Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 
ven, giu 16, 2017  Valentina
Legge 104. Cos’è e come funziona?
4.1 (82.89%) 83 Vota Questo Articolo

La legge 104 del 5 febbraio 1992, successivamente modificata e integrata nel 2000, nel 2001 e nel più recente 2010 è una normativa che disciplina l’assistenza da parte di un lavoratore dipendente a un proprio familiare portatore di handicap.

 

Per portatore di handicap, secondo quanto stabilito all’art. 3 della legge 104 si identifica “colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che causa difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione” e con una riduzione dell’ autonomia personale “in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità”.

 

Le agevolazioni previste dalla legge 104/92 riguardano in concreto un serie di permessi lavorativi che il dipendente può richiedere e che sono finalizzati alla cura del familiare disabile.

 

legge-104

 

Esistono poi una serie di agevolazioni fiscali stabilite dalla questa legge in merito ad esempio all’acquisto di un auto da parte di un disabile, il quale potrà usufruire, in questo caso di:

-      detrazione fiscale del 19% della spesa sostenuta

-      L’IVA agevolata al 4%

-      L’esenzione dal bollo auto

-      L’esenzione dall’imposta di trascrizione sui passaggi di proprietà

Tali benefici però possono essere utilizzati solo una volta ogni 4 anni salvo casi eccezionali previsti dalla stessa legge.

 

Legge 104. Chi può utilizzarla?

 

Tutti i dipendenti con particolare attenzione per quelli pubblici e statali possono usufruire dei permessi previsti dalla legge 104. Prima ancora dei familiari però gli stessi lavoratori disabili possono usufruire di quanto stabilito nella legge, siano essi nel settore pubblico che privato.

 

I benefici possono essere poi estesi ai familiari affini entro il 2^ grado di parentela con possibile estensione al 3^ per casi specifici.

 

Coloro invece che non possono accedere ai benefici della legge 104 sono i lavoratori a domicilio, gli addetti ai lavoro domestici, i lavoratori agricoli a tempo determinato occupati a giornata, i lavoratori autonomi e i lavoratori parasubordinati.

 

Requisiti e Modalità

 

Requisito indispensabile affinché si possa usufruire dei permessi previsti da questa legge  è che la persona disabile non sia in regime di ricovero a tempo pieno.

 

Il lavoratore disabile in base a quanto stabilito dalla legge 104 può usufruire alternativamente dei permessi di tre giorni mensili o di sole ore giornaliere di permesso suddivise  così: due ore al giorno per un orario giornaliero di sei ore; un’ora al giorno per un orario giornaliero inferiore alle sei ore.

 

I parenti invece, come sancito da questa normativa, possono usufruire dei permessi di tre giorni mensili. I genitori che assistono figli di età inferiore ai tre anni in situazione di disabilità grave possono fruire alternativamente del prolungamento del congedo parentale retribuito fino al terzo anno di vita del bambino o nel caso in cui questo sia già stato esaurito, di due ore di permesso giornaliero o di tre giorni di permesso al mese. I giorni di permesso non utilizzati non vanno persi ma si accumulano nel mese successivo.

 

La legge poi prevede la possibilità di poter scegliere la sede di lavoro più vicina alla persona che necessità assistenza.

Con l’integrazione del 2010 alla legge 104 è stato tolto il requisito della convivenza, della continuità e dell’esclusività dell’assistenza.

 

Come Fare Domanda?

 

Coloro che intendono usufruire di questa  legge devono prima di tutto rivolgersi a un medico specialista che rilasci un certificato attestante la presenza dell’inabilità. Successivamente va presentata domanda all’ente INPS.

 

Le domande per usufruire dal 2010 possono pervenire all’INPS solamente in via telematica, attraverso il portale dell’ente previdenziale, nell’apposita sezione e dopo il rilascio del Pin identificativo. Coloro che non siano in grado di accedere autonomamente al servizio telematico, possono rivolgersi al CAAF di zona.

 

La domanda di accesso alla legge 104 scade con l’anno solare e dovrà quindi essere annualmente rinnovata. Nel caso in cui si verifichino cambiamenti prima della scadenza solare, il dipendente è obbligato a comunicarli all’INPS entro 30 giorni.

 

 

Fonte: nursind / coopleali / giacinto

 

Valentina Stipa

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, mag 23, 2017  Valentina
Vigili del Fuoco. Il silenzioso sciopero della fame
5 (99.81%) 532 Vota Questo Articolo

Fonte: agenparl.com

Fonte: agenparl.com

Se ne sente parlare poco. Molto poco. Decisamente troppo poco. Eppure è uno sciopero della fame che dura da giorni quello di Antonio Brizzi, segretario generale del CONAPO, uno dei sindacati autonomi dei vigili del fuoco.

 

 

Più stanziamenti per risolvere la grave disparità di trattamento tra le retribuzioni dei vigili del fuoco e quelle degli altri corpi dello Stato, tra cui la polizia che dipende dallo stesso ministero dell’Interno”. Rivendicazioni già sentite, richieste, urlate.

Fino alla drammatica decisione dello sciopero della fame, in divisa, davanti ai palazzi del governo, Viminale, Parlamento e Quirinale.

La protesta non finirà almeno fino a martedì, giorno in cui dovrà essere approvato il decreto sui vigili del fuoco.

 

 

 

 

Vigili Del Fuoco. Le motivazioni dello sciopero

 

 

 

 

Secondo il sindacalista in protesta, ma non solo, i finanziamenti stanziati dal governo, cioè 103 milioni di euro, non sono sufficienti a colmare le gravissime lacune del settore. E ne servirebbero almeno altri 50.

Più nel dettaglio Brizzi spiega come sia indispensabile stanziare più soldi per “risolvere la grave disparità di trattamento tra le retribuzioni dei vigili del fuoco e quelle degli altri corpi dello stato, tra cui la polizia, che dipende dallo stesso ministero dell’intero. una differenza che ammonta a 300 euro nette al mese nelle qualifiche più basse, ma che raddoppia e addirittura triplica nei gradi più alti”.

 

 

La stessa cosa vale anche per le pensioni e per gli avanzamenti di carriera. Si tratta di una situazione non più sostenibile che ha portato Brizzi all’estrema protesta dello sciopero della fame. “Se poi si tiene conto” continua Brizzi “che il governo ha stanziato circa un miliardo per forze armate e di polizia appare chiaro che la disparità di trattamento è destinata a restare nonostante tutte le lodi e le promesse che i politici hanno dispensato sui pompieri da Amatrice a Rigopiano”.

 

 

 

Vigili Del Fuoco. Uno sciopero che inizia da lontano

 

 

 

 

Questa protesta non è solo frutto dell’ultimo incontro fallimentare del 15 maggio, nel quale le proposte del governo sono state ritenute inaccettabili da parte del siindacato Conapo e da qui, l’inizio dello sciopero della fame del suo maggiore rappresentante.

 

 

L’incontro appena citato è stato l’ultimo in ordine di tempo, nel quale i vigili del fuoco hanno spiegato e richiesto, numeri alla mano, improrogabilmente, interventi maggiormente incisivi nel settore.

Lo hanno fatto con decine di proteste, per mesi. Fermandosi solo quando l’Italia aveva bisogno di loro per affrontare un’emergenza. E proprio nella gestione dell’emergenza, il paradosso: le istituzioni che lodano e idolatrano i vigili del fuoco per l’impegno e la dedizione al lavoro. E poi? Con quale risultato? Nessuno evidentemente, se per fasi ascoltare bisogna arrivare perfino allo sciopero della fame…

 

 

 

 

 

 

Fonte: gds / roma.corriere / agenparl

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mar, mag 16, 2017  Valentina
Contratto Statali 2017. Fine blocco entro giugno
Vota Questo Articolo

Fonte: businessonline.it

Fonte: businessonline.it

Non è ancora una certezza. Di sicuro è una buona rassicurazione dopo 8 anni di blocco contrattuale. Il testo unico sul pubblico impiego, a quanto dichiara direttamente il ministro Madia, verrà approvato entro fine maggio, pertanto si prevede l’invio all’Aran, l’Agenzia per la contrattazione che rappresenta il Governo al tavolo della trattativa con le parti sociali entro l’estate.

