orizzontescuola

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, dic 6, 2016  Valentina
Bonus Docenti. Arrivato Il Decreto
1 (20%) 1 Vota Questo Articolo

Fonte: giacinto. org

Fonte: giacinto. org

È stato finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il DPCM che disciplina le modalità di assegnazione e utilizzo della Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione dei docenti di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado per l’anno scolastico 2016 2017.

 

Il decreto ribadisce il valore nominale della carta, di importo pari a 500 euro, i cui beneficiari sono tutti i docenti di ruolo a tempo indeterminato sia a tempo pieno che a tempo parziale. Vediamo insieme quali sono i passi da fare per l’attivazione della carta.

 

 

 

Bonus Docenti. Come fare

 

 

 

Prima di tutto precisiamo che non sono previste scadenze, pertanto i docenti potranno registrarsi quando lo riterranno opportuno, l’importante è che la registrazione avvenga entro il mese di agosto 2017, chiaramente all’interno dell’anno scolastico in corso.

 

Per poter effettuare la registrazione sulla piattaforma, bisognerà essere in possesso delle credenziali SPID, rilasciate solo da enti autorizzati come Poste Italiane, InfoCert, Tim e Sielte. Per accedere alla piattaforma è necessario digitare questo indirizzo: http://cartadeldocente.istruzione.it/.

Una volta entrati, ci si troverà davanti al pulsante “Entra con SPID”, con il quale selezionare l’Identity Provider utilizzato per l’ottenimento del delle credenziali SPID.

A questo punto verrà richiesto un codice di sicurezza OIT, inviato in tempo reale secondo la modalità prevista dall’Identity Provider.

Verrà infine richiesto il consenso per poter inviare i propri dati personali al fornitore di servizi. Una volta dato il proprio consenso si apre la pagina per l’utilizzazione dei buoni necessari alla fruizione dei famigerati 500 euro.

 

Nella stessa pagina c’è anche una voce che recita “dove spendere i buoni”, nella quale viene riportato un elenco di tutte le strutture, gli esercizi e gli enti di formazione abilitati ad accettare la carta. Se si clicca sul pulsante “crea buono” si potrà scegliere se acquistare di persona oppure on line; da questo punto in avanti inizia la vera e propria scelta per lo sfruttamento del bonus. Nella pagina “Inizia a usare Carta del Docente e crea il tuo primo buono”, si può monitorare l’importo disponibile, i buoni creati e utilizzati e i buoni non ancora spesi.

Per Assistenza tecnica il numero da comporre è 800.863.119, da lunedì a sabato – dalle 08.00 alle 20.00.

 

 

 

Bonus Docenti. Cose da sapere

 

 

 

 

 

Alcune precisazioni, al di là delle modalità pratiche è necessario sottolinearle però. Prima di tutto precisiamo che i buoni generati ma che non vengono spesi non provocano variazioni dell’importo disponibile e che se non si spende l’intero bonus nell’arco dell’anno scolastico, la parte rimanente andrà sommata alle risorse disponibili nella successiva emissione del bonus. In sintesi non andranno perse.

 

Per tutti quei docenti che avevano iniziato a utilizzare il loro bonus prima della sua erogazione, ovvero nel periodo compreso tra il primo settembre e il 30 novembre, dovranno rendicontare le spese direttamente alle istituzioni scolastiche che provvederanno all’erogazione.

 

 

 

 

 

Fonte: orizzontescuola /tecnichedellascuola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Valentina stipa

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest