Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: il blog di esternazioni liberatorie

Accessibilità per i visitatori: sola lettura, ma potrete presto chiedere la registrazione ed esprimere i vostri pareri.

Categorie

 
ven, lug 18, 2014  Marco Brezza
Pensione ordinaria corpo forestale: ecco le cinque categorie più importanti 3.00/5 (60.00%) 1 Vota Questo Articolo

L’istituto della pensione ordinaria corpo forestale consta di una struttura composita e stratificata che si delinea attraverso cinque categorie, tutte attraversate dal concetto generale di ordinarietà. Risulta interessante analizzarle rapidamente per comprendere al meglio l’architettura del sistema previdenziale che fa riferimento ai dipendenti pubblici impiegati all’interno di questa forza di polizia ad ordinamento civile che opera nel nostro paese con prevalenti funzioni di polizia ambientale, forestale, venatoria, agroalimentare di sorveglianza di parchi nazionali ed aree naturali statali protette.

 

pensione ordinaria corpo forestale

Fonte: regione.sicilia.it

Pensione ordinaria corpo forestale: trattamento di vecchiaia

 

Il trattamento inerente alla pensione ordinaria corpo forestale di vecchiaia si delinea configurandosi come prestazione dovuta ai dipendenti del Corpo Forestale dello Stato che cessano dal servizio per raggiunti limiti di età: tale limite è definito dal Decreto legislativo 165/1997 e si distribuisce tra i 60 e i 65 anni a seconda del ruolo che si ricopre (ad esempio per gli ispettori è 60 anni, per il personale che effettua attività tecnico-scientifica e simili il limite è 65 anni). Questa prestazione pensionistica (che decorre dal giorno successivo al compimento degli anni) si ottiene tramite domanda, disponibile sul sito internet dell’Inpdap, presentata dall’interessato presso l’ufficio Inpdap territorialmente competente, almeno cinque mesi prima della data di cessazione dal servizio.

 

La pensione di anzianità

 

Per ciò che inerisce invece alla pensione di anzianità per i dipendenti del corpo forestale, la disciplina si tratteggia in questo modo: coloro che abbiano raggiunto i diversificati requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva possono andare in pensione tramite istanza sempre corredata di documentazione. Il tutto si dfinisce attraverso idonei schemi che incrociano anzianità di servizio e età anagrafica, distinti in scaglioni temporali a seconda dell’anno in cui si maturano i requisiti.

 

Pensione ordinaria corpo forestale, la destituzione

 

La pensione ordinaria corpo forestale poi si arricchisce di altre tre tipologie di trattamento: la pensione per destituzione, quella per infermità e quella di reversibilità. Pare qui interessante analizzare la prima tipologia, ovvero quella inerente alla pensione per destituzione. Questa particolare forma di trattamento è destinata ai dipendenti pubblici impiegati presso il corpo forestale dello Stato che sono stati destituiti dal servizio: essi acquisiscono il diritto al trattamento di quiescenza ordinario al verificarsi dei medesimi requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica o di sola anzianità contributiva previsti per gli ordinari pensionamenti di anzianità. Anche in questo caso bisogna effettuare domanda presso la sede Inpdap territorialmente competente.
Rilevante è anche l’istituto della pensione per infermità, definita talora anche come dispensa. Questa tipologia di trattamento pensionistico spetta a coloro i quali sono dispensati dal servizio per infermità, possedendo contemporaneamente un’anzianità contributiva effettiva di almeno 12 anni e una anzianità utile di almeno 15 anni. Decorrenza ed ottenimento della prestazione pensionistica possiedono i medesimi requisiti delle altre tipologie di trattamento.
Varia risulta pertanto la struttura complessiva inerente alla pensione ordinaria corpo forestale: un “corpus” generale che può essere ricondotto alle tipologie qui rapidamente illustrate e che è sempre buona norma tenere in considerazione.

 

Fonte: uilcfs.it

Marco Brezza

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
gio, lug 17, 2014  Roberta Buscherini
Pensioni Polizia di Stato: Tutti i requisiti per il trattamento 2.83/5 (56.67%) 6 Vota Questo Articolo

Tempo di spending review e di tagli alla spesa pubblica, tempo di modifiche dei trattamenti pensionistici. Tra flessibilità, superprelievi e penalizzazioni per uscite anticipate, la materia sembrerebbe essere divenuta molto complessa. Ma all’interno di questi argomenti terremotati dall’attuale situazione storica, come si conforma la situazione inerente alle pensioni Polizia di Stato? Il trattamento pensionistico garantito al personale dipendente della forza di polizia che possiede la competenza sulla gestione dell’ordine pubblico nel nostro paese si configura attraverso uno schema non diverso da quello che sovrintende la struttura delle pensioni dei dipendenti pubblici in genere.

;

pensioni polizia di stato

Fonte: www.ternioggi.it

Pensioni Polizia di Stato di vecchiaia: i requisiti

;

Va innanzitutto citata, tra le pensioni Polizia di Stato, la pensione di vecchiaia: hanno diritto ad usufruire di questa tipologia di trattamento i dipendenti che hanno raggiunto l’età massima per la permanenza in servizio così come fissata dai singoli ordinamenti: i limiti di età sono delineati nel compimento dei 65 anni di età per i dirigenti generali, 63 per i dirigenti superiori e 60 per ciò che concerne le qualifiche inferiori. Ovviamente il requisito minimo per il diritto alla pensione di vecchiaia è costituito dal raggiungimento dei 20 anni di anzianità contributiva.

;

La pensione di anzianità

;

Per ciò che riguarda invece la cosiddetta pensione di anzianità ovviamente il discorso cambia: possono accedere a questa tipologia di trattamento pensionistico i dipendenti della Polizia di Stato che possiedono i seguenti requisiti di anzianità contributiva e di età anagrafica: 57 anni e 3 mesi di età uniti a 35 anni di anzianità contributiva, oppure 40 anni e 3 mesi di anzianità contributiva utile. In ulteriore istanza si può accedere alla pensione di anzianità, tenendo ovviamente in considerazione la specificità del rapporto di impiego e le obiettive peculiarità ed esigenze dei rispettivi settori di attività, al raggiungimento della massima anzianità contributiva fissata dagli ordinamenti di appartenenza, ovvero raggiungendo i 53 anni e 3 mesi di età e possedendo la massima anzianità contributiva prevista dall’ordinamento di appartenenza. In questo senso la legge stabilisce che la quota di pensione corrispondente alle anzianità contributive maturate a decorrere dal primo gennaio 2012 venga calcolata attraverso il sistema contributivo.

;
Per quel che riguarda le pensioni Polizia di Stato di anzianità resta fermo il regime delle decorrenze previsto dalla Legge n. 122 del 2010: va qui rammentato che nel caso di accesso alla pensione con il requisito dei 40 anni di contribuzione indipendentemente dal dato dell’età anagrafica (con congruo adeguamento agli incrementi della speranza di vita a partire dal 1 gennaio 2013), occorre tenere presente che l’accesso al trattamento pensionistico subisce, rispetto ai 12 mesi di finestra mobile, un ulteriore posticipo di un mese per quanto riguarda i requisiti maturati nell’anno 2012, di due mesi per i requisiti maturati nell’anno 2013 e di tre mesi per i requisiti maturati a decorrere dal corrente anno.

;

Pensioni Polizia di Stato: uno sguardo generale

;

Osservando, da un angolo visuale più ampio, la materia delle pensioni Polizia di Stato, si può constatare che la gestione dei trattamenti pensionistici dei dipendenti delle Amministrazioni statali è stata affidata al Servizio Trattamento di Pensione e di Previdenza della Direzione Centrale per le Risorse Umane: quest’ultimo, oltre a svolgere attività di programmazione, indirizzo, raccordo in materia di trattamento di quiescenza e di previdenza del personale della Polizia di Stato, si occupa anche di predisporre gli atti istruttori propedeutici alla concessione del trattamento privilegiato diretto ed indiretto da parte dell’Inpdap al personale della Polizia di Stato cessato dal servizio a decorrere dal 2005. Inoltre il suddetto Servizio si occupa del contenzioso pensionistico, in particolare prendendosi cura della rappresentanza nei giudizi pensionistici di fronte al giudice unico e alle sezioni d’Appello della Corte dei Conti.

;

Fonti: www.poliziadistato.it, www.forzearmate.org

;

 Roberta Buscherini

;( Per scaricare il tuo cedolino stipendi pa accedi alle istruzioni da qui

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
ven, giu 13, 2014  Roberta Buscherini
Riforma Delle Pensioni Comparto Scuola: Ecco cosa cambia nel 2014 3.00/5 (60.00%) 3 Vota Questo Articolo

Le difficoltà dell’attuale momento congiunturale nel nostro paese rendono la riforma delle pensioni comparto scuola un tema di eminente rilevanza: e contemporaneamente una materia da manovrare con i guanti, dal momento che trovare la “quadra” del sistema appare un compito molto arduo.

k

riforma delle pensioni comparto scuola

k

Riforma delle pensioni comparto scuola: il Governo Renzi cosa fa?

K

C’è sicuramente grande attesa per le azioni che l’attuale Governo Renzi cercherà di implementare per il sistema pensioni

del comparto scolastico: intanto le novità non paiono giungere per le pensioni inerenti ai cosiddetti “Quota 96”. Le “news” governative si occupano per ora dell’importanza della scuola, del piano per l’edilizia scolastica e del via a tagli Irpef importanti per buste paga anche per gli insegnanti (a patto di percepire meno di 1500 euro al mese): ma per ciò che inerisce alle pensioni dei “Quota 96” ed al ringiovanimento del corpo docente italiano, le novità ancora devono giungere. La riforma delle pensioni comparto scuola è ancora lungi dall’essere completata.

k

I requisiti per raggiungere la pensione docenti

k

Intanto pare doveroso dare un’occhiata ai requisiti contributivi e di anzianità per raggiungere la pensione a partire dal settembre 2014. Per chi li ha raggiunti entro il 31 dicembre 2011 i requisiti per la pensione di anzianità sono: età non inferiore a 60 anni con almeno 36 anni di contributi, oppure 61 anni e 35 di anzianità contributiva, o infine almeno 40 anni di contribuzione indipendentemente dall’età. Al fine di raggiungere la famigerata “Quota 96” è possibile aggiungere diverse frazioni tra anzianità contributiva ed età anagrafica.

k
Per ciò che riguarda la pensione di vecchiaia è necessario per gli uomini avere un’età anagrafica di 65 anni e le donne almeno 61 con un’anzianità contributiva di almeno 20 anni (oppure aver conseguito un’anzianità contributiva di almeno 40 anni).

k

Riforma delle pensioni comparto scuola, si torna ai requisiti pre-Fornero?

k

Gettando un’occhiata alla riforma delle pensioni comparto scuola, ci si accorge che i requisiti cambiano al passaggio della Riforma Fornero: in questo caso la pensione di vecchiaia si configura con il compimento dei 66 anni e 3 mesi entro l’agosto 2012. In tal caso il collocamento avviene d’ufficio, mentre va fatta la richiesta qualora si concretizzi la maturazione di almeno 20 anni di contribuzione. La pensione anticipata sviluppa invece i suoi effetti per gli uomini con 42 anni e 6 mesi di contribuzione alla fine del 2014 e per le donne con almeno 41 anni e 6 mesi di contribuzione alla medesima data.

K
Intanto il Presidente del Consiglio Matteo Renzi sta lavorando alacremente insieme al Ministro del Lavoro Giuliano Paoletti ed al responsabile del dicastero economico Pier Paolo Padoan al fine di rintracciare la soluzione più corretta ed efficiente per risolvere l’annosa questione ed implementare definitivamente una riforma delle pensioni comparto scuola: si profilano importanti modifiche in un percorso che dovrà attraversare anche la temuta Commissione Bilancio del Governo. Intanto la bozza del disegno di legge Ghizzoni-Marzana è in procinto di essere completata: parrebbe prospettarsi per la scuola la reintroduzione dei requisiti pensionistici esistenti prima della approvazione della riforma Fornero.

k

Fonti: Blasting news, pensioniblog.it

k

Roberta Buscherini

K

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
ven, apr 11, 2014  Patrizia Caroli
Scuola E Pensioni: Il curioso caso di un docente che vuole tornare ad insegnare 4.67/5 (93.33%) 3 Vota Questo Articolo

Un insegnante collocato in pensione d’ufficio ricorre per tornare sul posto di lavoro: una storia che pare curiosa ed in contraddizione con quello che è il pensare comune (a volte un po’ stereotipato). È accaduto a Reggio Calabria nel corso di questo anno scolastico. Ma andiamo ad analizzare la questione con maggiore attenzione.