 

 

L’annuncio è stato fatto a margine della presentazione di Agenda Trasparente e della campagna di ascolto “Terzo tempo” per l’attuazione della riforma.

La riorganizzazione della pubblica amministrazione ha già visto l’approvazione di molti soggetti coinvolti: le commissioni parlamentari, il Consiglio di Stato, la Ragioneria; i decreti di riorganizzazione hanno anche ottenuto l’intesa con le Regioni quindi manca solamente l’ultimo passi prima di una vera e propria legge.

 

 

 

Contratto Statali. Ma i soldi?

 

 

 

A questa notizia sui tempi stretti però ne segue subito una meno ottimista, che riguarda la parte economica di questo progetto di riorganizzazione della pubblica amministrazione.

Vale la pena sottolineare che per i sindacati, le cifre stanziate dal governo non sono affatto sufficienti. E questo stanziamento tra l’altro avverrà con la manovra di fine dicembre. Di fatto quindi l’aumento non si vedrà fino a dicembre. Verosimilmente quindi si arriverà al 2018.

 

 

Ma c’è anche un altro aspetto della questione economica che tutt’altro che positivo. Si tratta dell’importo previsto nelle buste paga: nelle tasche dei dipendenti finirebbero 35,9 euro al mese in più. Meno della metà degli 85 dei quali si parlava a fine anno.

Perché? I finanziamenti stanziati con la Legge di Bilancio, pari a 1,5 miliardi, non riuscivano a coprire gli oltre 3 milioni di lavoratori pubblici a cui spetta l’adeguamento contrattuale.

 

 

 

Contratto Statali.  Una vergogna che dura da troppo

 

 

 

 

Ricordiamo che siamo arrivati a questo unto dopo 8 anni di blocco, nei quali non si sono avuti gli scatti relativi all’inflazione né le indennità di vacanza e a seguito di una sentenza della Corte Costituzionale che ha sanciva la bocciatura del blocco voluto dalla Legge Fornero nel 2012.

 

 

Il Governo manterrà tutti gli impegni presi in argomento di riforma della Pubblica amministrazione e degli aumenti degli stipendi dei lavoratori del pubblico impiego” dice il  ministro Padoan. Stando le cose come abbiamo descritto, lo scetticismo, permettetemelo, è d’obbligo

 

 

 

 

 

 

Fonte: adnkronos / blastingnews / businessonline

 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
mer, apr 12, 2017  Valentina
Comparto Sicurezza. Il Mistero del Bonus
Vota Questo Articolo

Fonte: giacinto.org

Fonte: giacinto.org

Già perché ormai sta diventando un mistero questa storia del bonus di 80 euro. L’ultima scadenza annunciata è lo stipendio di aprile, nel quale dovrebbero confluire tutti gli arretrati da gennaio.

 

 

 

Si tratta evidentemente di un annuncio un po’ troppo ambizioso che farebbe passare la questione dal mistero al miracolo. Tra l’altro se da un lato si parla di quando arriverà, dall’altro si parla di quando sparirà!

 

 

 

Che non sarebbe diventato un provvedimento strutturale e continuativo è chiaro da molto tempo ormai ma che sarà destinato a finire addirittura per il prossimo settembre è una notizia non confermata che però preoccupa molti. Soprattutto chi non lo ha ancora ricevuto. Che rischia concretamente di non vederlo mai.

 

 

 

 

 

Comparto Sicurezza. Si annunciano nuove battaglie di piazza

 

 

 

Neanche a dirlo i sindacati di categoria hanno già dichiarato scioperi e manifestazioni; la lotta riguarda due fronti distinti del bonus: il fatto che con molta probabilità non arriverà neanche il prossimo mese di aprile e la speranza che rimanga anche dopo la riforma di riordino delle carriere, anche se abbiamo già anticipato nel paragrafo precedente, ci sono già voci di termine esperimento…

 

 

 

Comparto Sicurezza. Il Bonus è solo la punta dell’iceberg

 

 

 

 

Ma quello degli 80 euro non è certo l’unica cosa che preoccupa gli appartenenti alle forze dell’ordine in questo momento.

