Dipendenti statali -il Blog-

Appunti e riflessioni per un dipendente statale

Appunti e riflessioni: La Community dei Dipendenti Statali e Pubblici

Community

Categorie

 

Visita fiscale per malattia dipendenti statali: ecco le giustificazioni



Visita fiscale per malattia dipendenti statali: ecco le giustificazioni
2.9 (58.67%) 15 Vota Questo Articolo

La curiosa “epidemia” di massa che ha colpito i vigili del Comune di Roma nella notte di Capodanno ha spalancato polemiche ed interrogativi: 83 % di dipendenti a casa per malattia, donazione sangue o legge 104 proprio durante la notte di San Silvestro.

 

Visita fiscale malattia

Assenze per malattia: lo scandalo di Capodanno

 

Sugli oltre mille agenti che inizialmente avevano dato la disponibilità a lavorare, soltanto 165 erano effettivamente reperibili. All’origine delle assenze si delineano questioni contrattuali, soprattutto la mancata equiparazione alle altre forze dell’ordine. Ma la riflessione coinvolge la Pubblica Amministrazione nel suo complesso: che sia giunto il momento di ripensare alla disciplina che sovrintende al tema delle assenze per malattia nel pubblico impiego? La domanda è legittima. Dal Ministro della PA Madia al premier Renzi, sono diverse le voci che spingono verso una cambiamento della disciplina nel lavoro pubblico.
A tal proposito pare interessante effettuare un rapido approfondimento tematico, affrontando una sintetica esplorazione della disciplina delle giustificazioni utilizzabili nel settore dell’impiego pubblico per le assenze durante le ore visite fiscali per malattia.

 

Visite fiscali: le giustificazioni per le assenze

 

I dipendenti pubblici devono garantire la disponibilità ai fini della visita fiscale per malattia 7 giorni su 7, compresi i giorni non lavorativi, festivi, prefestivi (anche i weekend) nelle fasce che vanno al mattino dalle 9 alle 13 e nel pomeriggio dalle 15 alle 18: in tali orari i lavoratori statali sono tenuti a rimanere presso la residenza indicata nella documentazione medica di malattia.
In linea generale l’assenza durante le fasce di reperibilità inerenti alle visite fiscali per malattia potrebbe essere considerata giustificata in presenza di situazioni, documentate in maniera congrua, che abbiano reso imprescindibile e indifferibile la presenza del lavoratore altrove, al fine di evitare gravi conseguenze per sé o per gli altri membri della famiglia. In tal senso un ampliamento del raggio di possibilità di giustificazione a vantaggio del dipendente ospedaliero è fornito dalla sentenza della Cassazione n. 5718 del 9 marzo 2010: nelle motivazioni della pronuncia dei giudici si afferma che il dipendente assente dal lavoro per malattia, qualora deduca un giustificato motivo per la non reperibilità alla visita fiscale domiciliare di controllo, ha l’onere di provare che la causa del suo allontanamento dall’abitazione durante le previste fasce orarie, pur senza necessariamente integrare una causa di forza maggiore, costituisce, al fine del contemperamento con altri interessi di pari grado, una necessità determinata da situazioni comportanti adempimenti non effettuabili in orari diversi da quelli di reperibilità.

 

Visite fiscali malattia, la legittima giustificazione secondo la Cassazione

 

Le sanzioni per la mancata presenza belle fasce di reperibilità oscillano tra la decurtazione dello stipendio e la sanzione disciplinare vera e propria che viene comminata in alcuni casi. In linea teorica la legge prevederebbe anche il licenziamento in caso di reiterazione continuativa della violazione di tali doveri, ma nell’applicazione reale ciò non accade praticamente mai.
Ma la questione della legittima giustificazione all’assenza alle visite fiscali per malattia si scinde in molteplici rivoli: la casistica normativa e giurisprudenziale inerente alla materia delle giustificazioni da parte del dipendente è quanto mai ampia. Per esempio è legittimo considerare giustificato motivo di assenza non solo lo stato di necessità o di forza maggiore, bensì anche una “seria e valida ragione socialmente apprezzabile”, afferma sempre la Cassazione (6 aprile 2006 n. 8012): l’onere della dimostrazione di questa ragione grava sempre sul lavoratore dipendente.

 

Marco Brezza

 

 

Pinterest

Un Commento a “Visita fiscale per malattia dipendenti statali: ecco le giustificazioni”

  1. firak Says:

    Quali sarebbero queste grandi “novità” oltre che il passaggio dal calderone ASL all’Inps magnatutto?

Leave a Reply