;

Scuola e pensioniLa vicenda del ricorso al Giudice del Lavoro

;

Parrebbe che nella scuola pubblica esistano anche docenti desiderosi di rimanere in servizio: sebbene in realtà la vicenda getti luce su altri interessanti aspetti inerenti alla Riforma Fornero sulle pensioni. L’accadimento è il seguente: in Calabria un professore viene collocato in quiescenza per raggiunti limiti di età: compie 65 anni nel gennaio 2013 e viene mandato in pensione a settembre. Lo stesso professore, ritenendo che dovessero essere utilizzati i nuovi limiti di età stabiliti della riforma Fornero, impugna il provvedimento e fa ricorso presso il giudice del lavoro, vincendo. Il docente viene infatti immediatamente rimesso in servizio. Ma la storia non finisce qui: il primo settembre 2013, infatti, entra in vigore il Decreto Legge n. 101/2013 convertito nella legge n. 125/2013 attraverso la quale viene chiarito (con interpretazione) l’art. 24 della Legge Fornero: i limiti ordinamentali rimangono alla quota di 65 anni e non si elevano fino a 66. Pertanto, il professore viene rimesso in quiescenza con effetto immediato nel mese di novembre. Il docente effettua allora un’altra impugnazione davanti al giudice del lavoro: quest’ultimo non solo reintegra il professore in servizio nelle mansioni, funzioni e sede ma prospetta il reato di abuso d’ufficio inviando gli atti alla Procura (infatti il precedente provvedimento del giudice era perfettamente legittimo ed efficace, pertanto il nuovo provvedimento si poneva in contrasto con un precedente giudicato). Insomma parrebbe che tutti coloro che hanno i requisiti per la pensione al 31 dicembre 2011 possono essere congedati mediante i vecchi limiti di età (65 anni).

;

Il significato della norma

;

Ma quella che sembrava una comune vicenda da ricorso vinto e poi disatteso si è trasformata in un vero e proprio giudizio di legittimità sulla norma della Legge Fornero: che cosa stabilisce effettivamente quella norma? La risposta è molto complessa: in primo luogo sembra corretto poter affermare che, desumendo e interpretando la lettera del dettato normativo, venga introdotta una efficacia retroattiva (attraverso una interpretazione autentica); inoltre ci si pone l’obiettivo di svecchiare e snellire gli organici della amministrazione pubblica nel suo complesso.

;
La vicenda possiede grande rilevanza per la materia pensioni (molto più di quanto si possa pensare): infatti c’è chi vuole andare in pensione subito ma c’è anche chi vorrebbe rimanere in servizio attraverso l’utilizzo dei nuovi limiti di età o avvalendosi del trattenimento in servizio per un biennio, oppure anche usufruendo di una previsione della legge Fornero (quella che permette di continuare a lavorare fino a 70 anni).

;

La proposta della Gilda: pensionati e precari

;

Ma questa interpretazione edifica una evidente contraddizione: infatti la legge Fornero, da una parte, crea la categoria degli esodati, mentre dall’altra costruisce le categorie di coloro che vorrebbero andar in pensione e non possono e di coloro che desidererebbero continuare a lavorare e vengono invece posti coattivamente a riposo. In questo senso emerge preponderante la proposta della Gilda della scuola: un’idea che potrebbe essere risolutiva in questo periodo di difficoltà per i precari. Si tratta infatti di consentire agli insegnanti vicini al termine della carriera di cumulare pensione e part-time, diminuendo l’impegno didattico e liberando 100mila posti di lavoro a tempo parziale per i docenti precari. Una proposta costruttiva che cerca di risolvere due problemi di diversa radice.