 

 

Esiste infatti un altro problema da risolvere nel più breve tempo possibile. Si tratta degli errori commessi in fase di compilazione del cedolino NoiPa di gennaio e febbraio scorsi. Stiamo parlando delle centinaia di migliaia di euro che gli appartenenti alle forze dell’ordine ma anche quelli del comparto scuola, si sono visti indebitamente trattenere nelle buste paga sotto la voce di conguagli, legati al bonus Renzi percepito nell’anno 2016.

 

 

A seguire poi esiste anche il problema legato ai contributi INPS  sui quali non esiste aggiornamento da oltre un anno. Va da sé che considerati i molteplici errori che si sono ripercossi sulle tasche dei dipendenti, il punto non è il mancato aggiornamento, ma le motivazioni di questo ritardo. Non sia mai che si scopra un altro ennesimo errore…

 

 

 

 

Fonte: investireoggi / businessonline / informazionefiscale

 

 

 

 

 

 

Valentina Stipa

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest
lun, feb 27, 2017  Valentina
Vigili Del Fuoco. Eroi in protesta
3 (60%) 4 Vota Questo Articolo

Fonte: roma.corriere.it

Fonte: roma.corriere.it

Centinaia di eroi in protesta a Montecitorio. Per fare sentire la voce di chi è stanco di pacche sulle spalle e belle parole. Anche gli eroi per mangiare e vivere dignitosamente hanno bisogno di aver uno stipendio che renda merito ai loro servizi.

 

Per questo non vogliono più essere cittadini di serie B. E’ la protesta dei vigili del fuoco che da tutta Italia sono arrivati a Roma per dire basta a riconoscimenti dopo le tragedie e pretendere atti concreti che diano effettivo valore alle loro azioni.

 

 

Vigili Del Fuoco. Le solite richieste inascoltate

 

 

 

“Trecento euro al mese in meno rispetto alle già sottopagate forze di polizia e nessun riconoscimento dei servizi operativi ai fini pensionistici (…) Non possiamo tollerare oltremodo questa inaccettabile situazione anche perché non chiediamo nessun privilegio ma solo parità di trattamento con gli altri corpi (…) non c’è nessuna attenzione nemmeno per gli specialisti che soffrono una sperequazione ancora più elevata con gli altri corpi”. Non usa mezzi termini il segretario generale del sindacato autonomo Conapo Antonio Brizzi a seguito della manifestazione di piazza organizzata pochi giorni fa in segno di protesta per l’ultima, ennesima decisione delle istituzioni che penalizza tutto il corpo dei vigili del fuoco.

La bella notizia dei 50 milioni di euro da investire per i Vigili del Fuoco non è certo consolante, dal momento che si tratta di una cifra ampiamente insufficiente e che di certo non può garantire lo stesso trattamento degli altri corpi.

 

 

Vigili Del Fuoco. Le richieste non sono solo economiche

 

 

 

Il problema qui non è solo squisitamente economico, ma è ben più esteso: servono nuove leve per coprire la grave carenza di organico di 3 mila pompieri che mancano dai 32 mila previsti a livello nazionale; a questo si aggiunge che quelli in servizio hanno un età media troppo elevata.
Vogliamo poi aprire il capitolo sui mezzi? Con la fusione del corpo forestale all’interno dell’arma di carabinieri, perfino i mezzi antincendio in dotazione ai forestali non sono stati assegnati in via esclusiva ai vigili del fuoco che si ritrovano con 365 mezzi, mentre gli altri 8 mila sono defluiti nell’arma.

 

Questo avviene nonostante la legge Madia prevedesse chiarente, a fronte della fusione, che “le competenze del medesimo Corpo forestale in materia di lotta attiva contro gli incendi boschivi e di spegnimento con mezzi aerei degli stessi da attribuire al Corpo nazionale dei vigili del fuoco con le connesse risorse”.

 

 

Fonte: conapo / rainews / ilgiornale
Valentina Stipa

 

 

 

 

 

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • RSS
  • Pinterest