;

Patrizia Caroli

;

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
ven, mar 28, 2014  Patrizia Caroli
Indebitamento Inps E Le Pensioni: Esiste un futuro? 1.70/5 (34.00%) 10 Vota Questo Articolo

Il sistema delle risorse pensionistiche sta affrontando un difficile momento nel nostro paese. Le pensioni sono a rischio: e quest’ultimo non è un proclama utile solo a gonfiare gli allarmistici titoli di stampa e telegiornali. Indebitamento Inps e le pensioni si trovano infatti innanzi ad un grande ostacolo: quello della non più sufficiente sostenibilità di un sistema pensionistico che potrebbe crollare da un momento all’altro.

.

Fonte: www.iljournal.it

Fonte: www.iljournal.it

Indebitamento Inps e le pensioni: la crisi ma non solo

;

L’Inps infatti concluderà il corrente 2014 con a bilancio un patrimonio netto in passivo di 4,5 miliardi di euro, dopo aver assorbito l’Inpdap (l’ex istituto di previdenza e assistenza per i dipendenti dell’amministrazione pubblica ora soppresso) con tutto i suo carico di debiti. Il disavanzo  complessivo inerente al risultato economico di esercizio per il 2014 viene colmato dallo Stato, attraverso ovviamente l’aumento del carico fiscale che grava sulle tasche dei contribuenti: non un buon auspicio.

;
Tra le cause dell’incipiente difficoltà nel settore pensioni si annovera, ovviamente, la crisi economica: ma sarebbe precipitoso attribuire tutte le colpe inerenti alla questione indebitamento Inps e le pensioni soltanto a questa causa di tipo congiunturale. È infatti chiaro che il sistema pensionistico sta per ingoiare se stesso: esistono assegni previdenziali troppo onerosi per una vasta platea di pensionati e lo sbilanciamento fra entrate e uscite è palese, con le entrate contributive sostenute in questo momento solo dal fondo per la gestione separata.

;

La sostenibilità del sistema pensionistico in Italia

;

Per comprendere meglio l’intrinseca difficoltà del ciclopico sistema pensionistico italiano nel sostenersi, va effettuato un breve excursus su quelle che sono le basi del sistema stesso: in Italia il sistema pensionistico pubblico è infatti strutturato sulla base del criterio di ripartizione. Ovvero i contributi che i lavoratori e le aziende versano agli enti di previdenza vengono utilizzati per pagare le pensioni di coloro che hanno lasciato l’attività lavorativa. Per far fronte al pagamento delle pensioni future, pertanto, non è previsto alcun accumulo di riserve. È chiaro che in un sistema organizzato in questa maniera, il flusso delle entrate (rappresentato dai contributi pagati) deve essere in equilibrio con l’ammontare delle uscite, cioè le pensioni pagate.  Nel nostro paese, purtroppo, è venuta a crearsi una difficile situazione costituita da due meccanismi che remano l’uno contro l’altro: da una parte il costante elevarsi della vita media della popolazione che ha contributo a far sì che le pensioni da pagare si spalmassero in un tempo più ampio (e quindi più oneroso); dall’altra il rallentamento della crescita causato dalla crisi economica ha frenato la mole delle entrate contributive. Ciò a portato i governi (che si sono susseguiti) ad attuare diverse riforme per risolvere un rompicapo apparentemente irrisolvibile, al fine di riportare dentro una congrua soglia di controllo la spesa pensionistica.

:

Indebitamento Inps e le pensioni: “profondo rosso”

;

Indebitamento Inps e le pensioni: il fondo inerente ai lavoratori dipendenti è in “profondo rosso”:  sotto la lente di ingrandimento ci sono tutti quei trattamenti previdenziali liquidati senza adeguata copertura contributiva negli scorsi anni: insomma una delle cause dell’attuale difficoltà va ricercata  in quel sistema di calcolo “retributivo” delle pensioni, interrotto solo nel 1995 da una riforma del governo Dini. Anni in cui il sistema ha continuato a veleggiare senza mettere in conto che il primo momento di difficoltà avrebbe potuto spazzare via l’importante istituto pensionistico.

;
La situazione attuale è tutta in divenire: i governi si susseguono, l’emergenza rimane: e presagire il futuro del paese nel settore indebitamento Inps e le pensioni risulta sempre più difficile.

:

Fonti: investireoggi.it, repubblica.it

;

Patrizia Caroli

;

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest